Makers

Thor, il primo aereo stampato in 3D

Si chiama Thor ed è finora il primo mini-aereo realizzato con stampante 3D che sia riuscito a volare. Ѐ stata una delle maggiori novità dell’ultima edizione dell’ILA Berlin, la Fiera Internazionale dell’aerospaziale.

Nei giorni scorsi al salone aeronautico di Berlino era in mostra un velivolo molto particolare. Lo ha realizzato la Airbus, tra i più grandi produttori di aerei nel mondo, che da tempo sta sperimentando quello che per l’industria aeronautica potrebbe rappresentare una vera rivoluzione. «Abbiamo costruito un aereo con la tecnica innovativa del 3D manufacturing», spiega Detlev Konigorski, responsabile del progetto. Si tratta di Thor, stesso nome del famoso dio del tuono scandinavo, ma soprattutto acronimo di Test of High-tech Objectives in Reality.

(Foto: Airbus/F Doring)

“È un saggio di quello che la tecnologia potrebbe presto consentirci di fare”, racconta Konigorski.

Si tratta di uno UAV – Unmanned Aircraft Vehicle – un velivolo senza pilota, molto più vicino ad un drone che ad un aereo, come comunemente inteso. Leggerissimo – ventuno chilogrammi di peso – misura quattro metri in lunghezza per altrettanti di apertura alare. Non è destinato di certo a ospitare passeggeri ma, ad oggi, è il primo mini-aereo realizzato con una stampante 3D che sia riuscito a volare.

(Foto: Airbus)

La stampa 3D prende il volo

Nel settore dell’aviazione la stampa 3D ha decisamente iniziato la fase di decollo. La Airbus – ma anche la sua diretta rivale, Boeing – stanno utilizzando da tempo questa soluzione per produrre rapidamente alcune componenti dei loro giganteschi B787 Dreamliner e A350 XWB, dai rivestimenti esterni fino a parti del motore.

Questa tecnologia permette infatti di stampare e sostituire i pezzi necessari nel giro di pochi giorni, anziché mesi, come nel processo di produzione convenzionale. Per il futuro dunque, si punta a rendere le fasi di produzione e manutenzione più rapide ed economiche. Oltre ad avere velivoli più leggeri, migliorando così prestazioni e consumi, a tutto vantaggio dell’ambiente.

(Foto: Airbus)

Il primo volo non si scorda mai

Lo stesso Thor ha un costo di produzione di circa 25mila euro. «Per realizzare quest’aereo abbiamo impiegato sette settimane, utilizzando una sola stampante», dice Konigorski. «Sono stati stampati sessanta moduli che abbiamo poi incollato tra loro». In effetti le uniche parti non stampate in 3D sono i circuiti elettrici. Il modello è spinto da una coppia di motori a turboelica da 1,5 kilowattora ciascuno – «comuni propulsori che si possono trovare in un negozio di modellistica», chiosa Konigorski – che gli permettono di volare perfettamente, mantenendo una buona stabilità.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/CCaJn_tgc5A”]

«Volevamo realizzare un aereo capace di volare anche in condizioni di cattivo tempo”, continua. “Ne abbiamo realizzato altri prima, ma perdevano pezzi. Questo invece è il primo mini-aereo al mondo realizzato in 3D che vola».

Thor infatti si è alzato in volo nei pressi di Amburgo, restando in cielo per dieci minuti circa..

Il piccolo UAV è stato comandato da terra con un telecomando. «Thor ha volato a un’altezza di cinquanta metri dal suolo, durante un temporale. Ed è andato tutto bene».

(Foto: Airbus)

Pronti a stampare velivoli più grandi

Sono già state programmate altre diciotto missioni di prova da effettuare nel corso dell’anno. «Il nostro obiettivo – spiega Konigorski – è quello di velocizzare il processo di sviluppo di nuovi apparecchi realizzando con questa tecnologia non solo alcune componenti, ma l’intero velivolo».

All’Airbus sono convinti che non esistano limiti per questo tipo di produzione. Anzi, si dicono già pronti a realizzare un vero aereo con stampante 3D. “Costerà 10 volte questo e vogliamo metterci motori dei jet”, rivelano. Intanto, è previsto a breve un nuovo prototipo. “Dovrà essere composto da un solo modulo”, spiega il capo del progetto. “Lo equipaggeremo con motori che gli permettano di volare da solo, senza il telecomando da terra”. Decollo previsto per il prossimo autunno.

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

A Dubai il primo ufficio interamente stampato in 3D | Video

Copre un’area di circa 250 metri quadrati e bastano 17 giorni per stamparlo. Rientra nel piano che porterà la metropoli degli Emirati Arabi Uniti a diventare punto di riferimento mondiale entro il 2030.

Ad Amsterdam il primo ponte stampato in 3D (senza l’intervento dell’uomo) | Video

In Olanda si stamperà in 3D un ponte intero, senza l’intervento dell’uomo: «Così mostreremo le potenzialità che può avere questa tecnologia in progetti di grandi dimensioni e di forte impatto sociale».

Atlas, il robot di Google che sembra (davvero) un essere umano

Atlas, il robot della Boston Dynamics, azienda acquisita da Google, ha fatto passi da gigante. Ora è capace di aprire porte, camminare con destrezza, rialzarsi in caso di cadute e, in parte, fare il magazziniere.

Creare un mondo 3D (e una realtà ibrida) con lo smartphone

A Trento è stato lanciato, dalla Fondazione Bruno Kessler, il progetto europeo (da 3,2 milioni euro) REPLICATE. Obiettivo: simulare effetti reali usando sofisticati modelli virtuali in 3D.

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore