Makers

A Dubai il primo ufficio interamente stampato in 3D | Video

Copre un’area di circa 250 metri quadrati e bastano 17 giorni per stamparlo. Rientra nel piano che porterà la metropoli degli Emirati Arabi Uniti a diventare punto di riferimento mondiale entro il 2030.

Bastano 17 giorni per stamparlo e 2 giorni per installarlo. A Dubai è stato presentato il primo ufficio interamente stampato in 3D. Copre un’area di circa 250 metri quadrati ed è stato progettato per ridurre i consumi energetici e abbattere i costi di produzione. Ospiterà la sede della Dubai Future Foundation ma presto sarà verrà messo sul mercato.

[youtube id=”lbaLpR_Jp8E”]

I materiali

L’ufficio è stato costruito utilizzando una speciale miscela di cemento e materiali da costruzione, creata in collaborazione tra Emirati Arabi Uniti e gli Stati Uniti, e testata rigorosamente sia in Cina che nel Regno Unito. Tutto per garantire la massima affidabilità e sicurezza.

image

Per realizzarlo è stata usata una stampante alta 6 metri, lunga 36 metri e larga 12. E come ricorda What’s On, è uno strumento che richiede la supervisione di una sola persona per poter funzionare correttamente. Per installarlo, invece, c’è bisogno di una squadra più ampia, compresi elettricisti e ingegneri.

Ma la stima indica che, alla fine, si riuscirà a tagliare del 50% il personale necessario.

2

Un piano ambizioso

L’annuncio è arrivato direttamente dallo Sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vice-presidente e primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti, nonché governatore di Dubai: «L’apertura del primo ufficio stampato in 3D ufficio porta alla costituzione di un nuovo modello di sviluppo e costruzione. E arriva ad un mese dall’annuncio del Dubai 3D Printing Strategy». Il piano strategico che porterà la metropoli degli Emirati Arabi Uniti a diventare, entro il 2030, il punto di riferimento mondiale della stampa 3D. O almeno questo è l’obiettivo dichiarato.

Ti potrebbe interessare anche

A Padova il primo trapianto di mandibola con protesi stampata in 3D

Nella città veneta è stato effettuato il primo trapianto di mandibola con protesi stampata in 3D. L’ha realizzata una giovane azienda italiana, la Sintac, che stampa protesi dentarie su misura e low cost.

A Roma il primo centro italiano di impianti ossei stampati in 3D (e salverà molte vite)

È l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena il primo centro medico specializzato in impianti ossei stampati in 3D grazie alla collaborazione di due aziende tutte italiane. Una tecnologia in grado di salvare la vita a migliaia di pazienti e di migliorare la qualità degli interventi.

Ad Amsterdam il primo ponte stampato in 3D (senza l’intervento dell’uomo) | Video

In Olanda si stamperà in 3D un ponte intero, senza l’intervento dell’uomo: «Così mostreremo le potenzialità che può avere questa tecnologia in progetti di grandi dimensioni e di forte impatto sociale».

Body scanning, software, stampa 3D: è traspirante e lavabile il gesso del futuro

Secondo i creativi italiani della startup biomedica Holey entro i prossimi 10 anni negli ospedali ci saranno sezioni dedicate alla progettazione informatica dei tutori per ogni tipo di frattura.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti