APP

L’app (italiana) che localizza, segnala e combatte le zanzare. Ecco ZanzaMapp

ZanzaMapp è la prima app anti-zanzare che mira a mappare la presenza di questi insetti in Italia. L’obiettivo è creare un database che permetta ai singoli di cittadini di evitare le zone più infestate e fornire alle amministrazioni locali uno strumento utile per gestire al meglio gli interventi di disinfestazione.

Un fastidio talvolta insopportabile. Ma anche un pericoloso veicolo di malattie per l’uomo. Sono ovviamente loro, le zanzare. Con ogni probabilità gli insetti più odiati, soprattutto in questo periodo dell’anno. Come fare allora per difenderci? All’università La Sapienza di Roma hanno pensato a un’app anti-zanzare che, grazie al contribuito attivo degli utenti, potrà aiutare le autorità competenti a ottimizzare gli interventi di prevenzione e disinfestazione.

Università La Sapienza di Roma

Come difendersi dalle zanzare con un’app

ZanzaMapp – questo il nome – è stata sviluppata grazie allo sforzo congiunto del laboratorio Social Dynamics del Dipartimento di Fisica e del gruppo di Entomologia Medica del Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive dell’Università Sapienza di Roma per la parte scientifica, e della startup GH srl, per quella informatica e la geolocalizzazione.

Nata da un’intuizione del ricercatore romano Cesare Bianchi, servirà a mappare la presenza di zanzare in tutta Italia.

“Cercavo un posto per le vacanze al sicuro dal rischio Zika e mi sono reso conto di come le informazioni sulla presenza di zanzare siano scarse” spiega Bianchi. Ecco come nasce l’idea di dare la possibilità a tutti di contribuire alla creazione di un database aggiornato. “Abbiamo pensato di coinvolgere i cittadini nella mappatura della situazione delle zanzare, così da creare una mappa in tempo reale consultabile da tutti”. Grazie ad un’interfaccia molto intuitiva infatti, l’app (gratuita) permette agli utenti di segnalare il numero di zanzare rilevate, zona e orario della rilevazione. Oltre eventualmente alla possibilità di inviare una fotografia per l’identificazione certa della specie.

Università La Sapienza di Roma

Il virus Zika insegna

Le zanzare, oltre al semplice fastidio, possono diventare molto pericolose per la propagazione di malattie. Basti pensare al timore diffusosi negli ultimi mesi per il virus Zika, che sta condizionando anche le Olimpiadi di Rio 2016. Non a caso anche il Brasile ha la sua ZanzaMapp. Si chiama Sem Dengue ed è in effetti una sua versione ridotta: i cittadini segnalano la presenza di zanzare e di acque stagnanti inviando una semplice foto.

Università La Sapienza di Roma

A differenza della sua collega sudamericana, ZanzaMapp mette a disposizione degli utenti diversi servizi, tra cui schede informative per riconoscere le varie specie di zanzare, la loro pericolosità e i modi per prevenirne lo sviluppo. E poi, è possibile segnalare le azioni di disinfestazione effettuate, per valutarne l’efficacia. Inoltre, tramite l’app è possibile partecipare – su base volontaria – ad un importante programma di Citizen Science.

Università La Sapienza di Roma

Un diffusione “virale” di informazioni

Attraverso un algoritmo che prende in esame temperatura in strada e dentro i tombini (dove le zanzare si riproducono), fasi di sviluppo degli insetti e segnalazioni degli utenti, viene calcolata la “mappa” delle zone a rischio di invasione. “I dati raccolti sono pubblici e possono essere scaricati – debitamente anonimizzati – da chi ne fa richiesta in vari formati aperti così da poter essere utilizzati da tutti i pubblici di riferimento”, spiega Bianchi.

Obiettivo finale: avere un database dettagliato, strumento indispensabile per le amministrazioni locali al fine di gestire al meglio i loro interventi.

I singoli cittadini, dal canto loro, potranno evitare le zone più a rischio e assumere le dovute precauzioni. Inoltre, sono invitati a condividere le informazioni sui social, per una diffusione virale (questa sì più che mai opportuna) dell’iniziativa, nella speranza di riuscire così a evitare la diffusione di Zika e altri virus.

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Debellare la malaria? «Usiamo il sesso rendendo sterili le zanzare maschio»

Questo soluzione innovativa è frutto dell’ingegno italiano. Il team è guidato da Flaminia Catteruccia, docente all’Università di Perugia e alla Harvard School of Public Health: «Useremo le zanzare per eliminare le zanzare».

Una app per proteggerci da Zika? No. Ecco perché non è possibile replicare il caso Ebola

Monitorare un vettore come una zanzara non è semplice come nella trasmissione fra esseri umani e anche con i sintomi l’automonitoraggio non sempre è efficace. Ecco perché non è possibile replicare il caso Ebola.

ATHENA, dalla dea della sapienza un dispositivo di sicurezza per le donne (grande come una moneta)

I dati sugli episodi di violenza verso le donne sono allarmanti: in America una ragazza su quattro è vittima di abusi durante il college. Il team di Yasmine Mustafa ha deciso di invertire la rotta creando Athena, un piccolo dispositivo ispirato alla divinità greca.

CSMON-LIFE, l’app per conoscere e proteggere la biodiversità italiana

CSMON-LIFE (Citizen Science MONitoring) è un progetto di citizen science per coinvolgere il grande pubblico nello studio e nella tutela della biodiversità. Permette di conoscere e monitorare le specie animali e vegetali che vivono in Italia.

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente