Health

Con Thermo misuri la febbre con una (piccola) pressione sulla fronte

Premiato al Ces di Las Vegas, Thermo è l’ultima novità nella misurazione della temperatura corporea. Basta una piccola pressione sulla fronte per registrare i dati via app e condividerli con il proprio medico.

Nel corso degli anni il termometro è uno di quegli strumenti che ha subito maggiori miglioramenti. Sembrano lontani i tempi in cui, per misurarsi la febbre, lo si agitava (freneticamente) per far scendere il mercurio e catturare così la temperatura del corpo. Anni di contatti, gelidi, sotto le ascelle e di attese snervanti. Ora, dalla Francia, arriva Thermo, l’ultimo device sviluppato dalla startup Withings, che promette di semplificare ulteriormente quest’azione:

[youtube id=”s9zHcxXBMPU”]

Come funziona Thermo

Grazie ai 16 sensori infrarossi della tecnologia HotSpot Sensor basterà una piccola pressione sulla fronte. Si appoggia il device, si preme un pulsante e si aspetta che una piccola vibrazione annunci la rilevazione della temperatura. Subito dopo il display LED cambierà colore in base a quanta febbre abbiamo.

Withings-Thermo-1

Tramite il bluetooth e la connettività Wi-Fi è possibile inviare e analizzare i dati scaricando l’app dedicata. Uno spazio virtuale che permetterà ad ogni utente di controllare tutte le misurazioni fatte in passato condividendole con il medico di famiglia.

L’app, infine, dà la possibilità di aggiungere altri sintomi e ricevere un consiglio sui medicinali da poter assumere.

withings-thermo-entete

La presentazione al CES di Las Vegas

Thermo è stato presentato all’ultimo CES di Las Vegas dove ha conquistato critica e pubblico portando a casa due CES Innovation Awards: Best in Fitness, Sport & Biotech e Tech for a Better World. Nei primi mesi del 2016 ha ottenuto il via libera per la commercializzazione da parte degli organi competenti sia in Europa che negli Stati Uniti d’America. Attualmente costa poco meno di 100 dollari e può essere acquistato via Apple Store.

Ti potrebbe interessare anche

«Così costruirò il primo parco sotterraneo del mondo, a New York» (Grazie alla nonna di Matera)

Nel 1920 la nonna di Dan aveva 5 anni. Lasciò Tricarico (vicino a Matera) e andò a New York, contribuendo a sviluppare il Lower East Side. Oggi, il nipote, vuole costruire il primo parco sotterraneo al mondo alimentato da energia solare. Una storia bellissima.

Biosphera 2.0: a Torino è nata la casa (itinerante) del futuro

Inaugurata sotto il Monte Bianco, questa casa è il frutto di un lavoro di oltre 100 studenti di architettura e ingegneria provenienti da tutta Italia. La struttura ha le dimensioni di un container ed è autonoma dal punto di vista energetico.

Con questo guanto possiamo vedere sott’acqua (imitando i delfini)

Irukatact è un guanto hi-tech che imita la capacità dei delfini di usare il sonar per rilevare gli ostacoli. In Giappone ha già dato una grande mano in casi di emergenza aiutando a salvare delle vite

Cos’è il grafene e perché è il materiale del futuro

Il grafene è considerato il materiale del futuro e l’Italia è leader europeo nella ricerca delle sue molte applicazioni che spaziano dal settore automobilistico all’aerospaziale, dall’efficienza energetica alla medicina.

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia