Green Tech

Clear Wood, il legno trasparente che rivoluzionerà l’architettura e l’ingegneria

Creato alla University of Maryland, si appresta ad essere il protagonista di una rivoluzione architettonica, urbanistica ed energetica senza precedenti

Architetti ed ingegneri di tutto il mondo sono alla continua ricerca di materiali ecologici e sostenibili per costruire gli edifici del prossimo futuro. In modo quasi inaspettato, ecco che sulla scena ritorna un vecchio e antichissimo materiale, ma che è stato ripensato e immerso nella tecnologia, prendendo così nuova vita e nuove possibilità di utilizzo: il legno.

La CNN riporta come nel corso dell’ultimo anno, gli scienziati della University of Maryland hanno lavorato per sviluppare una versione “trasparente” e estremamente forte di legno.
Il clear wood, chiamato così dal dottor Hu Liangbing del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università, è più robusto rispetto al legno tradizionale, e può essere utilizzato al posto di materiali meno eco-compatibili, come le materie plastiche e inorganiche.

Clear wood, il legno trasparente che rivoluzionerà l'architettura

In un mondo in cui la moderna architettura urbana si basa considerevolmente sull’utilizzo di vetro e acciaio, il legno trasparente può essere una valida alternativa, e potrebbe rivoluzionare i concetti di design, oltre a ridurre i costi di riscaldamento e contribuire al minor consumo di carburante.

Com’è fatto il “clear wood”

Hu Liangbing descrive il processo di creazione del clear wood in due fasi: in primo luogo, la lignina (una sostanza organica presente nelle pareti cellulari di alcune piante) viene rimossa chimicamente dal pezzo di legno. Questo step è lo stesso compiuto nella produzione della pasta per la carta. La lignina è responsabile del colore giallognolo del legno.

Il secondo passo è quello di iniettare nelle venature del legno una resina epossidica, che può essere pensata come un agente che va a rafforzare la struttura del materiale. Le resine epossidiche sono comunemente usate negli adesivi e per rinforzare materiali compositi utilizzati per la costruzione. Il processo, che dura circa un’ora, viene fatto per mantenere la composizione delle nanofibre di cellulosa presenti nel legno.

«Grazie a questo processo – racconta Hu Liangbing – per la prima volta siamo in grado di mantenere la struttura portante del legno, renderlo trasparente, e allo stesso tempo rendendolo più forte

Clear wood, il legno trasparente che rivoluzionerà l'architettura

I vantaggi del clear wood

I risultati della ricerca della University of Maryland sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Advanced Materials, e prevedono implicazioni ad ampio raggio.

Nell’immediato futuro il dottor Hu vede il clear wood come materiale sostitutivo al vetro.
«Le finestre di vetro hanno un cattivo isolamento termico», spiega Hu. Il legno al posto del vetro riuscirebbe a isolare efficacemente dal freddo e mantenere zone fresche in casa nella stagione calda.

Lo studio rivela inoltre come il clear wood potrebbe essere utilizzato come materiale per nuove celle ottiche al fine di trattenere i raggi solari e il calore da trasforma in energia elettrica. L’efficienza di questi nuovi pannelli fotovoltaici aumenterebbe del 30%, poiché la quantità di luce assorbita sarebbe più elevata.

Clear wood, il legno trasparente che rivoluzionerà l'architettura

Per quanto riguarda il clear wood pensato come materiale da costruzione, offre possibilità su larga scala per architetti e ingegneri: «potenzialmente, il legno trattato in questo modo può superare la forza dell’acciaio, con l’ulteriore vantaggio di una maggiore leggerezza» spiega Hu.

Attualmente, la squadra di Hu è alla ricerca di ulteriori finanziamenti per espandere la potenza di fuoco del progetto, e prevede che il legno trasparente potrà essere proposto sul mercato nel giro di cinque anni.

Luca Scarcella
@LuS_inc

  • Matteo

    Dunque, qui si prende il legno e lo si svuota della sua parte organica e marcescibile, la lignina, e lo si riempie di resine epossidiche, notoriamente tossiche ( http://rifaccio.casa/2015/la-resina-e-un-materiale-molto-pericoloso-lo-sapevi/ ) per farlo diventare trasparente come il vetro. Gli si dà il nome “Clear wood”, che è piuttosto fuorviante: è un materiale morto che non ha più niente a che vedere con il legno da cui trae origine e con le sue caratteristiche. È come se si vedesse una bambola gonfiabile col nome “donna che non dice di no”: può anche essere una replica anatomicamente simile per scopi ludici, ma non è una donna. Non mentiamoci, per favore. Inoltre non è un prodotto isolante, come descritto. Quello che isola in una vetrocamera per serramenti è l’intercapedine tra le lastre di vetro e non il vetro. Sostituendo il vetro con materiale plastico non si ottengono prestazioni migliorative sensibili. Altrimenti oggi avremmo già sul mercato finestre con lastre in metacrilato o plexiglas al posto del vetro.

    • Sara Legnano

      Condivido appieno a quanto scrive Matteo!!!
      Un esempio di un regresso terribile della salute e della naturalità…!

Ti potrebbe interessare anche

Apple, Facebook, Google: così la Silicon Valley diventerà una nuova Versailles

Un articolo dell’Economist racconta i progetti architettonici che stanno cambiando la Silicon Valley. Rinnovabili, open space e moltissimo verde. Così presto si parlerà di nuova Versailles portando molti più turisti. Ma c’è un rischio? Forse sì.

E se la Stampa 3D fosse già superata? Ecco il futuro 4D printable

In un presente in cui il progresso corre veloce è possibile già affermare che la stampa 3D inizi a essere “obsoleta”. Il motivo? C’è un mondo in divenire, quello del 4D printable, che si fa sempre più spazio. Ecco come.

Un report svela come sarà la vita nel 2116

Droni usati come automobili, città immerse nell’oceano, grattacieli verticali e case che diventeranno sempre più smart: sarà questa la vita tra cento anni secondo il report Smart Things Future Living

Il progetto del Principato di Monaco per stampare barriere coralline in 3D (con sabbia dolomitica)

Il progetto, sviluppato dalla Fondazione del Principe Alberto con l’azienda Boskalis, prende spunto dal lavoro di Enrico Dini e vuole essere un punto di svolta per una tecnologia che in futuro potrà creare nuovi ecosistemi marini.

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure