Intelligenza Artificiale

Il biliardino con l’intelligenza artificiale (che vince quasi sempre)

Sviluppata dalla Brigham University in poco tempo è diventata fortissima. Il suo algoritmo è in grado di sconfiggere team sempre più esperti. Pur essendo un oggetto di svago sta aiutando gli studenti ad affrontare temi e problemi legati allo sviluppo delle intelligenze artificiali.

Alla Brigham Young University, nello Utah, hanno costruito, in sei mesi, un biliardino controllato da un’intelligenza artificiale. L’obiettivo era quello di sperimentare quanto la macchina fosse in grado di competere con una squadra umana. Ma i docenti e gli studenti, che hanno portato avanti il progetto, non hanno fatto bene i loro conti: «Ormai facciamo davvero fatica a batterla. È diventata sempre più forte e precisa».

[youtube id=”LgctE_DQpUY”]

Come funziona il biliardino

Questa versione moderna del calcio balilla è stata realizzata, apparentemente, in maniera molto semplice: una camera disposta in una posizione sopraelevata per seguire la palla e un sistema per “motorizzare” i vari calciatori. La parte più complicata è stata lo sviluppo del software che gli studenti hanno realizzato, cercando di imitare al meglio le mosse dei migliori giocatori e creando un algoritmo specifico.

In questo modo il computer calcola come colpire la palla e dove indirizzarla. In maniera rapida e prevedendo le azioni dei suoi avversari.

 biliardino, intelligenza artificiale

Perché costruire un biliardino intelligente?

La risposta è molto semplice: «Non abbiamo bisogno di questo oggetto in sé. Ma può rappresentare un esempio di un problema più grande, mostrandoci i traguardi che un’intelligenza artificiale di questo tipo può raggiungere attraverso l’esercizio e l’esperienza». D.J Lee, professore associato alla Brigham University spiega che «Attraverso questo progetto, i ragazzi imparano come sia possibile che una macchina possa realizzare i compiti che l’uomo le assegna». Acquisire delle conoscenze giocando. Il modo migliore no?

Ti potrebbe interessare anche

Cosa succede se un braccio robotico e un artista disegnano insieme | Video

Sougwen Chung è un’artista che sta indagando l’interazione che avviene tra i robot e gli esseri umani. Tutto per dimostrare che possiamo collaborare con queste forme di intelligenza artificiale.

DeepText, così Facebook imparerà a capire tutto quello che scriviamo

DeepText analizzerà migliaia di frasi e parole scritte dagli utenti in ben 20 lingue diverse, cercando di coglierne non solo il significato ma anche le connessioni. Più scriveremo su Facebook, più DeepText imparerà dai nostri post (e ci fornirà contenuti personalizzati)

I robot ci rubano il lavoro? No, sta a noi ripensare l’occupazione

Adidas, Tesla, Apple, Samsung, Microsoft. Sempre più aziende introdurranno robot nelle loro catene di montaggio. È inevitabile ma anche una grande opportunità: quella di ripensare l’occupazione.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti