Makers

LEGO giganti (nati in Italia) per costruire delle case vere

Mattoni fatti come i LEGO. Si chiamano SpeedyBrick e li ha inventati un ingegnere di Aosta, Flavio Lanese. Si legano grazie ad elementi metallici che garantiscono resistenza e totale sicurezza, ma anche grande versatilità in tutte le costruzioni.

Un ingegnere italiano, il simbolo della nostra infanzia e un’idea vincente. Potrebbe riassumersi così la storia degli SpeedyBrick letteralmente “mattone veloce”. Dei veri e propri LEGO giganti con i quali in futuro potremo costruire di tutto, da elementi di design a pareti, e persino intere case in cui abitare.

(Foto: Flavio Lanese)

Nati ad Aosta

Li ha creati (e brevettati) un ingegnere di Aosta, Flavio Lanese: «Li ho pensati anche per chi è in difficoltà a montare un mobile dell’Ikea». La semplicità infatti, è uno dei punti di forza di questa sua invenzione, che replica il sistema ad incastro dei famosi mattoncini. Un giorno se servirà una parete in più nel nostro nuovo appartamento insomma, la potremo fare da soli, senza troppi sforzi, con un sacchetto pieno non di calce, ma di veri mattoni LEGO.

(Foto: Flavio Lanese)

Semplicità nel montaggio e grande resistenza

Questi mattoni si legano tra loro grazie ad elementi metallici che «garantiscono la resistenza delle costruzioni alle sollecitazioni di trazione, compressione e pressoflessione», rivela Lanese. I manufatti risultano dunque strutturalmente molto solidi.

Leggero e ben isolato termicamente, è semplice, resistente, armato in acciaio e antisismico

Inoltre, sono predisposti per l’installazione di impianti elettrici, idraulici e reti telematiche.«Li immagino in vendita nei negozi per il bricolage», racconta Lanese. «Tutti potranno prenderne una o due confezioni e costruire qualsiasi cosa, dalle piscine fai-da-te ai camerini dei negozi»

(Foto: Flavio Lanese)

Sì perché, uno dei grandi vantaggi (nonché l’aspetto più divertente) di questi innovativi elementi è che potranno essere riutilizzati infinite volte per realizzare costruzioni sempre nuove. «Se entreranno in commercio, l’unico limite sarà la fantasia, come per i LEGO», chiosa il suo creatore.

E montando e smontando le nostre creazioni, potremo «costruire forme particolari, ma soprattutto non si spreca nulla, non si fa polvere né si devono smaltire calcinacci», sottolinea Lanese.

(Foto: Flavio Lanese)

Una vera rivoluzione per i cultori del “fai da te”

Seguendo facilissime manovre di assemblaggio dunque, sarà possibile realizzare complementi di arredo e pareti, senza usare leganti, colle o malte. La modularità degli elementi poi, non comporta lavorazioni di finitura – forature, segature, ecc. – rivestimento o tinteggiatura. Inoltre, gli SpeedyBrick possono essere realizzati in diversi materiali, «dal legno ai materiali plastici e compositi, in qualunque combinazione, sempre con la filosofia del riutilizzo».

(Foto: Flavio Lanese)

È ancora presto però, per cominciare a rivestire le nostre case di mattoni LEGO.

«Il destino di questa invenzione è ancora tutto da scrivere», ammette l‘ingegnere italiano. «Sto ricevendo richieste da aziende e potenziali partner: si potranno realizzare box auto in cortile e cabine per piccoli stabilimenti balneari. Con plastiche più raffinate si potranno arredare uffici o abitazioni, anche con l’uso dei laterizi o della pietra».

D’altra parte, quella di costruire da soli la propria casa è un’idea che si avvicina molto alla filosofia dell’open source, dei makers e delle stampanti 3D. E siamo sicuri che gli SpeedyBrick potranno egualmente rappresentare una rivoluzione per il settore dell’edilizia domestica. E così le nostre case non dovranno più trasformarsi in enormi e polverosi cantieri. Pronti a dire addio a calcinacci, stress e problemi?

@antcar83

Ti potrebbe interessare anche

Apple, Facebook, Google: così la Silicon Valley diventerà una nuova Versailles

Un articolo dell’Economist racconta i progetti architettonici che stanno cambiando la Silicon Valley. Rinnovabili, open space e moltissimo verde. Così presto si parlerà di nuova Versailles portando molti più turisti. Ma c’è un rischio? Forse sì.

Bio-on: a Bologna nasce la plastica green per i giocattoli, biodegradabile al 100%

I laboratori bolognesi di Marco Astorri e del suo team hanno realizzato un nuovo tipo di bio plastica, progettata per i giocattoli del futuro. Ecco come rispettare l’ambiente senza rinunciare ad estetica e funzionalità.

Ikea abbraccia il mondo della realtà virtuale (con una super app)

Il colosso svedese dell’arredamento low cost ha deciso di buttarsi nel mondo della realtà virtuale. Ha creato una app per poter personalizzare tre cucine e vivere un’esperienza immersiva. Ma è solo l’inizio.

Printocho: il robot giocattolo che ti insegna a programmare (usando Arduino)

Printocho è un gioco interattivo fra arte, design e robotica che stimola l’interesse e lo spirito creativo dei più piccoli, per insegnarli a progettare e realizzare i propri robot, programmandoli.

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi