Smart Mobility

A Chicago la funivia la fanno davvero: arriva SkyLine

Evitare traffico e disagi sorvolando la città a bordo di un’innovativa funivia. Si tratta della Chicago SkyLine, una rete di trasporto “aerea” progettata dallo studio londinese Marks Barfield Architects, con cabine trasparenti galleggianti nell’aria, a cinquanta metri d’altezza.

Lo ricorderete, era stata una delle proposte lanciate in campagna elettorale del neo sindaco di Roma Virginia Raggi per decongestionare il traffico cittadino. In attesa di vedere se la capitale si doterà di questa soluzione per la mobilità sostenibile, a Chicago stanno pensando sul serio di realizzare una nuova rete di trasporto “aerea”. Il progetto è già pronto. Ecco un’idea di cosa dobbiamo aspettarci.

[vimeo id=”165363195″]

Il progetto è dello studio Marks Barfield Architects (gli stessi che hanno ideato la London Eye di Londra), in collaborazione con lo studio Davis Brody. Dovrebbe chiamarsi Chicago Skyline e, oltre a facilitare i trasporti, vuole diventare (nelle intenzioni dei suoi ideatori) un’importante attrazione turistica, esattamente come la famosa ruota panoramica londinese.

(Foto: Davis Brody Bond)

Skyline, un’attrazione turistica ipertecnologica

Il progetto Chicago SkyLine è stato sostenuto da imprenditori locali come Laurence Geller, presidente e CEO di Heller Capital Partners e Lou Raizin fondatore di Broadway a Chicago. Ma a beneficiare di questa innovativa soluzione di mobilità urbana non saranno solo gli abitanti della metropoli statunitense, ma anche i turisti.

Secondo le previsioni infatti, la costruzione della funivia potrebbe portare fino a un milione e mezzo di visitatori in più all’anno

Composta da suggestive cabine trasparenti poste a cinquanta metri d’altezza, dovrebbe costeggiare il Chicago River, mettendo in collegamento tra loro i siti turistici più importanti della città. Dalla sponda sud del fiume fino al centro cittadino, integrandosi perfettamente con il paesaggio urbano, permetterà a cittadini e turisti di ammirare ammirare le architetture di Chicago in modo del tutto nuovo. La cabinovia, poi, sarà in funzione anche nelle ore notturne, con una spettacolare vista sulla città illuminata, per un percorso totale di circa trenta minuti.

(Foto: Davis Brody Bond)

Traffico addio, non solo a Chicago

Una vista spettacolare su quella che è, a tutti gli effetti, una delle città più congestionate al mondo. I trasporti pubblici, dagli autobus alla metropolitana, fino alla celebre ferrovia sopraelevata, non ce la fanno a soddisfare la richiesta dei cittadini. Per non parlare di auto o scooter, sempre più impantanati nel traffico. Ecco perché si è pensato a una soluzione che consentisse di alleggerire il traffico e contribuire alla difesa dell’ambiente.

(Foto: Davis Brody Bond)

Sorvolare la città all’interno di capsule trasparenti rappresenta dunque il futuro degli spostamenti a Chicago. Ma in realtà, si parla da tempo di utilizzare soluzioni simili per liberare le strade di tutto il mondo. Non è certo una novità dunque (a New York c’era già nel 1976), ma indubbiamente rispetto ad altre idee di mobilità, le funivie presentano dei vantaggi consistenti in termini di economicità, tempi e facilità di realizzazione.

Non a caso è un tipo di infrastruttura diffusa in diversi Paesi del Sud America, come Brasile e Colombia.

Anche l’innovazione ha un prezzo

La futura funivia di Chicago dalle capsule trasparenti avrà un costo di circa 250 milioni di dollari (220 milioni di euro). Fino a tremila persone all’ora potranno viaggiare sulla Chicago Skyline, anche se non si conoscono ancora i tempi di realizzazione, perché deve ancora arrivare il via libera dall’amministrazione cittadina. Quel che è certo è che non dovrebbe trattarsi di spostamenti troppo economici: per ora l’idea è quella di far pagare una cifra intorno ai venti dollari a biglietto, in linea con quello delle attrazioni panoramiche.

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Arriva da Modena il pavimento che rileva i movimenti, i flussi e le abitudini di chi lo calpesta

Realizzato da un’azienda modenese, al primo impatto è un semplice pavimento in ceramica. Ma è dotato di un sistema sensoriale che permette di rilevare qualsiasi movimento e identificarne la natura. Testato per monitorare i flussi dei visitatori del Museo storico di Lecce, in futuro potrà essere installato nelle nostre case per rilevare, ad esempio, la caduta di anziani soli.

La città fantasma del futuro e altri 2 super progetti hi tech (fatti da Adidas e Microsoft)

Microsoft ha costruito la camera più silenziosa del mondo (entrata nel Guinness World Record); Adidas realizza scarpe personalizzate per ogni cliente (con la stampa 3D); Pegasus progetta una città fantasma per testare le tecnologie del futuro. Le news hi tech della settimana.

Luce, sostenibilità e big data: a Buenos Aires pronti 91mila lampioni smart

È partito dalla Capitale argentina il progetto di una rete di illuminazione smart per le città del futuro. Pronti 91mila lampioni “intelligenti”: monitoreranno i flussi di traffico, la situazione dei parcheggi e comunicheranno con le piattaforme di controllo.

BreezoMeter, la startup che monitora l’inquinamento dell’aria con i big data

L’applicazione, sviluppata da una startup israeliana (premiata anche dal Presidente Obama), permetterà di conoscere, in tempo reale, i dati sull’inquinamento atmosferico in ogni strada di ogni città del globo.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria