Droni

ONAGOfly, il piccolo drone autonomo che sbanca Indiegogo (e ricorda il fallimento-Zano)

Ottenendo una quantità di fondi quasi mille volte superiore al goal prefissato, ONAGOfly si appresta ad aggredire il mercato. Un drone che decolla, viaggia e atterra in modo autonomo, scattandoti selfie e registrando video in full HD.

Gli appassionati di droni (e di crowdfunding) ricorderanno quella che è stata la campagna europea di maggior successo di Kickstarter: il minidrone Zano.
Apparso sulla piattaforma di crowdfunding nel dicembre 2014, è riuscito a raccogliere ben 3,6 milioni di dollari: dopo numerosi ritardi nelle consegne (erano previste per il giugno scorso), il 18 novembre 2015 il CEO di Torquing Group, Ivan Reedman, ha annunciato la morte definitiva del progetto e la volontà di liquidare i creditori. Creditori, infuriati, ancora in attesa che venga loro restituito il denaro (c’è anche una petizione su change.org).

ONAGOfly, il piccolo drone autonomo che sbanca Indiegogo

Zano sarebbe stato il primo mini-drone in grado di volare in autonomia (collegandosi col GPS dello smartphone), scattare selfie dall’alto e effettuare riprese video.

Dopo di lui, sul finire del 2015, è comparso Hexo+, nato da Squadron System. Un ottacottero in grado di decollare, seguire e inquadrare l’utente in modo completamente autonomo, filmando il paesaggio e il proprietario con movimenti predeterminati della videocamera. Per impostarlo basta utilizzare l’applicazione Hexo+: il drone è in vendita al prezzo di 1349 dollari sul sito ufficiale.

ONAGOfly: il mini-drone che fa impazzire i backers

Ecco che, su una differente piattaforma di crowdfunding, Indiegogo, compare un nuovo mini-drone autonomo, che ricorda tanto Zano. L’ha ricordato molto anche agli appassionati del settore, ma la tentazione di supportare il progetto era, a quanto pare, irresistibile: così ONAGOfly è riuscito ad ottenere quasi 1,5 milioni di dollari (il goal “flessibile” – avrebbero preso i soldi anche non raggiungendolo – era fissato a 150 mila dollari).

Le caratteristiche

I più di sei mila backers che hanno deciso di supportare il progetto sono stati sicuramente abbagliati dalle scintillanti caratteristiche del mini-drone, che abbiamo potuto ammirare nel video qui sopra. Su YouTube, però, i commenti al teaser sono piuttosto acidi, e gli utenti scommettono in un clamoroso fallimento come il precursore Zano.

Ma, stando alla scheda tecnica su Indiegogo, il gioiellino ha una massa di appena 140 grammi, è dotato di una fotocamera da 15 megapixels e può registrare video in full HD (che possono essere gustati anche in diretta streaming grazie al peer to peer). Con il GPS integrato e il modulo wi-fi può connettersi allo smartphone, dal quale può essere controllatto attraverso l’apposita applicazione. Il mini-drone è in grado di schivare gli ostacoli che può incontrare durante il suo percorso, con una autonomia di batteria di 15 minuti.

ONAGOfly, il piccolo drone autonomo che sbanca Indiegogo

ONAGOfly: e ora?

La curiosità è tanta: potremo finalmente scattarci selfie senza bastone grazie al mini-drone?
Al di là della triste rima, molti di quelli che hanno investito denaro su ONAGOfly sono gli stessi che avevano investito su Zano. La paura di un altro fallimento c’è: non ci resta che attendere e vedere come il modello verrà prodotto entro febbraio 2016, per poi essere distribuito ai sostenitori in marzo e affidarlo ai rivenditori in aprile. Teniamo d’occhio la pagina di Indiegogo, e se vi ispira fiducia acquistatene uno in prevendita. Si parte da 199 dollari, più spese di spedizione: non così economico, ma sai quanti likes ai selfie che pubblicherai su Facebook?

@LuS_inc

Ti potrebbe interessare anche

Arriva da Modena il pavimento che rileva i movimenti, i flussi e le abitudini di chi lo calpesta

Realizzato da un’azienda modenese, al primo impatto è un semplice pavimento in ceramica. Ma è dotato di un sistema sensoriale che permette di rilevare qualsiasi movimento e identificarne la natura. Testato per monitorare i flussi dei visitatori del Museo storico di Lecce, in futuro potrà essere installato nelle nostre case per rilevare, ad esempio, la caduta di anziani soli.

Foglie come mini-turbine. L’albero eolico conquista (anche) Ginevra

Quest’albero, nato nel 2011, è dotato di mini-turbine al posto delle foglie. Integrandosi perfettamente nell’ambiente cittadino funziona 320 giorni all’anno anche con venti deboli.

La città fantasma del futuro e altri 2 super progetti hi tech (fatti da Adidas e Microsoft)

Microsoft ha costruito la camera più silenziosa del mondo (entrata nel Guinness World Record); Adidas realizza scarpe personalizzate per ogni cliente (con la stampa 3D); Pegasus progetta una città fantasma per testare le tecnologie del futuro. Le news hi tech della settimana.

Luce, sostenibilità e big data: a Buenos Aires pronti 91mila lampioni smart

È partito dalla Capitale argentina il progetto di una rete di illuminazione smart per le città del futuro. Pronti 91mila lampioni “intelligenti”: monitoreranno i flussi di traffico, la situazione dei parcheggi e comunicheranno con le piattaforme di controllo.

Il senso del round di MoneyFarm con Allianz, secondo Paolo Galvani

A quasi un anno dal primo grande round da 16 milioni e all’indomani dell’annuncio di un altro round con il gruppo Allianz, abbiamo intervistato il presidente di MoneyFarm Paolo Galvani. Consigli alle startup fintech? «sfatiamo il mito delle banche che cercano startup, bisogna puntare tutto sul team per impressionare gli investitori».