Space

Useremo gli asteroidi come miniere spaziali (grazie a robot e stampa 3D)

Nel prossimo futuro scatterà l’era dello “space mining” e della caccia alle risorse presenti all’interno degli asteroidi. Il progetto RAMA e la NASA si preparano alla prima missione che potrebbe partire nel 2030.

Partiamo da una semplice parola, asteroidi. Siamo abituati a vederli come giganti muti che viaggiano nello spazio per millenni fino a collassare sulla superficie di qualche pianeta o bruciando nella sua atmosfera. Tuttavia lo spazio, almeno per i suoi pionieri, non è solo un profondo e oscuro oceano d’incertezza ma un’opportunità, fonte di risorse e tecnologia.

MIS_FlightTestZeroG2

La prima stampante 3D nello spazio

Mentre leggete questo articolo attorno alla Terra gira una Stazione Spaziale Internazionale, l’ISS, proprio sopra le nostre teste. A bordo, da marzo, è in uso la prima stampante 3D che funziona a gravità zero. Realizzata dall’azienda statunitense Made in Space, permetterà di adattare la stampa 3D allo spazio. I vantaggi sono enormi, miliardi di dollari sono necessari per rifornire costantemente gli astronauti di materiali e strumenti per la sopravvivenza in orbita. Grazie alla stampa 3D basterà inviare solo materiale grezzo e attraverso Internet il personale a bordo riceverà i file di qualsiasi oggetto da realizzare, sempre aggiornato all’ultima versione.

Tutto questo è già realtà, il nostro presente. Ci sono però nuovi orizzonti, pronti su carta, che la Nasa sta finanziando per rendere concreti. I protagonisti del progetto di cui voglio parlarvi sono ancora una volta i membri di Made in Space che hanno ricevuto da poco un importante premio per sviluppare il progetto RAMA (Reconstituting Asteroids into Mechanical Automata) con un obiettivo straordinario, ma in teoria fattibile: trasformare gli asteroidi in miniere mobili.

nasa-funded-project-rama-could-transform-asteroids-into-mining-spaceships-with-3d-printing-by-2030-1

Il progetto RAMA

La stampa 3D sarà una rivoluzione per l’esplorazione spaziale, ma quando partiremo verso nuovi mondi, Marte in primis, spedire rifornimenti così lontano comporterà un impiego di risorse mostruoso. Non sarà la Terra a rifornire i futuri esploratori, ma dovremo cercare nuove risorse nello spazio profondo, meno vuoto di quel che immaginiamo. Gli astronauti si imbatteranno in non pochi asteroidi e frammenti rocciosi che secondo numerose aziende potremo usare per raccogliere materie prime “on the road” nello spazio, inaugurando l’era dello space mining.

Il progetto RAMA punta a estrarre minerali utili dalla loro superficie, ma grazie alla congiunzione intelligente di robot e stampa 3D, gli asteroidi verrebbero letteralmente convertiti in “navi spaziali” rocciose, con un certo grado di propulsione e controllo della rotta. In questo modo queste enormi pietre vaganti verrebbero indirizzate ai coloni umani, rifornendoli periodicamente di tutto il necessario.

nasa-funded-project-rama-could-transform-asteroids-into-mining-spaceships-with-3d-printing-by-2030-2

Il primo asteroide “da catturare”

La prima missione dovrebbe partire nel 2030, quando dei robot, i Seed Craft, verranno spediti verso un asteroide vicino alla Terra (NEA, Near Earth Asteroid). Una volta raggiunta la sua superficie, sfruttando le tecnologie perfezionate negli ultimi decenni dalla NASA, verranno estratti i minerali necessari per stampare in 3D sistemi di propulsione, conservazione dell’energia e altri elementi di logistica essenziali. In un secondo momento i robot minatori si occuperanno delle materie prime da inviare alle stazioni spaziali, consumando progressivamente l’asteroide stesso.

I sistemi di propulsione per regolare la rotta dell’asteroide sono già in fase di sviluppo da parte della NASA, ma quelli di Made in Space puntano a soluzioni estremamente essenziali, duraturi e basati sulla pura meccanica. Per le navicelle che trasporteranno i robot verrà invece impiegata la propulsione elettrica, futuro della mobilità non solo sul nostro pianeta ma anche ben oltre.

MANDATORY CREDIT: *see individual credit*/Rex Features. Only for use in story about Contour Crafting work. Editorial Use Only. No stock, books, advertising or merchandising without photographer's permission Mandatory Credit: Photo by NASA/REX (3502995a) Contour Crafting NASA concept for Lunar settlement infrastructure Contour Crafting allows robots to print houses on Earth and the moon - 14 Jan 2014 FULL COPY: http://www.rexfeatures.com/nanolink/oh4o Building a home could soon be a matter of pressing a button and letting a robot 'print' the structure. A process called Contour Crafting allows computer-controlled machines to build houses within 24 hours. The layered fabrication technology sees concrete applied in a pre-determined design by a nozzle on a moveable gantry. (VIDEO: http://bit.ly/1eIHGmP) Aside from creating more elaborate buildings, the innovation could have applications in building simple homes in disaster zones or slum areas. NASA are also supporting the development of the design to create command bases on the moon, utilising lunar soil as the material for the concrete. Speaking on Tuesday (14 Jan), Dr Khoshnevis said: "The NASA project is on-going. We are also advancing in the housing application as well as in construction of special structures."

Costi, fattibilità e passi futuri

Il progetto RAMA ha già ottenuto il primo round del grant NASA Innovative Advanced Concepts (NIAC) pari a 100 mila dollari. Serviranno a finanziare i primi test di ricognizione per sondare la fattibilità del progetto e se i risultati saranno positivi la NASA fornirà il secondo round di 500 mila dollari. Bisogna ancora perfezionare le tecnologie di estrazione di minerali in sit0, migliorare le intelligenze artificiali che guideranno i robot, ma anche sviluppare una Internet spaziale per coordinare al meglio tutte le attività.

Questione di “Quando”, non di “Se”.

Vista così, un giorno potremmo trovarci a inviare un regalo ad un nostro parente astronauta su Marte, stampato in 3D usando metalli estratti da asteroidi “addomesticati”. Ad ogni modo, più i viaggi spaziali ci spingeranno lontano dalla Terra, più noi assomiglieremo a pesci fuor d’acqua. Per sopravvivere dovremo imparare a camminare sulla terraferma, che nel nostro caso sarà lo spazio profondo, e potremo farlo solo evolvendoci, stavolta grazie alla tecnologia. RAMA potrebbe far parte di questa evoluzione, staremo a vedere se colpirà nel segno.

2 Commenti a “Useremo gli asteroidi come miniere spaziali (grazie a robot e stampa 3D)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il drone che ha sorvolato l’Area 51 (e fatto aumentare le misure di sicurezza)

Un appassionato ufologo ha fatto avvicinare un drone all’Area 51. Si tratta della base segreta americana in cui alcuni credono siano occultate le prove di contatti con forme di vita aliena. E ora i militari sono stati autorizzati a sparare a vista ai velivoli senza pilota.

Il video della NASA che mostra l’aumento del riscaldamento globale (dal 1880 al 2015)

La NASA ha appena rilanciato un video che mostra, in 30 secondi, l’esponenziale aumento della temperatura sulla Terra dal 1880 al 2015. Dobbiamo preoccuparci? Sì, perché gli ultimi dodici mesi hanno registrato numeri da record.

Il video della NASA che mostra un anno di attività del Sole

Un anno di attività racchiusa in un unico video (spettacolare) pubblicato dalla NASA su youtube. Il materiale è stato raccolto dal Solar Dynamics Observatory, la sonda lanciata nel 2010 che, senza sosta, studia la nostra stella.

L’alleanza tra NASA e Microsoft per portarci su Marte | Video

Si chiama “Destination: Mars” il programma nato dall’alleanza tra NASA e Microsoft per farci calcare il suolo di Marte. Tutto grazie agli Hololens e a una guida esperta come Buzz Aldrin, uno degli astronauti più famosi del mondo.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup