Nuovi Materiali

FORMcard, la bioplastica che aggiusta (quasi) tutto

FORMcard è una bioplastica (grande quanto una carta di credito) che puoi tenere nel portafoglio e usare per aggiustare oggetti o creare supporti. Si scalda con acqua calda, si modella, si crea e infine si aspetta che raffreddi. Ed è più resistente del nylon.

Ci sono cose che prima di essere raccontate devono essere viste. Come FORMcard, la bioplastica innovativa, inventata dal designer inglese Peter Marigold. Cos’è? Un materiale innovativo in grado di aggiustare quasi tutto:

[youtube id=”iBMSwoOHXx8″]

Un materiale da tenere nel portafoglio

Grande quanto una carta di credito, FORMcard si può tenere tranquillamente nel portafoglio e usare in situazioni di emergenza. Se imbevuta nell’acqua calda, infatti, diventa istantaneamente malleabile e lavorabile per tornare rigida e resistente pian piano che si asciuga e raffredda. E diventa forte come il nylon. In questo modo è possibile riparare oggetti come ombrelli, giocattoli, maniglie e bottoni.

Basta seguire le 4 M: “Melt, Mould, Make, Mend”. Ovvero: Sciogli, Modella, Crea, Aggiusta.

Around-a-campfire

FORMcard scatena la creatività

Ma non solo. Come suggerisce Marigold, questa bioplastica può alimentare la creatività di ciascuno di noi. Come con il pongo o altri tipi di materiali che abbiamo utilizzato durante la nostra infanzia e adolescenza. Non è difficile immaginare nuovi oggetti come manici per i nostri utensili o supporti per i nostri device. Le tessere sono disponibili in varie confezioni che possono contenere dai 3 ai 17 pezzi per un costo che non supera le 40 sterline (poco più di 50 euro).

FORMcard

Atossiche e premiate dal crowdfunding

Le tessere sono totalmente atossiche e non rappresentano un rischio per la nostra salute. Sono stato oggetto di due campagne di crowdfunding: la prima ha raccolto 28mila sterline (Kickstarter); la seconda 106mila sterline (Indiegogo). Il totale? Poco meno di 180mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Denise Schindler, la ciclista che andrà alle Paraolimpiadi con la prima protesi sportiva stampata in 3D

Quest’anno Denise Schindler parteciperà ai Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro 2016 con una protesi nuova di zecca. Sarà la prima atleta a usare una protesi sportiva totalmente stampata in 3D e realizzata in policarbonato.

È italiana la finestra del futuro che si trasforma in pannello solare

All’Università Bicocca stanno sviluppando lastre di plastica dotate di nanoparticelle in grado di catturare la luce e trasformare una finestra in un pannello solare. Il progetto vanta la collaborazione del Los Alamos National Laboratory e dell’azienda statunitense UbiQD.

E se la Stampa 3D fosse già superata? Ecco il futuro 4D printable

In un presente in cui il progresso corre veloce è possibile già affermare che la stampa 3D inizi a essere “obsoleta”. Il motivo? C’è un mondo in divenire, quello del 4D printable, che si fa sempre più spazio. Ecco come.

È siciliana la startup che crea la prima bioplastica con la canapa

La prima plastica ecosostenibile è stata sviluppata da una startup catanese, Kanèsis, crasi tra la parola canapa e il termine greco κίνησις (kinesis), ossia “movimento”. Un materiale innovativo ideato da un giovane studente di ingegneria, Giovanni Milazzo, e dal suo team.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.