smart cities

Hackaton, TED-Ed, Nasa Challenge (e molto altro). A Trento c’è la Smart City Week

Dal 10 al 15 settembre, Trento diventa un centro di networking, di conoscenza delle nuove tecnologie, di divulgazione dell’innovazione. Sei giorni ricchi di iniziative, approfondimenti a tema scientifico, workshop e presentazioni. Tutti a ingresso libero.

smart_imagefullwide

«Il nostro territorio, dal fondovalle ai comuni montani, è coinvolto in un percorso di costruzione di quella che vorrei definire ‘comunità intelligente’ dove la digitalizzazione va di pari passo con l’inclusività e la coesione, perché i territori smart sono anche luoghi nei quali le tecnologie riescono a ridurre i divari sociali e sono al servizio di tutti». Così Ugo Rossi, governatore del Trentino, introduce la Trento Smart City Week 2016, un evento che dal 10 al 15 settembre vedrà il capoluogo di provincia diventare un centro di networking, di conoscenza delle nuove tecnologie, di divulgazione dell’innovazione. Sei giorni ricchi di iniziative, approfondimenti a tema scientifico, workshop e presentazioni tutti a ingresso libero. In particolare, sarà un’occasione per ricordare che la città “smart” è quella a misura di persona.

La città smart è prima di tutto quella che migliora la vita dei suoi cittadini

Trento è stata scelta tra le prime cinque città di riferimento sul tema “Smart City and Smart Communities” dallo IEEE, l’Institute of Electrical and Electronic Engineers, un’associazione internazionale di scienziati che ha l’obiettivo di promuovere le scienze tecnologiche. Il ruolo di città IEEE prevede che nelle città “vincitrici” venga organizzato un evento scientifico su uno dei temi più importanti della Smart City: nel caso di Trento si tratterà della qualità della vita.

Cos’è una smart city

«Una città smart non è una città completamente digitale o futuristica, specie se quella città ha una sua storia e un suo tessuto che nasce da altre esperienze» recita il sito dell’iniziativa. «Per essere una smart city non basta inoltre avere qualche app, dei lampioni intelligenti o qualche colonnina per la ricarica di macchine elettriche, perché questi utili strumenti devono venire inseriti in modo organico in base ad un piano che nasce da una visione di insieme».

L’evento sarà diviso in tre parti: divulgativa, progettuale e accademica. L’aspetto divulgativo riguarda in prima persona i cittadini, perché in varie conferenze si discuterà di nuove soluzioni per e-government e partecipazione, mobilità e trasporti, salute e benessere, turismo, energia, open data e big data. Molti di questi temi, a partire dalla mobilità sostenibile e la sicurezza informatica, sono più attuali che mai: le tecnologie non devono arrivare sul territorio solamente come novità, ma devono garantire uno sviluppo responsabile.

Non mancheranno gli incontri sull’Internet of Things (Internet delle cose), ovvero di come molti oggetti della nostra quotidianità potranno assumere un ruolo attivo grazie alla connessione e diventare applicabili in numerosi campi come processi produttivi, efficienza energetica, protezione dell’ambiente, automazione di case ed edifici.

trento smart city week

I temi delle giornate

Si parlerà in particolare di biomateriali intelligenti e cybersecurity nel workshop “Engineering trends and business opportunities for smart cities”, per fare il punto su come le tecnologie e le buone pratiche che favoriscono potranno contribuire alla coesione sociale e alla sostenibilità ambientale, per sfruttare in modo consapevole le risorse del pianeta. Molti esperti del settore interverranno per parlare anche di privacy, un aspetto più che mai attuale nel caso di infrastrutture sensibili, tra tutte i dati sanitari e gli impianti di generazione energetica.

La Smart City Week sarà anche la cornice di un hackaton (una “maratona” che coinvolge varie professionalità dell’informatica) della durata di 30 ore, l’obiettivo: sviluppare una app che  avvicini i cittadini alle tecnologie. L’appuntamento è il 13 settembre alle 9, ma si continuerà fino alle 18 del giorno successivo a pieno ritmo con il supporto e coinvolgimento di grafici web e sviluppatori. Due i temi: il primo è locale, ovvero una app a supporto della “mobilità intelligente” a Trento, mentre il secondo ha respiro decisamente più ampio. Ideare, con l’aiuto degli esperti coinvolti, “soluzioni per favorire sviluppo economico e sociale in Africa del Sud, dove tre persone su quattro utilizzano un cellulare”.

Al termine dell’hackaton sarà una giuria a valutare i lavori prodotti e ad assegnare i premi in palio: circa 2mila euro in servizi e materiali per il vincitore di ognuna delle sezioni, oltre a un premio di 3mila euro per la migliore tra le vincitrici.

smart city week trento

Ma cos’è concretamente una smart city? Questo. 

Gli (altri) appuntamenti da non perdere

Mercoledì 14 settembre più di 800 studenti saranno ospitati all’Auditorium del Centro Servizi Santa Chiara per una giornata interamente dedicata a loro, tra la presentazione dei progetti NASA Challenge e il TED-Ed.

“Smart City Solutions and Challenges” è l’appuntamento dedicato a imprese innovative e amministrazioni digitali, allo Smart City Pavillion di piazza Duomo: darà spazio ai progetti per costruire le comunità intelligenti del futuro. Due in particolare gli appuntamenti: lunedì 12 settembre una tavola rotonda organizzata dal Consorzio dei Comuni,per parlare di come favorire la crescita economica aprendo il patrimonio informativo pubblico. Martedì 13 settembre vanno in scena le imprese innovative e le loro soluzioni.

Segnaliamo anche tre appuntamenti dedicati specificamente alla comunità scientifica: la IEEE International Smart Cities Conference ISC2 dedicata al tema “Improving the citizens quality of life” dal 12 al 15 settembre, al Polo scientifico e tecnologico Fabio Ferrari e in altre sedi dell’Ateneo trentino; il seminario “Engineering trends and business opportunities for smart cities ” organizzato il 13 e 14 settembre da UniTrento nella sede del Dipartimento di Sociologia.

Crediti foto: Trento Smart City Week

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Alberi fotovoltaici e sensori negli edifici. Così Singapore è al centro di una smart nation

Singapore non è solo una città innovativa. È la capitale di uno stato che investe in ricerca e startup, che è attento all’ambiente e che nella raccolta e nell’utilizzo dei dati vede la chiave di un futuro più efficiente per i cittadini

Nascerà nel 2017 la prima città solare del mondo. Benvenuti a Babcock Ranch

“First solar city in the world”. Nascerà nel 2017 quella che si propone come la città del futuro. Si trova in Florida e ai residenti sarà offerto un equilibrio unico tra infrastrutture tecnologicamente avanzate e un ricco ambiente naturale. Tutto nel nome della civitas e della riscoperta della condivisione. Ecco Babcock Ranch.

Non solo Gaudì. Ecco come Barcellona è diventata la prima smart city al mondo

Una crescita inarrestabile cominciata con l’Olimpiade del 1992 ha portato la città della Catalogna a ridisegnare il suo aspetto con la costruzione di un campus di innovazione e con la connessione dei vari servizi urbani alla rete internet

Se l’aria diventa più pulita, il WiFi è gratis: le casette di TreeWiFi

L’idea delle TreeWiFi arriva da Amsterdam. Quando l’inquinamento cala, le casette si illuminano di verde e premiano i cittadini con il WiFi gratuito intorno all’albero. Se non cala, niente WiFi. Così alcuni ragazzi olandesi cercano di sensibilizzare la popolazione sul tema ambiente, premiandola.

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente