Realtà Virtuale

Visitare il Quirinale ricostruito in 3D

Uno dei palazzi più belli d’Italia apre le sue porte alla realtà virtuale. Grazie ad un’azienda lucana, il Quirinale è stato ricostruito in 3D ed è accessibile a tutti. Anche le sale che solitamente sono visitabili solo su prenotazione.

loggia onore quirinale 3D

La ricostruzione in 3D della Loggia d’Onore

Il Quirinale a 360°

Uno strumento crossmediale, un software in continuo aggiornamento e il Piano Nobile del Palazzo del Quirinale, come non l’avete mai visto. Da visitare “in un clic”. Si tratta di Quirinale 3D VR, un progetto di ricostruzione in 3D realizzato da una giovane azienda della Basilicata, Digital Lighthouse Srl, che lo ha donato al segretariato generale della Repubblica.

8 delle 36 sale del Piano Nobile sono visitabili solo su prenotazione, ma ora diventano accessibili a ogni cittadino che può esplorare 600 tra orologi, tavoli, sedie, vasi, busti ed elementi di arredo, 160 quadri e arazzi, addirittura 36 lampadari. Dunque si possono curiosare i dettagli fino all’ultimo centimetro di soffitto, dove nella realtà non potremmo andare. Quest’immersione nella cultura si può fare seduti di fronte al proprio computer o in modalità immersiva sfruttando i visori Oculus Rift. È in programma l’estensione dell’utilizzo anche per gli smartphone e i tablet, grazie a una app, oltre alla progressiva “digitalizzazione” anche di tutte le altre aree del piano.

unspecified1

Come si ricostruiscono le sale in 3D

Oltre a esplorare le varie sale, scegliendo liberamente da quale posizione osservare, è possibile entrare in “contatto” con alcuni dei pezzi d’arredo, facendo zoom fino al minimo dettaglio architettonico, e accedendo in tempo reale a un’enorme quantità di contenuti multimediali e interattivi di approfondimento. Ma come si ricostruiscono delle sale in 3D? Ricostruendo ogni ambiente con cura e precisione millimetriche.

libreria piffetti quirinale 3D

La ricostruzione in 3D della Libreria del Piffetti

Gli esperti di Digital Lighthouse hanno acquisito la geometria dettagliata di ogni stanza ad alta risoluzione, oltre ai dati fotografici e colorimetrici di ogni particolare. Tutti gli oggetti, dalle statue ai busti, sono stati digitalizzati sfruttando laser scanner e camere fotografiche di ultima generazione. Per dare inizio al vostro tour del Piano Nobile, scaricate il software su palazzo.quirinale.it.

@Eleonoraseeing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Aperto ad Amsterdam il primo cinema in realtà virtuale

Ad Amsterdam è attivo il primo cinema interamente dedicato alla realtà virtuale. Il biglietto costa 12,50 euro per 35 minuti di intrattenimento. Ci conquisterà o sarà solo la moda del momento?

Creare un mondo 3D (e una realtà ibrida) con lo smartphone

A Trento è stato lanciato, dalla Fondazione Bruno Kessler, il progetto europeo (da 3,2 milioni euro) REPLICATE. Obiettivo: simulare effetti reali usando sofisticati modelli virtuali in 3D.

Dentro la Storia: esplorare le rovine di Chernobyl con la realtà virtuale

Il progetto di un giovane ucraino ci permetterà di esplorare le rovine di Chernobyl e riviverne il passato. Tutto a 360° grazie alla realtà virtuale.

Entrare dentro le prigioni di confinamento americane (con la realtà virtuale)

6×9 è l’ultimo lavoro giornalistico e immersivo del Guardian. Con la realtà virtuale veniamo portati dentro le prigioni di confinamento degli Stati Uniti d’America per vivere un’esperienza incredibilmente toccante.

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA