Health

La sfida di Google nella cura dei tumori (grazie a una startup)

Google vuole mettere l’intelligenza artificiale e il deep learning al servizio del trattamento dei tumori. Tutto grazie a una startup acquisita nel 2014, DeepMind, e un algoritmo.

L’intelligenza artificiale e il deep learning possono essere messi al servizio del trattamento dei tumori. Un importante passo è stato fatto da Google DeepMind, la startup londinese acquisita da Google nel 2014, e dall’University College London Hospital, che hanno annunciato un accordo per sviluppare un algoritmo che migliori la preparazione alla radioterapia per i pazienti con tumori nelle aree della testa e del collo. L’apprendimento profondo può rendere più veloce ed efficiente l’analisi delle aree colpite dai tumori. Un mese fa, Google DeepMind aveva annunciato un accordo analogo, con il Moorfields Eye Hospital NHS Foundation Trust come partner e la cura delle malattie degli occhi come obiettivo.

deepmind-550x346

Un algoritmo in aiuto dei medici

Prima che la radioterapia venga somministrata ai pazienti, c’è un processo, chiamato segmentazione, che raccoglie tutte le informazioni sulle aree da trattare. Il risultato della segmentazione è una mappa dettagliata che permette di non indirizzare la radioterapia a parti del corpo che non ne hanno bisogno: tutto il processo può prendere fino a quattro ore. L’obiettivo di Google DeepMind è ridurre i tempi a un’ora e liberare risorse ai medici. «In questo modo, potranno dedicare più tempo al paziente, alla formazione e alla ricerca, a tutto beneficio dei pazienti» ha detto al Guardian Yen-Ching Chang, capo del reparto di radioterapia dell’University College London Hospital.

DeepMind preparerà il suo algoritmo usando le TAC e le risonanze magnetiche di 700 pazienti dell’ospedale: in questo modo l’intelligenza artificiale imparerà a distinguere il tessuto sano da quello malato. Nella dichiarazione di DeepMind non c’è una cornice temporale su quando l’algoritmo sarà pronto e disponibile: «Questo tipo di ricerca è esplorativa, ma pensiamo abbia un grande potenziale per medici e pazienti». Questo per DeepMind è solo il punto di partenza. Uno degli obiettivi messi nero su bianco è «sviluppare un algoritmo di segmentazione per la radioterapia che possa essere applicato anche ad altre parti del corpo».

google-deepmind-artificial-intelligence-2-640x0

Il trattamento dei dati dei pazienti

L’annuncio di questa partnership solleva però il tema di come saranno trattati i dati medici di questi 700 pazienti, il materiale base da cui partirà l’apprendimento dell’algoritmo. «Tratteremo i dati con la massima cura e il massimo rispetto, tutte le informazioni saranno rese anonime», ha scritto Google. Una precisazione dovuta ma importante. Ad aprile, il New Scientist aveva rivelato che Google aveva avuto accesso ai dati completi di 1,6 milioni di pazienti del servizio sanitario britannico. Lo scopo noto al pubblico dell’accordo è sviluppare un’app che permetterà agli ospedali di monitorare la salute di chi ha problemi ai reni. Il problema è che Google, come ha scoperto il New Scientist, ha avuto accesso a set di informazioni molto più ampio, che contenevano dati sensibili come infezioni da HIV, storie di depressioni e aborti. In tutti questi accordi è previsto che Google non usi quei dati in altre parti del suo business, che li faccia gestire da un’azienda terza e che li distrugga alla fine della ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

A Roma il primo centro italiano di impianti ossei stampati in 3D (e salverà molte vite)

È l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena il primo centro medico specializzato in impianti ossei stampati in 3D grazie alla collaborazione di due aziende tutte italiane. Una tecnologia in grado di salvare la vita a migliaia di pazienti e di migliorare la qualità degli interventi.

A Tor Vergata nasce il futuro: ecco il Ket-Lab (e le sue nanotecnologie)

Ket-Lab è uno dei laboratori di ricerca italiani per il trasferimento tecnologico: un luogo multidisciplinare per portare nella vita quotidiana le innovazioni nate dalle tecnologie aerospaziali. E viceversa.

Le intelligenze artificiali “forti” e altre 9 mega-tendenze per il 2016

L’Italian Institute for the Future pubblica le dieci tendenze tecnologiche (e non) emerse negli ultimi 12 mesi. Dall’ondata migratoria che ha investito l’Europa al fenomeno delle auto senza conducente. Ecco tutte le trasformazioni che produrranno enormi cambiamenti e nuovi scenari.

Sopravvive due volte al cancro e scala l’Everest (con un solo polmone). La storia di Sean Swarner

Quando era adolescente Sean Swarner è sopravvissuto due volte al cancro. A 16 anni gli avevano prospettato appena 14 giorni di vita. Nel 2002 ha scalato l’Everest per portare speranza e ispirare altre persone. Da lì non si è più fermato conquistando le vette di tutto il mondo.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup