Arte

Aquasonic, la band olandese che canta, suona e registra musica sott’acqua

Dopo dieci anni di duro lavoro e perfezionamento delle tecniche di canto ed esecuzione, Aquasonic ha iniziato il suo tour mondiale. Parliamo della prima band che esegue i propri brani sott’acqua grazie a strumenti modificati o inventati, come il Rotacorda e il Crystallophone.

La musica è un linguaggio senza confini e può scaturire ovunque e in qualunque modo. Anche sott’acqua. Almeno questa è l’arte di Aquasonic, il gruppo olandese che registra, produce e suona i propri brani all’interno di grandi vasche trasparenti che contengono oltre 1500 litri d’acqua. All’inizio dell’estate è partito, da Rotterdam, il loro primo tour mondiale dopo 10 anni di prove per perfezionare tecniche di canto ed esecuzione. Il risultato? Incredibile.

[youtube id=”hUam-3vPbos”]

I musicisti-maker di Aquasonic

La band è composta da 5 membri: Laila Skovmand, Robert Karlsson, Morten Poulsen, Dea Maria Kjeldsen, Nanna Bech. Guardarli all’opera è davvero uno spettacolo unico ma dietro ad ogni performance c’è un grande e duro lavoro. Come la creazione e costruzione di alcuni strumenti particolari. Sì, perché se alcuni strumenti, soprattutto quelli a corda o percussioni, possono essere semplicemente modificati e adattati al mondo subacqueo, altri sono stati inventati o profondamente modificati. Come il Rotacorda, una specie di ruota idraulica di origine romana, e il Crystallophone, ispirato ad un’invenzione di Benjamin Franklin, un’enorme armonica di vetro e cristallo. Per realizzarli la band si è servita dei servigi di uno dei maestri del MIT di Boston, Andy Cavatorta, uno che di musica, robotica e ingegneria se ne intende per davvero.

aquasonic-20150608-8

Il canto sirenesco

Nonostante un ambiente ovattato, la band è riuscita a perfezionare uno stile di canto originale e gradevole. I suoni, che evocano le melodie delle sirene, vengono amplificati tramite idrofoni e propagati nella sala con estrema delicatezza. Per seguire il tempo, e non sovrapporsi, i musicisti possono indossare particolari auricolari che sopperiscono al fatto di potersi vedere poco a causa dei vetri e della parziale lontananza. A turno, con precisione svizzera, riemergono per respirare.

AquaSonic-underwater-band-600x400

Un’orchestra speciale

Per superare questi problemi tecnici, la band ha stretto accordi con alcune tra le più importanti Università del mondo. Da Aarhus e Berlino a Toronto e Boston. Esperti di acustica marina ed esperti di climatica compresi. Alla fine, unendo tecnologia e principi di fisica e meccanica, hanno scelto strumenti e tecniche adatti per il loro concerto. Oltre ai due strumenti innovativi, infatti, l’orchestra è composta da un’arpa elettromagnetica, percussioni (comprese 24 campane tibetane) e un violino in fibra di carbonio. Tutto per una performance, visiva e sonora, unica al mondo.

Credits: Morten Thun, Christoffer Brekne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore