Realtà Virtuale

A spasso nel parco di Yosemite con Barack Obama (e la realtà virtuale)

Seguire Obama passo dopo passo lungo i sentieri, i fiumi e gli incontri tenuti nel parco Yosemite. Uno dei paradisi naturali più affascinanti degli Stati Uniti d’America. Tutto grazie alla realtà virtuale, Oculus Rift e National Geographic.

«Posti come Yosemite ci fanno sentire parte di qualcosa più grande di noi stessi. Ci aiuta a metterci in contatto non solo con il nostro spirito, ma con qualcosa di più grande: lo spirito dell’America». Queste parole pronunciate dal presidente americano Barack Obama, sono una sintesi della prima esperienza di realtà virtuale creata dal National Geographic, Felix & Paul Studios e Oculus. Il titolo del progetto è Through the Ages: President Obama Celebrates America’s National Parks.

[youtube id=”6U5g8XbdLhk”]

Un tour con il Presidente degli Stati Uniti d’America

Seguire Obama passo dopo passo lungo i sentieri, i fiumi e gli incontri tenuti nel parco può dare anche a chi è lontano e ha solo una vaga idea di come sia fatto il parco, un’idea totale e quasi reale di posti come El Capitan, le Cathedral Rocks, le cascate di Yosemite e il Merced River. Si può acquistare il tour virtuale sull’Oculus Store per Gear Vr, mentre la versione per Rift arriverà presto. Inoltre è disponibile un video girato a 360 gradi su Facebook.

obama-vr

Barack Obama e la bellezza di Yosemite

Camminare fianco a fianco con un presidente americano e la sua famiglia non è mai stato così facile. Si può avere anche l’illusione di andare in canoa con lui e godersi uno stupendo tramonto in time lapse dal Glacier Point. Félix Lajeunesse, Co-founder di Felix & Paul Studios, nel raccontare la sua esperienza con questo viaggio in realtà virtuale, illustra lo scopo fondamentale del progetto: portare il pubblico in un viaggio con il presidente Obama «per fargli provare con mano la vertiginosa e poetica bellezza senzatempo del parco Yosemite».

President Barack Obama is seen in front of a backdrop of Yosemite Falls as he gives some remarks about the importance of the National Park Service during an event near Cook's Meadow in Yosemite National Park, Saturday, June 18, 2016. (Craig Kohlruss/The Fresno Bee via AP)

In un post sul proprio sito, Oculus mette il punto sul vero valore aggiunto che la realtà virtuale porterà nella vita degli abitanti di questo pianeta che avranno accesso a questa tecnologia: «Uno dei grandi poteri della realtà virtuale è quello di trasportare le persone in posti che non potrebbero vedere in tutta la propria vita. Stiamo cercando di dare alle future generazioni una finestra su questo momento, aiutando le persone di tutto il mondo ad apprezzare i nostri parchi nazionali per i prossimi 100 anni».

Ti potrebbe interessare anche

Actiongram, il tool per chi racconta storie in realtà virtuale (con gli Hololens)

Creato da un team di 5 persone in 6 mesi, Actiongram è il tool perfetto per gli storyteller che vogliono raccontare storie con la realtà virtuale, la grafica 3D e i “visual effects” (ma non ne hanno le competenze).

Aperto ad Amsterdam il primo cinema in realtà virtuale

Ad Amsterdam è attivo il primo cinema interamente dedicato alla realtà virtuale. Il biglietto costa 12,50 euro per 35 minuti di intrattenimento. Ci conquisterà o sarà solo la moda del momento?

Birdly, il simulatore di volo che ti trasforma in un’aquila

L’uomo ha da sempre un sogno: volare, sentirsi libero e vivere l’esperienza di librarsi in cielo, da solo, come un’aquila. Con il simulatore Birdly (e la realtà virtuale) si può.

Creare un mondo 3D (e una realtà ibrida) con lo smartphone

A Trento è stato lanciato, dalla Fondazione Bruno Kessler, il progetto europeo (da 3,2 milioni euro) REPLICATE. Obiettivo: simulare effetti reali usando sofisticati modelli virtuali in 3D.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti