Robotica

Otto, il robot maggiordomo (tuttofare) di Samsung

Otto è il primo assistente virtuale robot di Samsung. Un vero e proprio maggiordomo robot in grado di rispondere alle vostre domande e controllare tutti i dispositivi di casa. Al momento solo un prototipo, col quale la casa coreana punta ad entrare prepotentemente nel florido mercato dell’IoT.

Comincia a farsi affollata la scena dei device per smart home. Dopo l’annuncio di Google del sistema Google Home, anche la Samsung è pronta a lanciarsi nel settore con Otto, il suo primo assistente virtuale per famiglia. Sviluppato all’interno dell’ecosistema IoT della casa coreana – Artik – sarà in grado di controllare i dispositivi presenti in casa, agendo come un vero e proprio maggiordomo digitale.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/J9vhdt5jXf0″]

Un maggiordomo robot tuttofare

Un ecosistema sempre connesso che comprenda qualsiasi oggetto tecnologico, dal frigorifero alla lavatrice. È questo il progetto sul quale Samsung sta lavorando da tempo insieme alla divisione SmartThings.

E Otto è il cuore di questo sistema.

Progettato per l’integrazione nell’ambiente domestico infatti, questo piccolo robot è in grado di interfacciarsi e gestire tutti gli elementi della casa: dalla regolazione delle luci al controllo di termostati, condizionatori e frigoriferi. Dotato di microfono e altoparlanti poi, può ascoltare, recepire i comandi e anche rispondere alle nostre domande, in perfetto stile Siri.

(foto: Samsung)

Come è umano lei

Aspetto non da poco conto per un dispositivo che dovrà fare bella mostra di sé nel nostro soggiorno, è il design. E Otto, col suo faccione scuro sul quale, di tanto in tanto, spunta un sorriso, si propone come il compagno ideale per tutta la famiglia.

(foto: Samsung)

Ma oltre a renderlo più umano, il suo display può animarsi in vari modi, per una maggiore interazione con gli utenti. Se ad esempio fuori piove, lo schermo si riempirà di goccioline per rispondere alla nostra richiesta di previsioni meteo. Inoltre, nei momenti di pausa, Otto potrà addirittura “ballare” – grazie a delle (ancora limitate) capacità motorie – per intrattenere i presenti.

Samsung e un mercato in rapida ascesa

Niente di particolarmente nuovo, è vero. Quel che è certo però, è che nelle case del futuro, robot come Otto potranno diventare molto comuni. Ecco perché l’intento di Samsung è quello di puntare in maniera decisa al settore dell’Internet of Things nei prossimi anni. Un mercato che, secondo Cisco, raggiungerà l’astronomica cifra di oltre 14 trilioni di dollari nel 2020. E nel quale la concorrenza appare, già da ora, spietata. Da Google ad Apple – che sembra voler far parte della partita – fino ad Amazon, con il suo Echo.

(foto: Samsung)

Al momento il suo più diretto concorrente sembra essere proprio l’assistente virtuale del quale Amazon ha venduto, ad oggi, circa tre milioni di unità. Otto però, oltre al display, è dotato anche di fotocamera HD per la videosorveglianza. Il piccolo maggiordomo robot di casa Samsung può infatti, a differenza di Echo, fungere da fotocamera di sicurezza (con tanto di riconoscimento facciale), inviando le immagini in live streaming direttamente sullo smartphone del proprietario. Ma, essendo un prototipo, è lecito attendersi ulteriori novità per il futuro. La battaglia a colpi di “killer application” insomma, è solo agli inizi.

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Biro, il robot italiano che renderà più leggere le nostre bollette energetiche

Grazie ai suoi occhi a infrarossi e a un algoritmo interno, Biro è in grado di leggere i nostri consumi energetici e consigliare le soluzioni migliori per correggere le cattive abitudini. È stato sviluppato da Marco Santarelli, esperto di analisi delle reti e docente all’Università di Chieti e Pescara

Domgy, il cucciolo-robot (carinissimo) per tutta la famiglia

Sviluppato da una startup cinese, questo “pet-robot” promette di conquistare moltissime famiglie. Può anche fare la guardia quando la casa è vuota, raccontare delle storie e intrattenere gli altri animali presenti in casa.

I robot ci rubano il lavoro? No, sta a noi ripensare l’occupazione

Adidas, Tesla, Apple, Samsung, Microsoft. Sempre più aziende introdurranno robot nelle loro catene di montaggio. È inevitabile ma anche una grande opportunità: quella di ripensare l’occupazione.

Il piccolo “origami robot” che salverà la vita ai bambini che ingeriscono le batterie

Al MIT lavorano ad un robot in grado di catturare ed espellere elementi estranei dal corpo umano, come micro oggetti ingeriti dai piccoli

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria