The Next News

Carto Builder, lo strumento che vi permette di analizzare big data anche se non siete specialisti

Il software permetterà alle grandi aziende di ottimizzare le proprie scelte di marketing e di prevedere i trend dei consumatori. Creato da una startup, Carto, specializzata in mappe e big data.

Se maneggiati con cura, i big data possono essere uno strumento di straordinaria utilità. Il problema, troppo spesso, è che per lavorare con questa massiccia quantità di numeri servono competenze informatiche molto avanzate. Pochi sono quelli capaci di orientarsi all’interno dei software di analisi matematica. Per questo motivo Carto, azienda nata a Madrid nel 2012 che si occupa della visualizzazione dei dati, ha creato un nuovo strumento di lavoro, Carto Builder.

L’obiettivo è cercare di ampliare il raggio degli utenti che lo utilizzano, da sviluppatori e programmatori a uomini d’affari e grandi aziende.

580272516_1280x720

Uno strumento dai mille usi

Carto è da sempre specializzata nell’analisi di big data geografici, utilizzata da analisti e altri specialisti del settore. Ora l’azienda spagnola punta a realizzare analisi statistiche per grandi organizzazioni, le quali possano utilizzarli per ottimizzare le proprie scelte di marketing e per prevedere i trend dei consumatori. «Carto Builder può essere usato in qualsiasi settore – spiega il CEO Javier De La Torre – ma noi puntiamo su compagnie telefoniche o su altre aziende che offrono servizi finanziari, per aiutarle a prevedere i rischi di un investimento in aree specifiche».

cartodeb_javier-de-la-torre

Come Funziona Carto Builder

L’interfaccia è semplice ed intuitiva. I diversi widget permettono di ottenere in tempo reale un’analisi dei dati selezionando le varie opzioni disponibili. Carto Builder propone quattro tipi di widget, che organizzano i dati secondo diverse specifiche. Le funzioni precedenti rimangono a disposizione degli utenti. Chi vuole potrà continuare ad interfacciarsi con il linguaggio della programmazione, ma i non-specialisti avranno solo bisogno di andare nell’area “analizza e prevedi” e selezionare i parametri di interesse.

Grazie a questo strumento, gran parte del lavoro che le aziende dovevano affidare ad informatici specializzati nel settore potrà essere svolto tranquillamente da personale interno. La versione base costerà 149 dollari al mese, mentre quella business partirà da 10mila dollari l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

6 strumenti (fondamentali) per fare data journalism | The Next News #7

Semplici soluzioni (alcune open source) per trattare, analizzare, trasformare e pubblicare i big data a vostra disposizione. Raccontare una storia attraverso i suoi numeri non è mai stato così facile ed efficace.

7 tool per creare velocemente video (e animazioni) professionali | The Next News #2

Questa settimana parliamo di video. Ecco alcune app, strumenti, piattaforme per creare video e animazioni professionali (in poco tempo) o per personalizzare il proprio canale. Senza tralasciare i mezzi del futuro: i droni.

7 tool per rendere le foto protagoniste di una storia | The Next News #4

Quarto appuntamento sui nuovi strumenti digitali per giornalisti e storyteller. Oggi parliamo di foto e di come si può migliorare il loro impatto narrativo in una storia. E non (solo) con il “ritocco” ma segnalando app e piattaforme dedicate.

8 strumenti per creare storie lunghe e immersive (The Next News)

Primo focus sul giornalismo digitale e strumenti per storyteller. Otto tool (piattaforme, app, programmi) per raccontare narrazioni complesse unendo insieme foto, video, testi, mappe, infografiche, data.

Soundreef, la startup che ha sfidato i monopoli: «Che lavoro essere controcorrente»

Operano in 36 Paesi, fatturano 5 milioni di euro, contano un team di 25 persone. Davide D’Atri, CEO di Soundreef, una delle dieci realtà d’eccellenza finaliste di SIOS nel 2015 ci racconta che cosa è cambiato da quel giorno. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017