news

Caschi in realtà aumentata. La svolta della marina americana (che copia Iron Man)

La U.S. Navy ha presentato un nuovo prototipo di casco per migliorare le prestazioni dei suoi soldati e la comunicazione con i vertici militari. Si ispira ad Iron Man, sfruttando tutte le possibilità offerte dalla realtà aumentata

La marina militare degli Stati Uniti sta lavorando ad un casco che, in un prossimo futuro, potrebbe migliorare la vita, e le operazioni belliche, di soldati e sommozzatori. Chiamato DAVD (Divers Augmented Vision Display), permetterà ai sub di avere una visione di tutto quello che sta loro intorno. Ovvero avranno la possibilità di sfruttare una vista a 360° e di raccontare, nella maniera più esaustiva possibile, l’ambiente che andranno ad esplorare. Come se si trovassero all’interno di un videogioco. 

https---blueprint-api-production.s3.amazonaws.com-uploads-card-image-106909-151130-N-PD526-005

Un casco degno di Iron Man

«Daremo ai nostri ragazzi delle capacità degne di un film. Simili a quelle di Iron Man». Così lo ha definito Dennis Gallagher, uno dei progettisti che si è occupato di seguirne l’evoluzione e la messa a punto. Il punto nodale di questa innovazione è un head-up display, un visore che non obbliga a spostare la vista per “vedere” ciò che sta tutt’intorno, collocato direttamente all’interno dell’elmetto.

In questo modo i vertici militari potranno comunicare con i loro uomini in tempo reale, con grande efficacia e limitando i ritardi

Solitamente, infatti, questa tecnologia è realizzata con un collegamento esterno: «In questo modo, invece, hai tutto quello che ti serve già dentro al casco». Si cercherà cioè di dare molte più informazioni a chi dovrà portare a termine determinate missioni, muovendosi in luoghi sconosciuti

https---blueprint-api-production.s3.amazonaws.com-uploads-card-image-106911-151130-N-PD526-001

Dati, informazioni e realtà aumentata

I marinai che li indosseranno saranno in grado di conoscere l´ambiente attraverso la mole di dati che, di volta in volta, e a secondo della necessità, compariranno sullo schermo installato sulla visiera. Su questo display, grazie a un sonar, verranno segnalate, ad esempio, la posizione dell´utente e quella della nave più vicina.

Ma ci sarà anche la possibilità di ricevere e leggere messaggi o vedere fotografie e video. Con la realtà aumentata.

Un prototipo in via di miglioramento

Questo annuncio è il primo passo di un percorso che si prospetta ancora piuttosto lungo. Il casco, in questo momento, è poco più che un prototipo. Ma nei desideri dei ricercatori americani potrebbe rivelarsi uno strumento fondamentale in operazioni di salvataggio, esplorazione e altre situazioni critiche. Anche in terraferma. In più non si esclude anche una finalità più commerciale e destinata ad uso privato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Greenpeace: «Torniamo ad essere piccoli esploratori per salvare il mondo» | Video

Greenpeace ha pubblicato un bellissimo video per la campagna #SaveTheArctic. Il segreto? Tornare bambini per guardare il mondo con occhi diversi e ricordare di essere stati, una volta, dei piccoli esploratori.

Il casco smart che porta la realtà aumentata (e maggiore sicurezza) all’interno dei cantieri

Daqri Smart Helmet è un casco che promette di migliorare la vita nei cantieri aumentando sicurezza ed efficienza. Sfrutta la realtà aumentata e la tecnologia 4D ed è stato presentato al CES 2016 di Las Vegas.

SAFFiR, il primo robot pompiere (assistito da un drone)

La marina militare americana ha deciso di finanziare SAFFiR, il primo pompiere robotico. Una macchina che presto si muoverà in spazi angusti, assistito da un drone, per spegnere principi d’incendi sulle grandi navi.

Balenieri, militari e marinai: 200 anni di rotte navali in un’unica immagine

Ben Schmidt, professore di Storia alla Northeastern University di Boston, ha creato un’immagine per mostrare le rotte navali che l’uomo ha seguito negli ultimi 200 anni (e un video per vedere dove andassero le baleniere nel 19° secolo).