video

70 anni di esplosioni atomiche in un unico video

Un video racconta, in 14 minuti, la storia di tutti i test atomici effettuati dall’uomo. Da Gadget, la prima bomba, esplosa il 14 luglio del 1945, alla follia e dittatura nordcoreana.

Il 16 luglio del 1945 non ero ancora nato. Sarebbero dovuti passare 40 anni prima che i miei genitori decidessero di mettermi al mondo. E in quei 40 anni il mondo aveva già conosciuto, a fondo, la forza distruttrice delle armi atomiche. Ancora oggi, se provo a pensarci mi accorgo che non ne so molto. Ho letto e studiato pagine di storia, come tutti. Ho partecipato emotivamente alle ricorrenze in televisione e in altri media. Ho ascoltato i sopravvissuti, letto i numeri. Ho visto le lapidi e i nomi scorrere. Ho un’idea abbastanza precisa di quello che potrebbe succedere nel caso accadesse qualcosa di simile oggi, accanto a me. Ma è tutto fin troppo asettico.

bomba-atomica

Gadget, Trinity, Manhattan

Il 16 luglio del 1945 iniziò l’operazione Trinity. In pieno deserto, in New Mexico, esplose la prima bomba atomica della storia. Si chiamava Gadget. Un nome che, oggi, a dirla tutta, sembra una presa in giro. Un nome che rimanda a qualcosa di piccolo ma che in realtà fu in grado causare danni enormi e incalcolabili. Gadget venne portata su una torre d’acciaio alta 30 metri e sganciata. C’è chi fece il conto alla rovescia e chi trattenne il fiato. Chi esultò. Il suo fungo, ovvero la forma creata dall’esplosione, infranse un silenzio che non sarebbe mai più tornato e i cui echi si sarebbero ripetuti in tante altre zone del mondo, nei decenni successivi.

Gli scienziati del progetto Manhattan, che si occuparono di quel test, diedero inizio ad una nuova era. Qualche settimana più tardi, con gli attacchi alle città di Hiroshima e Nagasaki, nulla sarebbe stato più lo stesso. L’uomo non sarebbe più tornato indietro.

[youtube id=”HA45x5LBBak”]

70 anni di esplosioni

Ma perché vi racconto questa storia? C’è una risposta. Ieri, per caso, mi sono imbattuto in un video incredibile. Racconta settant’anni di test nucleari. Dura quattordici lunghi minuti. Quelli che servivano per raccontare una delle storie più angoscianti del nostro passato, presente e futuro.

Il video è caratterizzato da un ritmo incalzante, che tormenta, che diventa pian piano una musica scarna, essenziale. Dirompente. Una musica prodotta dalle armi, dalle bombe, dall’incedere ineluttabile della distruzione. Anzi, dell’auto-distruzione. Esplosioni. In superficie, sott’acqua, sottoterra. La manifestazione e la ripetitività della morte. Con coordinate e mandanti precisi.

[vimeo id=”135580602″]

La Corea del Nord e il ricordo di Oppenheimer

Gli ultimi due rintocchi sono gli esperimenti condotti dalla Corea del Nord. Recenti. Anche troppo. Fatti cioè da chi oggi detiene armi nucleari e, allo stesso tempo, una guida folle. Quella di Kim Jong-Un. Un dittatore che forse non conosce la storia della prima bomba. Gadget, infatti, venne rinnegata dal suo papà, uno dei più grandi fisici del mondo. Quell’uomo si chiamava Robert Oppenheimer, e del progetto Manhattan fu il direttore. «Sono diventato la Morte, il distruttore di mondi» disse in una famosa intervista, dopo aver visto cosa l’atomica fu in grado di fare nelle mani sbagliate e per le ragioni sbagliate.

[youtube id=”n8H7Jibx-c0″]

La speranza di non esserci

Il 16 luglio del 1945 l’umanità decise di intraprendere una strada che oggi è più viva e pericolosa che mai. Un cammino che porta, inevitabilmente, all’auto-distruzione. Io sono nato a metà di questo percorso, nel 1985. E spero, per davvero, di non esserci più quando un altro countdown, ancora più devastante, arriverà allo zero, causando danni che saranno irrecuperabili.

Ti potrebbe interessare anche

La metamorfosi di Dubai, New York e altre 8 città del mondo

Da Dubai a New York, da Shanghai a Parigi, da Toronto a Venezia. Così Hongkiat mostra come sono cambiate le città in pochissimi anni (anche grazie alla tecnologia).

Topher White, il 33enne che sconfigge la deforestazione usando vecchi cellulari (e la forza della rete)

Con il progetto Rainforest Connection, Topher White riesce a salvare milioni di alberi dalla deforestazione in tutto il mondo. E lo fa grazie a vecchi cellulari in disuso, sfruttando la rete e la passione di moltissime persone.

Apple, Facebook, Google: così la Silicon Valley diventerà una nuova Versailles

Un articolo dell’Economist racconta i progetti architettonici che stanno cambiando la Silicon Valley. Rinnovabili, open space e moltissimo verde. Così presto si parlerà di nuova Versailles portando molti più turisti. Ma c’è un rischio? Forse sì.

AREEA, la bevanda (italiana) che depura il corpo dagli effetti dell’inquinamento

Un team italiano, accelerato a Londra, ha creato una bevanda con un enzima in grado di depurare il nostro corpo dagli effetti dell’inquinamento. Dopo le validazioni necessarie (sì, funziona) ora è pronto per il lancio sul mercato.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti