Ambiente

Con Aguawell fai la doccia senza sprecare acqua

Ogni volta che facciamo la doccia sprechiamo fino 12 litri d’acqua in attesa che essa raggiunga la giusta temperatura. Con Aguawell possiamo evitare questa dispersione e riutilizzare l’acqua per altri fini: dal lavare i piatti a innaffiare i fiori.

Ci sono tanti modi per evitare di sprecare acqua. Uno di questi arriva dal Brasile e risolve un problema che, molti di noi, non si sono mai posti: la dispersione dell’acqua che lasciamo scorrere, prima di una doccia, in attesa che raggiunga la giusta temperatura. È un’azione automatica ma che può durare anche diversi minuti e in cui si perdono, ogni volta, diversi litri. Ma per combattere tutto ciò c’è Aguawell.

Cos’è Aguawell

È un piccolo contenitore che deve essere posizionato nel piatto doccia prima di aprire i rubinetti. È in grado di catturare e immagazzinare l’acqua che fuoriesce evitando così che si perda nello scarico. Capace di catturare oltre 5 litri, può essere facilmente appoggiata al box e usata, un un secondo momento. L’acqua, infatti, può essere riutilizzata per altre azioni come innaffiare i fiori, lavare il nostro cane o fare i piatti.

omcjfrz7rccwwqhqafrk

Chi lo ha inventato

Galeotta fu una birra e una chiacchierata in relax. Flávia, Soren, James and Michael, i creatori di Aguawell, ne raccontano così la nascita. E c’è un motivo se i nomi vi sembrano strani. Solo Flavia è brasiliana. Gli altri vengono rispettivamente da Danimarca, Gran Bretagna e Stati Uniti. Si sono incontrati per lavoro a San Paolo, un città che negli ultimi anni ha sofferto della mancanza crescente di acqua potabile, e hanno trovato una soluzione semplice e poco costosa.

13443227_1088408194539261_3368622130598668911_o-e1467732631322

Preservare l’ambiente ad un costo bassissimo

In Brasile Aguawell è già in commercio e costa poco meno di 50 dollari. E sono gli stessi fondatori a spiegare quanto il loro dispositivo possa essere utile per i paesi più poveri. Soprattutto quelli più soggetti a periodi di scarse precipitazioni e conseguenti razionamenti d’acqua. In più, in determinati paesi, può essere una soluzione per abbeverare il bestiame o dare un aiuto nella coltivazioni di orti e piccoli appezzamenti di terra.

e283aba7793aa725d128811574081fd3_original

Tutti i materiali che sono stati usati per il design di Aguawell sono riciclabili e stampati in 3D. Anch’essi, infatti, contribuiscono a sensibilizzare sul tema della conservazione del pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Nebia, la doccia “a vapore” che fa risparmiare il 70 per cento dell’acqua (finanziata da Apple e Google)

Hanno deciso di metterci dei soldi Tim Cook e Wendy Schmidt. Ha già raggiunto un milione di dollari su Kickstarter. Farà risparmiare le famiglie pensando al futuro. Ecco Nebia, la doccia che preserverà uno dei beni più preziosi che abbiamo: l’acqua.

La 13enne Lalita purifica l’acqua con il mais e viene premiata alla Google Science Fair

La giovane ragazza indiana sta progettando un sistema con pannocchie di scarto e colli di bottiglia di plastica per purificare le acque reflue, da riutilizzare nell’irrigazione dei campi.

La lavastoviglie a manovella che pulisce i piatti in un minuto

Circo Independent è il progetto (ancora in fase embrionale) che vuole combattere lo spreco d’acqua durante il lavaggio dei piatti. È la prima “lavastoviglie” a emissioni zero che ci farà risparmiare tempo e denaro.

Rainworks, le opere d’arte che si rivelano nelle giornate di pioggia (per regalare un sorriso)

“Error 404: sun not found”. Le opere di Peregrine Church trasformano le giornate piovose di Seattle strappando sorrisi e intrattenendo con giochi come “Campana”. Un modo per divertire e educare sull’importanza dell’acqua.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.