Arte

Le illustrazioni che raccontano i mestieri nati con la tecnologia (e la rete)

Tony Ruth ha deciso di illustrare come il mondo del lavoro è cambiato grazie alla tecnologia. I suoi disegni, ispirati a Richard Scarry, descrivono in maniera ironica ed efficace tutti quei mestieri, nati di recente, e che rappresentano un’intera generazione di neo-lavoratori

La tecnologia, soprattutto negli ultimi decenni, ha cambiato e trasformato il mondo del lavoro. Sono nati nuovi mestieri che oggi iniziano a comparire sulle carte d’identità e ad avere il riconoscimento che meritano. Tony Ruth, illustratore e disegnatore di Chicago, ha deciso di provare a rappresentarle e spiegarle a chi ancora non le conosce (o le snobba).

Sì, perché non parliamo di nerd, informatici o amanti del computer. Ma di attività professionalizzanti che, volenti o nolenti, stanno modificando la società. Si chiama “Welcome to Business Town“, ed è ispirato ai lavori di Richard Scarry, un altro grande e storico illustratore americano.

1) L’influencer

tumblr_nyakquIgUj1u1hvc9o1_500

Uno dei mestieri più invidiati (e più odiati dalla massa). L’influencer è in grado di indirizzare le scelte di moltissime persone verso un mercato. Ascoltato e ammirato da tutti è così ambito da poter chiedere stipendi da favola e condurre una vita da pascià.

2) L’illustratore

tumblr_nun148QLUz1u1hvc9o1_500

Non se la passa così bene il grafico che, lavorando per grandi aziende, realizza i propri lavori in base a contenuti proposti da altri. La creatività, spesso osteggiata da chi commissiona il lavoro, viene messa a dura prova dalle richieste continue che arrivano via mail. Si ritiene, a torto, che debba lavorare spesso gratis e che possa essere subire la concorrenza di figure meno professionali, giovani e ricche di entusiasmo.

3) Il guru dei dati (e della loro visualizzazione)

tumblr_nskdzzAksa1u1hvc9o1_500

C’è tanto storytelling in un mestiere che consiste nel prendere la cosa più noiosa che esista in natura, i numeri, e trasformarli in qualcosa di accattivante per gli occhi e comprensibile per il cervello. Chiarezza, accuratezza, narrazione, sono alcune parole chiave che determinano questo lavoro.

4) Lo sviluppatore di mondi virtuali

tumblr_nnxzeoNuRB1u1hvc9o1_500

Trasformare concetti in esperienze, mondi virtuali in mondi reali. Uno dei mestieri più recenti ma anche più impegnativi e divertenti. Almeno da testare.

5) Il CEO teenager

tumblr_nlshhbHRnh1u1hvc9o1_500

Ecco questa ci ha lasciati un po’ interdetti. Oltre a farci molto ridere. L’occupazione del CEO teenager e miliardario? Semplice. Sposare la babysitter in un ambientazione da favola (o da serie televisiva).

6) Elon Musk

tumblr_nizzsgPNaZ1u1hvc9o1_500

 

Essere Elon Musk, in fondo, è un lavoro. Cambiare il mondo e riuscire a vedere il futuro non è da tutti. Ma chi ha i mezzi e le capacità per farlo deve assolutamente provarci. O no?

7) L’esperto di Criptovaluta

tumblr_ni5lclETv61u1hvc9o1_500

L’esperto di economia che assiste i propri clienti nell’entrare nel fantastico mondo dell’economia alternativa. È il massimo esperto di Bitcoin e di tutto quello che riguarda la sicurezza dei nostri risparmi.

Un mondo in evoluzione (fatto di grandi personaggi)

Ormai è tramontata l’idea che il nerd viva e passi le sue giornate immerso in un mondo tutto suo, lontano dall’attualità e da ciò che lo circonda. Molti di questi mestieri sono quelli a cui ambiscono le nuove generazioni, pubblicizzate da grandi personaggi come Mark Zuckerberg e Bill Gates.

In più, illustrati in modo così semplice ed efficace, possono essere un buon mezzo per spiegare ai bambini qual è il mestiere della propria mamma o del proprio papà. E quello che avete visto è solo una parte di un lavoro molto più ampio (pubblicato su Tumblr). E voi? Vi ritrovate?

Ti potrebbe interessare anche

10 vignette del 1900 che immaginavano il futuro (conservate da Isaac Asimov)

Nel 1899, Jean-Marc Côté diede vita ad un progetto ambizioso, chiamato “En l’An 2000”: provare ad immaginare (e illustrare) come sarebbe stata la vita cent’anni dopo. Un set straordinario di vignette conservato anche da Isaac Asimov.

365 disegni per raccontare la vita insieme (tributo all’amore)

Curtis, un giovane fotografo, ha preso la matita e ha iniziato a disegnare i momenti più importanti della vita con sua moglie Jordin. Dalla scoperta di aspettare un figlio alle semplici serate passate insieme sul divano. Un tributo all’amore, quello vero.

Ink, l’inchiostro magico (e amico dell’ambiente) che si rivela in 3 giorni

A Denver, in Colorado, hanno inventato un inchiostro magico, realizzato con batteri e microalghe, che è in grado di apparire subito o nel giro di tre giorni. Si chiama Living Ink e ha già raccolto oltre 30mila dollari su Kickstarter.

Raccontare la città di New York in 30 GIF | Video

James Curran ha passato un mese a New York e ha deciso di raccontarlo attraverso le GIF (Graphics Interchange Format). Una al giorno, animando scorci e particolari, persone e simboli. Il risultato è un video divertente e originale.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti