Health

Questa stampante 3D riproduce la cartilagine umana

Un team di ricercatori svedesi sta testando una tecnologia che permette di stampare in 3D tessuti umani: in futuro si potranno realizzare “pezzi di ricambio” per naso, orecchie e ginocchia

Quello della stampa 3D è un mercato che in solo tre anni arriverà a sfiorare i 27 miliardi di dollari, secondo stime di International Data Corporation. Una crescita che coinvolgerà diversi settori, dall’automotive alla produzione di beni di consumo, dal settore militare all’industria medica e farmaceutica. E proprio riguardo al settore biomedico, su Nature Biotechnology è stato pubblicato lo studio di un team di ricercatori svedesi del Wallenberg Wood Science Center, che ha deciso di utilizzare delle speciali stampanti 3D per riprodurre organi e tessuti umani. Per produrre tessuto cartilagineo tridimensionale è stato necessario realizzare un “inchiostro” contenente cellule umane viventi.

(Foto: WWSC)

La tecnologia del bioprinting

“Il bioprinting tridimensionale è una tecnologia dirompente, che promette di rivoluzionare l’ingegneria dei tessuti e la medicina rigenerativa”, spiega il responsabile del progetto, Paul Gatenholm. Grazie a questa stampante 3D infatti, sarà possibile fabbricare cartilagine umana viva, capace di crescere e prendere la forma desiderata fino a formare dei veri e propri “pezzi di ricambio” per il nostro corpo.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/IqLF7y0YEPk”]

Tutto ha inizio da un inchiostro speciale

Per creare il suo bio-inchiostro, la squadra di Gatenholm ha miscelato le cellule umane del tessuto cartilagineo condrociti – con minuscole fibre di cellulosa del legno (o prodotta dai batteri) e altre molecole complesse – polisaccaridi – estratte dalle alghe brune. Utilizzando questo mix di ingredienti i ricercatori sono riusciti a stampare le cellule umane vive secondo una precisa architettura – come ad esempio quella di un orecchio umano – che ha mantenuto la forma senza collassare.

(Foto: WWSC)

Per stimolare la crescita del tessuto poi, sono state aggiunte al composto alcune cellule staminali prelevate dal midollo osseo – cellule non ancora adulte che possono svilupparsi nella direzione che si desidera – che inducono i condrociti a proliferare più in fretta. La cartilagine stampata ha dimostrato di poter sopravvivere e crescere in provetta. Il passo successivo è stato l’impianto in un organismo vivente. In un secondo momento, la squadra di Gatenholm ha dunque stampato campioni di tessuto per impiantarli nei topi.

(Foto: WWSC)

Stampare “pezzi di ricambio” per l’uomo

I test realizzati sui topi hanno fatto registrare risultati stupefacenti: le cellule sono sopravvissute e hanno prodotto nuova cartilagine.

Lo sviluppo di questa ricerca potrebbe portare un giorno a impianti stampati su misura per l‘uomo.

Le cartilagini, a differenza di altre parti del corpo non si rigenerano. Non basta un gesso, come nel caso di un dito rotto. Anzi, ad oggi per curare una lesione grave a una cartilagine si ricorre alla sostituzione totale dell’articolazione con protesi, soggette anche a possibili fenomeni di rigetto. In futuro invece, atleti infortunati o persone colpite da artrite o lesioni, potranno riparare le cartilagini danneggiate delle loro ginocchia, ma anche di naso e orecchie, grazie ad una stampante 3D. “Stiamo lavorando sull’orecchio e sul naso – spiega Gatenholm – perché sono parti del corpo difficili da riparare chirurgicamente, ma speriamo che in futuro possano essere rigenerati con la stampante 3D e un bio-inchiostro prodotto con le stesse cellule del paziente”.

(Foto: WWSC)

Per passare dal laboratorio alla pratica medica però, la strada è ancora lunga.

“Occorrono ancora ulteriori studi prima di passare all’uomo”, precisa. L’obiettivo finale è quello di riuscire a “lavorare al fianco dei chirurghi plastici per produrre la cartilagine con cui riparare i danni causati da incidenti o tumori”. Intanto però, il suo team è già al lavoro su una nuova versione di stampante 3D, in grado di stampare pelle umana. Insieme ad una società di cosmetici, i ricercatori del Wallenberg Wood Science Center sono intenzionati ad utilizzare la pelle umana stampata in 3D per testare il make-up, i prodotti anti-rughe e sviluppare nuove strategie per prevenire i danni causati dall’esposizione solare.

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

A Padova il primo trapianto di mandibola con protesi stampata in 3D

Nella città veneta è stato effettuato il primo trapianto di mandibola con protesi stampata in 3D. L’ha realizzata una giovane azienda italiana, la Sintac, che stampa protesi dentarie su misura e low cost.

A Roma il primo centro italiano di impianti ossei stampati in 3D (e salverà molte vite)

È l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena il primo centro medico specializzato in impianti ossei stampati in 3D grazie alla collaborazione di due aziende tutte italiane. Una tecnologia in grado di salvare la vita a migliaia di pazienti e di migliorare la qualità degli interventi.

A Salamanca il primo storico impianto di sterno e gabbia toracica stampati in 3D (con video)

In Spagna è stato eseguito il primo impianto di gabbia toracica e sterno stampati in 3D. L’uomo, 54 anni, aveva subito l’asportazione delle ossa a causa di un tumore.

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo