Device

Cyrano, il dispositivo che consente di inviare messaggi profumati

Ispirato al famoso personaggio di Rostand, Cyrano è un device di forma cilindrica che contiene cartucce profumate. Controllato da da un’applicazione chiamata oNotes, permette di mandare messaggi speciali.

Vi è mai capitato di sentire il profumo della crema solare, in una giornata di pioggia, e ritrovarvi in riva al mare? Oppure giocare con la plastilina di un fratello più piccolo, venire colti dal suo odore e ritrovarvi all’asilo a schiacciarla e allungarla? E la resina dei pini, con il suo profumo pungente ma dolce, non vi riporta all’istante nella pineta salentina, dove trascorrevate il campeggio? Buoni o cattivi, gli odori producono nella nostra mente associazioni immediate. L’olfatto è, senza dubbio, il senso più potente di cui disponiamo

[vimeo id=”164400083″]

Sentire il profumo dei ricordi

Ricordi di luoghi, avvenimenti, persone, restano incastrati in essenze e, se ci concentriamo, siamo ancora in grado di riafferrarli. La potenza dell’olfatto è riconosciuta da tutti. Addirittura Italo Calvino, in Il nome il naso, scriveva di un uomo alla ricerca di una donna, della quale conosceva e riconosceva il solo profumo. E paragonava gli odori ai vocaboli di un lessico prezioso. Forse sì. Forse è lecito pensare agli odori così come pensiamo alle parole.

cyrano

L’omaggio a uno dei nasi più famosi della letteratura

In fondo a entrambi è possibile affidare la comunicazione di qualcosa. Ma si sa che descrivere un odore è molto, molto difficile. E fare in modo che dalla descrizione che diamo, il nostro interlocutore lo percepisca precisamente, e venga trasportato lì dove siamo stati trasportati noi è ancora più difficile.

A meno che non disponiamo di uno degli ultimi gioiellini che la tecnologia ci ha messo a disposizione.

Il suo nome è Cyrano, palese omaggio a uno dei nasoni più famosi della storia, personaggio dell’omonima commedia di Rostand. L’azienda Vapor Communications , che lo ha prodotto, fornisce con questo dispositivo il tassello mancante alla comunicazione. Cyrano è un piccolo dispositivo di forma cilindrica che contiene cartucce profumate, controllato da un’applicazione chiamata oNotes.

Come funziona Cyrano

Ma come funziona? Gli utenti possono scaricare l’app dall’Apple Store gratuitamente. A questo punto potranno scattare una fotografia a un qualsiasi oggetto e associare a esso un profumo. La creazione del profumo avviene scegliendo fino a otto fragranze tra le trentadue a disposizione, e combinandole tra loro. E se la matematica non è un’opinione, sarà possibile creare fino a trecentomila combinazioni diverse e uniche, da allegare a messaggi.

«Un giorno, molto presto, qualsiasi utente, ovunque, sarà in grado di ricevere un messaggio profumato, evocando un ricordo, un piacere culinario, o la pace della mente, in modo simile a come ci scambiamo informazioni audio oggi con gli amici di tutto il mondo», ha detto David Edwards, fondatore e CEO di Vapor Communications.

È inoltre possibile utilizzare l’app oNotes per sincronizzare i profumi creati alla nostra musica preferita.

È possibile creare playlist che, con note e essenze, ci metteranno nello stato d’animo che scegliamo. Cyrano arriva in un momento particolare per il mondo della tecnologia. Immaginiamolo come supporto alla realtà virtuale, basata finora solo su segnali visivi e uditivi. Certamente l’esperienza di immersione in un altro luogo diventerà molto più completa e realistica.

Per non parlare, poi, del mondo della pubblicità che potrà essere rivoluzionato, mettendo i consumatori a diretto contatto con il prodotto. Creme, profumi, pietanze potranno essere pregustate da chi, sicuramente colpito da questa esperienza, le acquisterà. Oggi Cyrano costa 150 dollari e le cartucce di cui si serve costano dai 12 ai 20 dollari a confezione. Se i costi si abbasseranno, la rapida diffusione del dispositivo sarà certamente garantita.

Andrea La Frazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

La tecnologia a pedali (e senza elettricità) delle Bicimaquinas del Guatemala

Le #Bicimaquinas sono macchine create riciclando vecchie biciclette: smerigliatrici, trebbiatrici, macchine per piastrelle, sgranatoi per noci, frullatori (e molto altro) che funzionano senza elettricità. E hanno cambiato la vita in un paese povero del Guatemala.

Batteri e carta: il biosensore low cost per scoprire se l’acqua è contaminata

A Barcellona hanno inventato un biosensore, a basso costo, fatto di carta assorbente e ricoperto da uno strato di batteri. Serve a scoprire se l’acqua (qualunque tipo) è contaminata.

Il naso (elettronico) per la diagnosi precoce del cancro al polmone

È una tecnologia sviluppata e validata in Italia dall’Istituto Oncologico di Milano e dell’Università Tor Vergata di Roma. Riesce a individuare la presenza del tumore ai primissimi sintomi grazie a micro-bilance al quarzo.

La donna che censisce e salva i pipistrelli del Missouri (e delle grotte di Mark Twain)

Kirsten Alvey-Mudd ha dato vita a un censimento per salvare i pipistrelli colpiti dalla sindrome del naso bianco del Missouri. Un luogo fatto di 6mila grotte carsiche di cui si innamorò anche Mark Twain.

Nasce GroupoRn (e no, non è assolutamente un fake)

Chef sexy a domicilio, manette e viaggi per single. Groupon trasforma i doppi sensi in uno spin-off dedicato a eros e seduzione: si chiama Groupo(R)n, e promette coupon e sconti su esperienze locali, viaggi e prodotti di ogni genere. Anzi, di quel genere

Ricatti, usb infette e password banali: il pericolo cresce in azienda

Il 60 per cento di tutti gli attacchi informatici è perpetrato dal personale e 1 su 4 di questi attacchi è accidentale. I dipendenti cliccano per un allarmante 23 per cento del tempo su email di phishing