Eventi

Terremoto Centro Italia, il progetto di hacking civico per condividere le notizie (utili) sul sisma

Terremoto Centro Italia è un sito nato per condividere informazioni sul terremoto e fornire una serie di servizi specifici per chiunque voglia dare il proprio contributo. Mappe, alloggi, verifica delle notizie. Tutto nel nome della solidarietà e della partecipazione civica.

Il 24 agosto un terremoto ha sconvolto le province di Rieti, Ascoli Piceno e Perugia. Nei giorni successivi la risposta delle persone non si è fatta attendere. C’è chi è partito per portare beni di prima necessità, chi ha aiutato la protezione civile nel soccorrere i feriti, chi ha scavato tra le macerie per recuperare i corpi di quelli che, purtroppo, non c’è l’hanno fatta. Ma anche da lontano, grazie alla rete, si sta facendo molto per dare un aiuto concreto. Questa è la missione di Terremoto Centro Italia, il progetto di hacking civico nato per condividere informazioni sul terremoto e fornire una serie di servizi specifici per chiunque voglia dare il proprio contributo.

CqmwJRYWYAAJuzE.jpg-medium

Notizie verificate e complete

L’iniziativa nasce per combattere la grande confusione che, inevitabilmente, si è venuta a creare all’indomani di un evento così importante. All’interno del sito, nato in pochissimo tempo, si pubblicano sia notizie verificate, provenienti da fonti ufficiali, e sia contributi utili per creare valore in un momento di crisi. Notizie che rischiano di perdersi nel flusso ininterrotto delle informazioni, soprattutto all’interno dei social, e che, in tal modo, vengono recuperate e aggregate in un unico contenitore.

Un’iniziativa aperta a tutti

I contenuti possono arrivare da fonti diverse: privati, aziende, associazioni e istituzioni. All’interno di Terremoto Centro Italia ci sono già, ad esempio, i contributi di ActionAid Italia, Emergenza 24, OpenStreetMap Italia. Ma anche quelli di singoli civic hacker come Andrea BorrusoNino GalanteMaurizio de MagnisSabas. L’unico divieto è quello di non avere un secondo fine e di non provare a strumentalizzare un evento tragico che colpisce tutto il paese. Una “ovvietà” che i due promotori del progetto, Matteo Tempestini e Matteo Fortini, hanno doverosamente sottolineato proponendosi come garanti e controllori.

Schermata 2016-08-27 alle 15.39.26

Le informazioni divulgate

All’interno del sito si possono avere notizie sulle raccolte fondi in corso, sugli alloggi messi a disposizione da privati e aziende per gli sfollati, sulle fonti che vengono monitorate per raccogliere le ultime notizie sul terremoto. Ma non solo. Nella sezione mappe si può comprendere, grazie a foto satellitari, come sono cambiati i luoghi colpiti dal sisma, come Amatrice, Accumoli e Arquata del Tronto. Ma ci si può anche informare sullo stato del traffico nelle strade che portano a questi paesi o scoprire i luoghi di raccolta, in tutta Italia, dei beni di prima necessità. Con l’invito a partecipare alla costruzione o all’ampliamento di queste mappe.

1472108952_terremoto

I profili social

Oltre al sito è possibile seguire anche i contatti social di Terremoto Centro Italia: il gruppo facebook, il profilo twitter e il gruppo Telegram sono canali dove è possibile contribuire alla diffusione delle news e degli appelli sul sisma.

In questa pagina è possibile, infine, avere tutte le informazioni sul progetto. Una realtà, nata su GitHub, pronta a ricevere il sostegno e i consigli da parte di chiunque abbia voglia di mettere le proprie capacità al servizio di qualcosa di più importante. Un aiuto concreto nato grazie alla rete, sempre più decisiva nel dare forma alla solidarietà degli italiani.

Ti potrebbe interessare anche

Come fa un telefonino a salvarti la vita in caso di terremoto?

Un gruppo di ricercatori americani ha scoperto che hackerando i telefonini ogni smartphone può diventare un sensore antisismico.

OpenStreetMap si mobilita dopo il terremoto: «Usate le nostre mappe per i soccorsi»

Oltre 50 persone stanno dedicando il loro tempo ad aggiornare le mappe dei luoghi colpiti dal terremoto, in provincia di Rieti. Tutti i dati e le mappe forniti dalla comunità possono rappresentare un importante aiuto per i soccorritori.

Ryot, così la realtà virtuale ti porta nelle zone colpite dai disastri (facendo grande giornalismo)

Ryot porta avanti una missione molto semplice: collegare le notizie alle azioni. Tutto in modo immersivo, innovativo e utilizzando la realtà virtuale. E non è un caso se, nel 2016, è stato acquisito da una testata come l’Huffington Post.

Shazam e i terremoti: ecco come la compatibilità sonora potrebbe salvare città intere

Un pool di scienziati della Stanford University ha creato un nuovo algoritmo ispirato dalla famosa app Shazam, utilizzata per riconoscere le canzoni. L’obiettivo è quello di evidenziare le zone ad alto rischio sul breve periodo grazie al suono.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti