Gadget

OvRcharge, il caricabatterie che fa fluttuare in aria il tuo smartphone

OvRcharge, sviluppato da designer canadesi, ha raccolto 60mila dollari su Kickstarter. Funziona grazie alla levitazione magnetica e sarà pronto per il prossimo Natale.

Niente più fili ingombranti o capaci di attorcigliarsi quando non guardiamo. Niente più accumulatori o prese di corrente da trovare all’ultimo momento. Grazie ad ARDesign, un gruppo di designer canadesi, potremo ricaricare il nostro smartphone facendolo fluttuare in aria, come in uno spettacolo di magia. Tutto grazie alla levitazione magnetica e a una custodia particolare, chiamata OvRcharge, che ha appena raccolto oltre 60mila dollari su Kickstarter.

[youtube id=”Bi07uZ7sSdk”]

Come funziona OvRcharge

Per farlo funzionare, secondo quanto si legge sul sito della campagna, basterà attaccare sulla parte posteriore del device alcuni magneti e posizionarlo sopra la base. In tal modo si viene a creare un equilibrio tra la normale attrazione gravitazionale verso il basso e la forza generata dai magneti del caricabatterie che spinge verso l’alto. Forze contrapposte che generano stabilità. È questo semplice meccanismo a tenere a mezz’aria lo smartphone e, come mostrato nel video, a farlo ruotare attorno al proprio asse.

OvRcharge

Prezzo e consegne

OvRcharge è compatibile con tutti i vari modelli sul mercato. Dai vari modelli della Apple, compreso l’iPhone SE, ai Galaxy, agli Xperia, LG e Huawei. L’unica limitazione riguarda la prova bilancia, ovvero il telefonino non deve superare i 600 grammi di peso. Per assicurarvi questo gadget, che secondo i suoi creatori sarà pronto in tempo per il prossimo Natale, serviranno ben 199 dollari. Un prezzo decisamente alto per un prodotto esteticamente affascinante ma che, in fin dei conti, è solo un sistema di ricarica alternativo a quelli tradizionali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.