Social Innovation

A Londra le cabine telefoniche diventeranno dei mini-uffici

Stampanti, scanner, wi-fi, prese di corrente, monitor e, ovviamente, caffè e tè. L’abbonamento prevede l’utilizzo di 23 cabine che potranno essere usate un’ora per volta. Ed è un progetto che potrebbe essere esportato anche in altri Paesi.

Non è la prima volta che le cabine telefoniche sono oggetto di trasformazioni e restyling. A Londra, però, hanno pensato a qualcosa di utile, come la costruzione di uffici temporanei e tecnologici. Ovvero dotati di stampanti, scanner, wi-fi, prese di corrente, monitor e, ovviamente, caffè e tè. Il costo sarà di cerca 20 sterline al mese si potrà avere l’accesso a circa 20 cabine sparse per il perimetro della città. A qualunque ora, della sera e della mattina.

telephone booth 4x3

Un ufficio temporaneo

Si chiameranno Pod Works e verranno costruiti dalla società Bar Works che ha già sperimentato servizi di coworking alternativi a New York, Leeds ed Edimburgo. La prima cosa da sapere è che non saranno spazi da monopolizzare. L’idea è quella che ne possano usufruire molte persone ma per poco tempo.

Dopo un’ora, infatti, bisognerà lasciare la cabina ad altre persone.

«Immagino che possano servire a tutti quelli che hanno bisogno di concentrarsi prima di un incontro di lavoro o che, semplicemente, desiderino avere una certa privacy nel momento in cui controllano la mail o che devono scrivere un articolo dopo un evento» ha detto Jonathan Black, CEO di Bar Works, a CoExist. Un’opportunità da non scartare in un mondo dove imprenditori, giornalisti e liberi professionisti sono sempre in movimento.

Un ri-utilizzo intelligente

Come capita in molte città del mondo, queste cabine sono sempre meno utilizzate e rischiano di venire completamente abbandonate. In alcuni casi sono diventate dei piccoli bar o stazioni per defibrillatori. A Londra, del resto, rappresentano un simbolo importante di quella che era la città fino a pochi decenni fa: «I numeri parlano di appena una chiamata a settimana. Per cabina. Così, quando ho guardato dentro, ho intravisto la possibilità di dare loro una nuova vita».

cabine_telefoniche_londra

Tutto è stato studiato nei minimi dettagli: «Abbiamo scelto luoghi di passaggio e traffico, quelli vicino a centri commerciali e a zone in cui la vita lavorativa è diffusa e confusa. Snodi particolari in cui questi spazi diventeranno fondamentali». Unico neo: non si approfondisce molto sui sistemi di protezione che le cabine avranno da vandali e ubriachi. Ma forse questo è un pensiero molto “italiano”. Per ora Black è riuscito ad affittarne 23 ma l’obiettivo, se il progetto dovesse funzionare, è quello di espandersi a Londra ed esportare il modello in altre città del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

A Londra la prima piscina (all’aperto) purificata dalle piante

Niente più cloro. Al King’s Cross Pond Club di Londra, il primo laghetto artificiale balneabile del Regno Unito, l’acqua viene filtrata interamente grazie a processi naturali. Sembra uno stagno ma in realtà è un modo per ristabilire l’equilibrio tra uomo e natura.

A Londra nascono piste ciclabili sotterranee, green e ipertecnologiche

“London Underline” mira al decongestionamento del traffico cittadino. Il progetto prevede il riutilizzo dei vecchi tunnel dismessi della metro da trasformare in vere e proprie piste ciclabili sotterranee, con tanto di negozi, ristoranti e bar.

Apple, Facebook, Google: così la Silicon Valley diventerà una nuova Versailles

Un articolo dell’Economist racconta i progetti architettonici che stanno cambiando la Silicon Valley. Rinnovabili, open space e moltissimo verde. Così presto si parlerà di nuova Versailles portando molti più turisti. Ma c’è un rischio? Forse sì.

AREEA, la bevanda (italiana) che depura il corpo dagli effetti dell’inquinamento

Un team italiano, accelerato a Londra, ha creato una bevanda con un enzima in grado di depurare il nostro corpo dagli effetti dell’inquinamento. Dopo le validazioni necessarie (sì, funziona) ora è pronto per il lancio sul mercato.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.