Makers

SoftPro, 7 milioni di euro dall’Europa per ridisegnare il mondo delle protesi

Finanziato dall’Unione Europea, SoftPro vanta la partecipazione di alcuni dei più importanti centri di ricerca del mondo (compresi quelli italiani). L’obiettivo è quello di rendere le protesi accessibili a tutti e costruire dei “muscoli robotici” per renderle confortevoli.

La storia delle protesi comincia nell’antico Egitto, quando gli uomini, tra piramidi e faraoni, hanno realizzato quello che è considerato il primo dito protesico della storia. Da lì, questi dispositivi, hanno fatto moltissima strada. Inizialmente indossati con il solo scopo estetico, con il passare del tempo e il progredire della tecnologia, hanno acquistato anche un ruolo funzionale.

Protesi-Robot

Cos’è il progetto SoftPro

Nonostante lo sviluppo del settore biomedicale, la situazione attuale ancora non soddisfa appieno le esigenze di chi è costretto a vivere senza un arto. Certamente la robotica di riabilitazione ha fatto evidenti passi in avanti negli ultimi anni, ma ancora oggi molti dispositivi sono difficili da utilizzare e, soprattutto, non sono accessibili a tutti. Proprio dall’esigenza di aumentare la funzionalità dei device protesici e di renderli disponibili non più soltanto a una nicchia di persone, nasce il progetto SoftPro.

Tra i partner del progetto compaiono anche l’Istituto Italiano di Tecnologia, il centro “E. Piaggio”, l’Università di Siena e la QB Robotics, Tutti italianissimi. L’intento comune è quello di studiare tecnologie, basate sulla robotica ‘soft’, per sviluppare nuove protesi, esoscheletri e dispositivi di riabilitazione dell’arto superiore.

«Il nostro scopo è quello di produrre mani che riescono a rimpiazzare quelle che esistono oggi, con costi che sono contenuti e compatibili con quanto il servizio sanitario mette a disposizione degli amputati», racconta Antonio Bicchi, tra i coordinatori del progetto.

I tre obiettivi di SoftPro

Il progetto vuole raggiungere principalmente tre risultati:

1) Avere impatto sociale, aumentando il numero di disabili con accesso alle tecnologie e migliorando la qualità della loro vita.

2) Ridurre i costi per l’assistenza sanitaria, offrendo maggiore autonomia al disabile nelle attività quotidiane.

3) Favorire la crescita economica e occupazione, utilizzando una tecnologia open che porterà alla nascita di nuove imprese e rafforzerà quelle già esistenti.

SoftPro punta a questi traguardi in maniera metodica e non casuale. Alla base del progetto, infatti ci sono diverse ferme convinzioni. Innanzitutto sarà necessario comprendere in che modo le parti artificiali possano fisicamente comunicare con quelle naturali. In altre parole, occorre capire bene il linguaggio che può instaurarsi tra il corpo umano e il device, per semplificarlo il più possibile.

Secondo gli esperti, questo linguaggio si basa su sinergie sensori-motorie, di cui si hanno già buone competenze.

Muscoli robotici di nuova generazione

L’altra convinzione è quella di vedere nella soft-robotic il futuro delle protesi. SoftPro vuole rendere disponibile una nuova generazione di “muscoli robotici”, capaci di regolare la loro rigidità a seconda del compito che devono svolgere e, sicuramente, in grado di rendere le protesi più confortevoli. Inoltre, aprirà l’accesso non solo ai dati, ma anche alla la tecnologia sviluppata, allo scopo di costruire una comunità di utenti e sviluppatori che a sua volta contribuirà a portare avanti gli obiettivi del progetto.

Le pubblicazioni saranno open source, ma anche i dati sperimentali verranno condivisi con la comunità, per garantire il confronto e il controllo incrociato.

CeYgs4gWAAAwZ4J

Oltre 7 milioni di euro dall’Unione Europea

Infine, dal momento che l’obiettivo principale è quello di migliorare i prodotti protesici, è fondamentale iniziare dai bisogni reali dei pazienti. Per questo, SoftPro è convinta che sia importante affidarsi alle competenze di istituti clinici leader nel mondo che, ogni giorno, hanno a che fare con i pazienti.

Solo così sarà possibile realizzare un prodotto che è conveniente, resistente, facilmente utilizzabile ed economicamente sostenibile.

Il progetto verrà finanziato dalla commissione europea, nell’ambito di HORIZON 2020, il grande programma quadro dell’UE per la ricerca e l’innovazione. Ed è stato accolto talmente bene che il finanziamento si aggira intorno ai 7 milioni e mezzo di euro, per quattro anni di lavoro. Grazie alla collaborazione di importanti gruppi di ricerca di tutto il mondo, sono state gettate le basi neuroscientifiche e tecnologiche a sostegno di SoftPro. Dati i presupposti, ci aspettiamo grandi risultati.

Andrea La Frazia

Ti potrebbe interessare anche

I progetti di Google per aiutare chi combatte la disabilità nel mondo

Google Impact Challenge Disabilities è uno degli ultimi progetti di Google per supportare le iniziative non profit che nel mondo si impegnano per aiutare il prossimo. E non è lo sviluppo di nuove tecnologie il problema ma l’accessibilità: portarle a tutti e ovunque.

Inventano un gel anti-infezioni per la chirurgia ortopedica e guadagnano 2 milioni di euro all’anno

Dalla startup Novagenit la soluzione alle infezioni post-operatorie, che ogni anno costano ai sistemi sanitari nazionali europei 800 milioni di euro.

La retina hi-tech (italiana) che restituirà la vista a chi l’ha persa

Il team del dipartimento “Neurosciences and Brain Technologies” dell’Istituto Italiano di Tecnologia è riuscito a costruire un dispositivo per curare diverse malattie degenerative. La retina hi-tech sostituirà i fotorecettori presenti nel nostro occhio e funziona come un pannello fotovoltaico.

Spritam, il primo farmaco stampato in 3D approvato (e lodato) dal governo americano

La FDA (Food and Drug Administration) ha approvato il primo farmaco stampato in 3D. Combatte l’epilessia e, attraverso tecnologie innovative, risulta essere addirittura più solubile e digeribile rispetto alle pillole attualmente sul mercato.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti