Robotica

I robot che racconteranno le Olimpiadi di Rio per il Washington Post

Dati, brevi informazioni, aggiornamenti rapidi. La volontà non è quella di sostituire i giornalisti ma quella di concedere loro maggior tempo per approfondire le storie che l’Olimpiade brasiliana si appresta a raccontare. La scelta innovativa del Washington Post

Questa notte, orario italiano, ci sarà la cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Rio. E, oltre agli atleti, anche i giornalisti si stanno preparando a vivere quello che, ogni 4 anni, è il più importante evento dell’estate. Ma tra le file dei cronisti del Washington Post, come riporta Recode, ci saranno anche dei cronisti non umani. Alcune notizie, infatti, verranno scritte da robot e da software che produrranno sia articoli che tweet per la testata di Jeff Bezos.

robot-journalism

Perché scegliere un’intelligenza artificiale

La scelta è quella di puntare sulla velocità d’esecuzione. L’idea, infatti, è quella di produrre alcuni report, molto semplici, con grande rapidità per aggiornare costantemente sito e profilo twitter. Si tratterà di pezzi che non prevedono delle analisi approfondite ma solo pura e e immediata informazione. Data journalism e notizie d’archivio. Ad esempio il conteggio delle medaglie conquistate da una nazione o particolarità sugli inni nazionali e sui team in gara.

Dati che potranno poi essere utili per successive integrazioni con gli articoli firmati.

La volontà, duque, non è quella di sostituire i giornalisti ma quella di concedere loro maggior tempo per approfondire le storie che l’Olimpiade brasiliana si appresta a raccontare. L’intelligenza artificiale non prenderà il posto dei professionisti ma svolgerà, dando supporto, un lavoro diverso e assai utile. Nella squadra inviata dal giornale ci saranno anche tre ingegneri che si occuperanno dei software, tra cui Heliograf, incaricati di riprodurre contenuti come questo:

washington post olympics AI

Le olimpiadi come test per le elezioni

Jeremy Gilbert, responsabile delle “strategic initiatives” del Washington Post, ha spiegato che quello olimpico sarà un test decisivo per capire se queste intelligenze artificiali potranno essere utilizzate anche durante le elezioni presidenziali di novembre. L’intenzione è quella di colmare il ritardo di 16 ore che il giornale ha accumulato nella copertura nel 2012. Bot e robot, dunque, iniziano ad avere un ruolo sempre più ampio e decisivo nel giornalismo del presente. Quello che richiede velocità, precisione e una grande capacità di sintesi. Almeno nel racconto degli eventi.

Ti potrebbe interessare anche

Così Lululemon ha creato il bikini perfetto per le atlete canadesi alle Olimpiadi di Rio 2016

Trovare la divisa giusta, per un’atleta di beach volley, può essere difficile: soprattutto se ti alleni con il clima del Canada e devi giocarti l’Olimpiade in Brasile. Lululemon ha avviato un programma per creare il due pezzi perfetto

Articoolo, il robot giornalista che (forse) ci manderà in pensione

Solo tre passi e pochi secondi per creare contenuti di 500 parole. Si chiama Articoolo, l’algoritmo intelligente di una startup israeliana che vuole aiutare gli scrittori sul web (e forse mandarli in pensione).

Perché non dobbiamo avere paura dell’intelligenza artificiale (ma solo della nostra stupidità)

Il dibattito sull’Intelligenza artificiale rischia di riprodurre dinamiche anti-tecnologiche. Il problema però non è la tecnologia ma quello che ne sappiamo.

I robot ci rubano il lavoro? No, sta a noi ripensare l’occupazione

Adidas, Tesla, Apple, Samsung, Microsoft. Sempre più aziende introdurranno robot nelle loro catene di montaggio. È inevitabile ma anche una grande opportunità: quella di ripensare l’occupazione.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti