Gadget

Ably, la maglietta che puoi portare addosso per due settimane (senza puzzare)

Indossare una maglietta per settimane senza che puzzi o si sporchi: questo l’obiettivo raggiunto dai fratelli Shah con le magliette e t-shirt Ably Apparel.

«Vai dalla palestra a cena o parti per un viaggio di due settimane con la sola maglietta che hai addosso. Ably Apparel sembrerà e resterà pulita anche dopo settimane». Con questa promessa, Ably Apparel rischia di realizzare il sogno di viaggiatori e persone che ogni giorno combattono con cattivi odori e la necessità di fare più di una lavatrice a settimana grazie a una semplice maglietta di cotone.

[youtube id=”X2KkTdZ14Ew”]

Le t-shirt e le felpe create da Ably sono fatte in 100% cotone di alta qualità che permette di scrollarsi di dosso acqua, macchie e di non impregnarsi di odori poco piacevoli. A rendere possibile questo miracolo è Filium™, una tecnologia che rende idrorepellenti le fibre naturali.

Oltre a respingere l’acqua, Filium™ allontana i cattivi odori e non permette alle macchie di rovinare il look di chi indossa l’indumento.

«La prima volta che abbiamo visto in azione il nostro prototipo, siamo rimasti a bocca aperta», raccontano i fratelli Raj e Akhil Shah. I due si erano messi al lavoro sul progetto Ably quasi per hobby, ma dopo 40 anni trascorsi nell’industria tessile sanno riconoscere un potenziale successo.

Ably fondatori

Il tessuto che respinge il sudore

Il tessuto che dà vita alla linea Ably non assorbe il sudore: la sudorazione infatti evapora attraverso le fibre traspiranti degli indumenti, lasciando magliette e felpe fresche, come appena lavate. «Puoi indossare le nostre magliette tutti i giorni per una settimana per andare in palestra e profumerà sempre di pulito». Non è al 100% waterproof pertanto se vi fate sorprendere dalla pioggia con le t-shirt Ably addosso, vi inzupperete comunque, ma la composizione del tessuto fa evaporare l’umidità il 40% più velocemente rispetto al normale cotone.

In commercio ci sono fibre che vantano caratteristiche simili, grazie a nanoparticelle di rivestimento. «La nostra tecnologia non usa queste particelle o agenti chimici che possono danneggiare la pelle o l’ambiente. La tecnologia Filium è prodotta rispettando gli standard bluesign per materiali e produzione sostenibile», spiegano i fratelli Shah.

Ably

Parliamo comunque di prototipi

I modelli Ably sono disponibili in versione maschile e femminile: girocollo con taschino o con scollo a v, in 5 colori (diversi per uomo e donna). Le felpe sono disponibili in 3 colori in versione uomo, in 4 nuance in versione donna. «Si tratta ancora di prototipi» spiegano i creatori di Ably: i prodotti finali potrebbero essere un pochino diversi. La passione dei fratelli Shah non sta solo nell’aver creato un prodotto che potrebbe cambiare la vita di molti, ma nel fatto che la t-shirt permette di vivere in modo più sostenibile. «Lavare e asciugare una lavatrice ogni due giorni equivale a produrre 439 kg di CO2 in un anno. Se anche solo una fetta degli indumenti delle persone di tutto il mondo fosse attivata con Filium, avremmo una gigantesca riduzione di emissioni di anidride carbonica».

ably-apparel-1-e1464916589812-798x350

Non si rovinano neanche dopo tanti lavaggi

Ma il lavaggio potrebbe danneggiare lo speciale cotone, penserete voi: di solito dopo 30-40 lavaggi anche il tessuto migliore mostra cedimenti. «Ma non avendo bisogno di lavare le magliette Ably o le felpe, la vita dell’indumento si allunga», spiegano i fratelli Shah. Ovviamente per evitare che negli sporadici lavaggi si possa compiere qualche errore e rovinare la propria maglietta, gli indumenti sono corredati di specifiche istruzioni.

I tessuti Ably possono essere anche stirati senza alcun rischio.

Per realizzare questo intento servirebbe un’intera linea di vestiti Ably, che per ora non c’è: “vogliamo però dimostrare che l’idea funziona. Siamo convinti che molte aziende manifatturiere nel tessile potrebbero adottare questa tecnologia”, spiegano i creatori di Alby. Attualmente il progetto è ancora in crowdfunding su Kickstarter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Dolfi, il device che lava e smacchia i vestiti con gli ultrasuoni

Un’azienda svizzera ha creato un device che permetterà di rivoluzionare il modo di fare il bucato. Piccolo, silenzioso ed economico, Dolfi usa gli ultrasuoni per lavare e smacchiare i vestiti.

Il sofà intelligente di Carlo Ratti che cambia forma quando serve (o se si annoia)

Lift-Bit è il nuovo progetto di Carlo Ratti che coniuga l’Internet-of-Things al mondo dell’arredamento e del design. Il risultato è un sofà intelligente che cambia forma in base alle nostre esigenze ma anche se si annoia.

La lavatrice-cyclette che ti permette di lavare i vestiti restando in forma

Simile a una cyclette, lava i panni senza elettricità: per risparmiare sfrutta la nostra attività fisica, permettendoci di bruciare calorie. L’energia può anche essere immagazzinata nella batteria, alloggiata nella ruota posteriore, per avviare il lavaggio in un secondo momento.

Ravean, il piumino termico (super tecnologico) per non soffrire mai il freddo

Piumini, felpe e smanicati termici per tutte le temperature: la scommessa Ravean è un clamoroso successo su Kickstarter.

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente