APP

L’app che geolocalizza i volontari (e i soccorritori) durante i grandi eventi

First Responders è un’app che localizza i volontari a supporto degli organismi sanitari. Tutto per migliorare i soccorsi durante i grandi eventi. In Italia è stata utilizzata durante il Giubileo degli Ammalati.

Immaginate una grande folla. Manifestanti o fedeli religiosi per esempio, radunati in una città dal traffico tentacolare come Roma. Immaginate un malore in mezzo a questa folla. Ambulanze e personale per il primo soccorso sono sempre presenti nei paraggi dei luoghi più a rischio, ma a volte raggiungere il malato o chi necessita di primo soccorso, attraversando la folla, può diventare molto difficile.

First risponders

Una app per geo-localizzare i volontari

In occasione del Giubileo degli Ammalati e delle Persone Disabili, sabato 11 giugno, il 118 Lazio in collaborazione con la Croce Rossa austriaca, ha dato il via alla sperimentazione del sistema prodotto dalla software house Apus, che consente, in qualsiasi momento, di geolocalizzare i volontari sparsi sul territorio, al fine di poterli utilizzare al meglio e in tempo reale attraverso l’app First Responders.

«Questo tipo di eventi», spiega la Maria Paola Corradi, Direttore Generale dell’ARES 118 Lazio «ci impegna, se possibile, in maniera ancor più marcata di quanto non avvenga con le normali giornate giubilari per via delle particolari condizioni dei fedeli che raggiungeranno Roma». Per questo l’organizzazione laziale ha deciso di avvalersi di First Responders, app già operativa in Austria, che valorizza le organizzazioni di volontariato, geolocalizzando i volontari competenti e le squadre di soccorritori dette a piedi.

10306264_10202938387854190_669704284832770028_n

Una maggior vigilanza (e prontezza d’intervento)

I volontari, in possesso delle conoscenze del primo soccorso, e le squadre a piedi, che di solito si muovono in gruppi di tre, hanno la funzione di supportare le squadre di pronto intervento in caso di possibili emergenze, gestendo la folla e adoperandosi con una portantina per allontanare la persona che necessita di cure.

«Per legge nessun volontario può intervenire in prima persona con manovre di primo soccorso. I volontari fungono, infatti, da avvistatori», ci spiega Annamaria Celeste di APUS. La causa sta nelle possibili conseguenze legali. Le manovre sanitarie sono sempre svolte dal personale medico disponibile in zona. Tuttavia, con l’aiuto di queste squadre, è possibile velocizzare le operazioni. «Per questo è necessario geolocalizzarli, e la nostra app lo permette». Le comunicazioni fra il personale sanitario e le squadre a piedi avviene solitamente via radio, ma a causa della confusione è possibile che il messaggio non sia ricevuto o non ci sia una tempestiva risposta.

Con First Responders abbiamo un feedback immediato da parte delle squadre più vicine.

Il sistema “First Responders” è in uso da tempo presso la Croce Rossa Austriaca «ed è una best practice internazionale» conclude Corradi del 118 Lazio «a cui ARES guarda con interesse per sperimentarne l’impiego anche nella propria attività istituzionale». L’app è disponibile per Android e iOs, ma per utilizzarla bisognava essere registrati nelle liste di volontari messe a disposizioni dalle varie organizzazioni presenti all’evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Ascoltami”. È sarda la startup che aiuta i sordi a sentire tutto quello che accade in casa

IntendiMe è un gioco di parole che in dialetto Campidanese significa “ascoltami” e intorno a cui ruota l’anima dell’invenzione: un sistema che permetterà a chiunque abbia problemi di udito di essere avvisato di tutti i rumori che fanno parte della quotidianità all’interno di una casa.

“Abbracciamoci”: un’app per evitare le molestie e sentirsi al sicuro in città anche da soli

La startup che ha creato LetEmbrace è stata fondata dalla ventiquattrenne italiana Maria Beatrice Giovanardi ed ha sede nel Campus London di Google. Obiettivo? Garantire il diritto alla sicurezza, con l’aiuto di tutti.

Anche i robot si arrendono (e muoiono) a Fukushima

Niente da fare neanche per i robot. Le radiazioni nella centrale di Fukushima, colpita da uno tsunami nel 2011, sono ancora troppo forti e hanno messo al tappeto l’intera squadra di bonificatori. Ora ci vorranno altri due anni per fare un altro tentativo.

Arriva da Modena il pavimento che rileva i movimenti, i flussi e le abitudini di chi lo calpesta

Realizzato da un’azienda modenese, al primo impatto è un semplice pavimento in ceramica. Ma è dotato di un sistema sensoriale che permette di rilevare qualsiasi movimento e identificarne la natura. Testato per monitorare i flussi dei visitatori del Museo storico di Lecce, in futuro potrà essere installato nelle nostre case per rilevare, ad esempio, la caduta di anziani soli.

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola