Device

GoBone, l’osso intelligente che tiene occupato il tuo cane quando è solo

Un dispositivo intelligente creato appositamente per migliorare la qualità di vita dei fedeli amici a quattro zampe. Si chiama GoBone e arriva dal Texas

Soli per ore in casa o in giardino, mentre i padroni sono in ufficio. Spesso i cani trascorrono così gran parte delle loro giornate. Solitudine e noia possono però sfociare in stress. Un problema che Santiago Gutierrez, ingegnere elettrico, impegnato al lavoro anche settanta ore a settimana, desiderava risolvere per il suo amico a quattro zampe, Rufus. È nato così GoBone, il primo “osso intelligente” del mondo che permette ai cani di divertirsi e fare movimento in qualsiasi momento, sia per conto proprio che in compagnia degli ‘umani’.

Come funziona GoBone

GoBone funziona in modo automatico. Basta inserire all’interno del cibo e posizionarlo sul pavimento: a questo punto il dispositivo inizia a muoversi attirando l’attenzione del cane, che sarà invogliato a giocarci, a morderlo e a tentare di estrarre il contenuto. La batteria dura circa otto ore, ossia il tempo necessario affinché l’animale possa distrarsi mentre il padrone è fuori o comunque non disponibile. Può essere regolato a seconda dell’età, del peso e della razza in modo da coinvolgerlo a lungo e con maggiore frequenza, grazie a un software per cui è stata depositata la domanda di brevetto.

La sua utilità non si limita al cane, ma riguarda ovviamente anche il proprietario.

Può essere infatti controllato tramite un’app e utilizzato per giocare insieme quando non si ha l’opportunità di uscire o di trascorrere del tempo all’aria aperta, abitudini che in ogni caso non devono essere abbandonate. L’applicazione inoltre registra le varie attività e offre la possibilità di condividere video e informazioni con la community, tramite la funzione GoBone Social Feed.

GoBone pair with app

Per garantirne la sicurezza e l’affidabilità, il dispositivo è stato testato con oltre 100 cani per più di 1000 ore: come riportato sul sito, i materiali utilizzati sono stati approvati dalla Food and Drug Administration. Inoltre i diversi componenti esterni possono essere lavati in lavatrice e sostituiti nell’eventualità che vengano danneggiati.

GoBone per i cani meno fortunati

Gutierrez non è solo il CEO di PulsePet, l’azienda da lui fondata nel 2014 proprio con l’intento di produrre oggetti “smart” per animali, ma anche un volontario del Dallas Animal Services and Adoption Center. Per aiutare il centro è stata creata una partnership con GoBone, in modo che i dispositivi possano essere donati per un valore di oltre mille dollari.

La possibilità di comandare il dispositivo tramite l’app permetterà ai volontari con meno di 18 anni, che non sono autorizzati a interagire fisicamente con i cuccioli, di poter giocare con loro rimanendo fuori dalle  cucce. Inoltre, secondo quanto dichiarato dai responsabili del canile, questo “osso intelligente” dona loro più chance di essere adottati perché li mantiene attivi, sia fisicamente che mentalmente.

La campagna Kickastarter

Gutierrez e il suo team hanno lavorato al prototipo di GoBone per oltre due anni. Il primo è stato realizzato insieme a un controller grazie alla stampa 3D e a software e hardware open-sourced. Il controller è stato rimpiazzato qualche settimana dopo dall’app e, nel corso dei mesi, l’azienda è riuscita a creare le parti elettroniche e un proprio software.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Per poter affrontare gli elevati costi dell’operazione, PulsePet ha lanciato il dispositivo su kickstarter a un prezzo speciale, dando anche la possibilità di regalare alcuni pezzi a un canile a scelta. Sono stati raccolti più di 183.000 dollari sui 60.000 richiesti e le spedizioni sono previste a dicembre 2016. Il progetto è di lanciarlo sul mercato a 229 dollari.

Un bel regalo di Natale per tutti gli amici a quattro zampe (e i loro padroni). Come sostiene il suo inventore: «Tutti i cani hanno il diritto di essere felici, attivi e in salute, indipendentemente da quello che fanno gli esseri umani».

@MariCeliberti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Actiongram, il tool per chi racconta storie in realtà virtuale (con gli Hololens)

Creato da un team di 5 persone in 6 mesi, Actiongram è il tool perfetto per gli storyteller che vogliono raccontare storie con la realtà virtuale, la grafica 3D e i “visual effects” (ma non ne hanno le competenze).

Domgy, il cucciolo-robot (carinissimo) per tutta la famiglia

Sviluppato da una startup cinese, questo “pet-robot” promette di conquistare moltissime famiglie. Può anche fare la guardia quando la casa è vuota, raccontare delle storie e intrattenere gli altri animali presenti in casa.

I 5 appartamenti più strani da affittare su Airbnb (compreso un quadro)

La fantasia di chi offre un alloggio non ha più limiti. Su AirBnb si trovano appartamenti impensabili che soddisfano ogni desiderio di chi è in cerca di una stanza in affitto.

La lavastoviglie a manovella che pulisce i piatti in un minuto

Circo Independent è il progetto (ancora in fase embrionale) che vuole combattere lo spreco d’acqua durante il lavaggio dei piatti. È la prima “lavastoviglie” a emissioni zero che ci farà risparmiare tempo e denaro.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup