Health

Ulla, il dispositivo che ti aiuta a bere l’acqua di cui hai bisogno (giorno dopo giorno)

Il 60% delle persone non assume abbastanza acqua. Ulla aiuta a mantenere il corpo idratato e in forma

Un piccolo dispositivo, grande come una noce, ti aiuta a capire quanta acqua bevi in una giornata e ad assumerne il giusto quantitativo per una buona idratazione del corpo. Si chiama Ulla ed è l’idea di una startup slovena guidata da una donna, Cica Gajic che ha già venduto 100mila “Ullas” in giro per il mondo.

ulla on glass

Come nasce l’idea

In un’intervista su Tech Insider, Gajic racconta che l’idea è nata in ufficio: tutti i membri del team bevevano continuamente caffè, ma pochissima acqua. Eppure secondo più ricerche mediche, gli uomini che hanno superato i 18 anni dovrebbero bere circa 3,7 litri di acqua, un litro in meno (2,7) per le donne.

Ma nessuno arriva ad assumerne così tanta durante la giornata.

Dopo aver capito che c’era un problema, il team ha condotto un sondaggio coinvolgendo 120mila persone intorno al mondo e ha capito che il 60% condivideva il loro problema: «Non lo fanno per un motivo semplice, lo dimenticano perché troppo occupati» spiega Gajic che a quel punto scrive una email dove spiega le linee generali di quello che avrebbe potuto essere la soluzione.

ulla-refreshing

Come funziona Ulla

Eppure una buona idratazione porta tutta una serie di benefici alla salute, come mantenere dei buoni livelli di energia, rendere la pelle più salutare e perfino perdere peso. Ulla aiuta a fare tutto questo con un piccolo dispositivo e una cinghia per legarlo al bicchiere o alla bottiglia. Grazie a un sensore che traccia inclinazione e movimento, Ulla misura il quantitativo di acqua che assumi durante la giornata, mentre un sistema a LED lampeggia nel caso in cui non ne abbia bevuta abbastanza. Un algoritmo azzera il timer ogni volta che Ulla è stata inclinata.

Se non bevi abbastanza durante il lasso di tempo indicato, la luce si illuminerà nuovamente.

Se il sensore non traccia un movimento nei pressi della bottiglia per due cicli di idratazione (circa un’ora) si spegne automaticamente per preservare la batteria. Cosa che succede anche di notte con il sensore che non si accenderà, a meno che non scuoti la bottiglia e il bicchiere.

CYG8k3hWEAA7dEW

100mila Ullas venduti

Il prototipo costa 24,99 dollari. La fondatrice spiega a Tech Insider che i primi test dell’azienda hanno dimostrato che chi utilizza Ulla beve due o tre volte più acqua di quella che era abituato ad assumere prima dell’acquisto del dispositivo. Sarà anche per questo motivo (e per la semplicità di utilizzo) che la startup ne ha già venduti 100mila in meno di sei mesi. Un buon raggiunto anche alla buona visibilità raggiunta sulla stampa. Inc.com ha inserito Ulla tra i 10 prodotti da provare nel 2016.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Con PureLives l’acqua diventa sempre potabile (senza bisogno di energia)

È nato per aiutare la popolazione di Haiti dopo la catastrofe naturale del 2010. È un sistema portatile che purifica l’acqua da batteri, virus e metalli pesanti, anche in situazioni di emergenza, senza fare uso di sostanze chimiche né di elettricità.

Con Watly energia, internet e acqua potabile per tutti. Storia di un’eccellenza italiana

Un progetto che potrebbe rivoluzionare il mondo delle energie rinnovabili e dare un prezioso contributo ai Paesi in via di sviluppo. Watly purifica fino a 3 milioni di litri di acqua all’anno e funziona ad energia solare: offre, inoltre, copertura Internet via Wi-Fi.

Tradizione più innovazione: dal Giappone arrivano i Bonsai volanti

Sfruttano la levitazione magnetica per rimanere sospesi in aria e stupire gli ospiti. Ma è una tecnica, assai semplice, che può essere utilizzata per tante altre piante di piccole dimensioni. Tutto nel nome dell’eco-sostenibilità.

Uslon, il costume da bagno che non ti fa mai annegare

Uslon è la linea di costumi da bagno che grazie alle sue innovative strutture tubolari garantisce una maggiore protezione contro l’annegamento.

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA