Space

La sonda Juno arriva su Giove per rivelarne i segreti (anche grazie a tecnologie italiane)

Dopo 5 anni di viaggio nell’Universo, Juno ha finalmente raggiunto Giove. La sonda è dotata di 9 strumenti per studiare a fondo il pianeta più grande del Sistema Solare. E alcuni di questi sono il frutto dell’eccellenza e della ricerca italiana.

Giove non è mai stato più vicino di così. Grazie alla sonda Juno, lanciata il 5 agosto 2011, il pianeta gigante potrebbe rivelare novità importanti sulla sua formazione e sull’universo in generale. La missione, che ha un cuore italiano, mira a rispondere a quelle domande che ancora risultano poco chiare alla comunità scientifica. Una fra tutte, per fare un esempio, la composizione del suo nucleo.

[youtube id=”r5SuUY7dF1w”]

La missione di Juno

Juno (JUpiterNear-polarOrbiter) è entrata nell’orbita di Giove in questi giorni. Ed è la prima sonda ad avvicinarsi così tanto al pianeta più grande del Sistema Solare. Per tagliare questo traguardo ha viaggiato per cinque anni percorrendo poco meno di tre miliardi di chilometri. Come ricorda l’Ansa, si tratta di una missione molto attesa perché arriva molti anni dopo quelle delle sonde Pioneer che, per prime, immortalarono alcune delle caratteristiche principali: dalle immagini delle aurore polari alle maree. Ora potremo finalmente saperne di più.

juno-giove-slooh-640x453

Il ruolo dell’Italia

Lo scopo principale è quello di andare più fondo e scoprire cosa c’è sotto la superficie di Giove. Gli scienziati della NASA hanno dotato Juno di 9 strumenti tecnologici all’avanguardia. Tra questi c’è anche spettrometro italiano JIRAM (Jovian InfraRed Auroral Mapper) che è in grado di studiare tutti gli strati superiori dell’atmosfera del pianeta. Ci si aspetta, ad esempio, di trovare elementi come metano, ammoniaca e fosfina.

In più si avrà la possibilità di scattare delle foto ad alta risoluzione delle aurore polari.

Ma non è finita qui. Su Juno ci sono altre due eccellenze italiane. La prima, progettata all’interno dell’Universita’ Sapienza di Roma e realizzato dalla Thales Alenia Space Italia con il supporto dell’Asi, si chiama KaT (Ka-Band Translator) e il suo compito sarà quello di ottenere la prima mappa interna di Giove. La seconda, il sensore d’assetto Autonomous Star Tracker, realizzato da Leonardo-Finmeccanica, servirà a far sì che Juno mantenga sempre la rotta corretta nell’orbita del pianeta gigante.

Juno-Giove-1024x601

La curiosità

Come riportano quasi tutte le agenzie, a bordo di Juno non ci sono solo tecnologie e innovazioni spaziali. C’è anche la Storia, la letteratura, l’ispirazione. Un esempio? La targa che ospita il ritratto e la firma di Galieo, con le sue descrizioni della scoperta delle lune di Giove. Ma ci sono anche delle statuine che raffigurano Giove e Giunione, gli antichi dei romani che avevano una connessione diretta con il pianeta. Queste ultime sono state realizzate dalla Lego, in collaborazione con la NASA, per sensibilizzare i più giovani sui temi della scienza e dell’astronomia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Arduino e XBee volano nello spazio al servizio della NASA

XBee e Arduino sono stati scelti dall’agenzia spaziale americana per testare e monitorare i parametri di una tecnologia innovativa: Exo-Brake. La missione è partita il 7 luglio scorso con il lancio del razzo Black Brant IX.

Fare una passeggiata su Marte con una foto a 360° della NASA

La NASA ha pubblicato su facebook una foto a 360° di Marte. L’immagine è stata realizzata grazie al lavoro di Curiosity, il rover atterrato sul pianeta nel 2012. Un altro esempio che dimostra come questo sarà, per davvero, l’anno della Realtà Virtuale.

5 video per capire cosa sono le onde gravitazionali (e rivivere una giornata epocale)

Ci sono date che sono destinate a diventare capitoli nei libri di storia. L’11 febbraio 2016, data della prima osservazione delle onde gravitazionali, è una di quelle. Ecco 5 video che spiegano perché

6 lezioni che possiamo imparare dalla donna che ha mandato l’uomo sulla luna

Si chiama Katherine Johnson, ha 97 anni ed è una delle scienziate più importanti della Storia. Ha calcolato la traiettoria di volo dell’Apollo 11 nel suo primo volo nel 1969. Quest’anno è stata premiata da Barack Obama con la Presidential Medal of Freedom. Ecco cosa possiamo imparare dalla sua splendida storia.

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo