Device

Con Bioo ricarichi (tre volte) lo smartphone con le piante

Bioo è una tecnologia in grado di sfruttare la fotosintesi clorofilliana per produrre elettricita e ricaricare i device. Da dicembre sarà sul mercato.

Energia elettrica prodotta con la fotosintesi clorofilliana delle piante. Fantascienza? No, è la promessa di Bioo, tecnologia realizzata dalla Arkyne Technologies, che si ripromette di cambiare il mondo in cui ricarichiamo il nostro smartphone. Gli scienziati dell’azienda con sede a Barcellona stavano lavorando al progetto da diversi anni e la tecnologia è stata finalmente realizzata.

[youtube id=”5APfpfyrRNg”]

Come funziona Bioo

Il meccanismo è geniale: si sfrutta infatti il processo fotosintetico, attraverso cui le piante usano la luce solare per trasformare l’anidride carbonica e l’acqua in ossigeno e composti organici. Bioo, grazie ad alcuni batteri, rompe i legami chimici dei composti organici e canalizza gli elettroni che vengono rilasciati in alcuni nanofili.

bioo

La potenza elettrica che ne deriva è quella di una classica porta Usb, a cui si può connettere un device per ricaricarlo. La capacità elettrica così generata da ogni pianta è in grado di garantire tre ricariche complete dei device al giorno (il dato dipende però dal tipo di pianta e dal device).

Alcune piante, come il cactus, sono in grado di generare meno elettricità.

Squared_Tittle_srne6g

La campagna crowdfunding

Gli scienziati che hanno sviluppato Bioo sottolineano come un altro importante fattore di incidenza sia determinato dalla salute della pianta: una pianta in condizioni ottimali dovrebbe produrre fino a 40 watt. Per trasformare il progetto in realtà la Arkyne Technologies ha lanciato una campagna di crowdfunding su Indiegogo, che ha permesso all’azienda di raccogliere il tempo record la cifra necessaria (17mila euro) per realizzare il prototipo. Chi ha deciso di investire almeno 79 euro nella campagna, riceverà Bioo prima del suo lancio ufficiale sul mercato, previsto per dicembre 2016.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

A Londra la prima piscina (all’aperto) purificata dalle piante

Niente più cloro. Al King’s Cross Pond Club di Londra, il primo laghetto artificiale balneabile del Regno Unito, l’acqua viene filtrata interamente grazie a processi naturali. Sembra uno stagno ma in realtà è un modo per ristabilire l’equilibrio tra uomo e natura.

C’è anche un italiano dietro al più grande database sui caratteri delle piante

TRY è il più grande database esistente sui caratteri morfologici e funzionali delle piante. È stato realizzato con il lavoro di 14 scienziati provenienti da tutto il mondo. Tra di loro c’è anche un italiano: Bruno Cerabolini dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Clear Wood, il legno trasparente che rivoluzionerà l’architettura e l’ingegneria

Creato alla University of Maryland, si appresta ad essere il protagonista di una rivoluzione architettonica, urbanistica ed energetica senza precedenti

Il primo giornale che si legge, si pianta e fiorisce

Prendi il quotidiano e leggilo. Poi, piantalo e innaffialo. In poco tempo nasceranno dei germogli. The Mainichi, testata giapponese (con una tiratura di circa 5 milioni di copie), è il primo “giornale verde” del mondo.

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup