Design

La casa fatta tutta di cartone che dura 100 anni. Wikkelhouse

L’hanno inventata in Olanda ma ne producono solo 12 all’anno. Ogni parete è fatta di 24 strati di legno di grande qualità e tutti i materiali sono ecologici e ricercati. E può essere assemblata secondo i desideri dell’utente: blocco dopo blocco, modulo dopo modulo.

È nata la prima casa fatta interamente di cartone. Come quella che si costruisce da bambini usando i resti di un trasloco o di un acquisto voluminoso. Si chiama Wikkelhouse e l’ha creata un’azienda olandese, Fiction Factory. È pensata per durare fino a 100 anni ed è personalizzabile, attraverso una composizione a blocchi, da ogni singolo utente. E pur essendo fatta di legno, la casa permette di cucinare, farsi la doccia e vivere normalmente. Senza rischi.

[vimeo id=”156852806″]

Com’è fatta la Wikkelhouse

Non pensate neanche per un secondo che questa casa sia un giocattolo. Non è fragile o delicata. Chi l’ha ideata ha deciso che il suo destino sarebbe stato quello di durare nel tempo e di avere un’anima sostenibile al cento per cento. Non ha bisogno, ad esempio, di fondamenta e può essere collocata in tanti terreni diversi: dal prato alla spiaggia.

Se avete bisogno di una piccola casetta vi basteranno pochi giorni per vederla montata

footer-wikkelhouse-1

Blocchi fatti da 24 strati di cartone

È una casa fatta di strati. Sono addirittura 24 quelli che compongono ogni sua parete. Tutti di grande qualità. Un rivestimento che viene fissato con una supercolla ecologica e un telaio che le conferisce la forma finale. Tutti materiali resistenti alla pioggia.Ogni stanza è un modulo indipendente per garantire la possibilità di sfruttare al meglio lo spazio che ciascuno ha a disposizione: dalla piccola casa delle vacanze al complesso abitativo per famiglie numerose o allargate.

Bastano 10 blocchi, ognuno di poco superiore al metro, per avere una casa fatta di locali di medie dimensioni.

wikkelhouse-cardboard-fiction-factory-17-jpg-650x0_q70_crop-smart

L’Italia dovrà attendere

Sono tanti i paesi in cui la Wikkelhouse è già disponibile. L’azienda olandese, infatti, fa già consegne in Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna, Lussemburgo e Danimarca. Per gli altri, in particolare per quelli mediterranei, bisognerà attendere il 2017. La versione base, composta da tre moduli, costa intorno ai 25mila euro ma ad ogni aggiunta il prezzo finale cresce.

Ma è la qualità l’unica cosa che conta per davvero. La dimostrazione sta nel fatto che, per adesso, ogni anno, ne vengono costruite solo dodici. Con una lista d’attesa che, grazie anche al passaparola, si allunga sempre più. I suoi ideatori hanno fatto sapere che presto la produzione aumenterà, unica soluzione per far fronte a queste richieste. Sempre con grande attenzione al prodotto finale, però,  perché come scritto sul sito, “La pazienza è una virtù!”.

Ti potrebbe interessare anche

Biosphera 2.0: a Torino è nata la casa (itinerante) del futuro

Inaugurata sotto il Monte Bianco, questa casa è il frutto di un lavoro di oltre 100 studenti di architettura e ingegneria provenienti da tutta Italia. La struttura ha le dimensioni di un container ed è autonoma dal punto di vista energetico.

Casa Jasmina conquista tutti: vinto l’Internet of Things Award (l’Oscar dei progetti IoT)

Tra i progetti open premiati all’Internet Of Things Award 2016, un po’ gli oscar del settore IoT, c’è anche la casa connessa che Massimo Banzi, Jasmina Tesanovic e Bruce Sterling hanno creato a Torino.

Clear Wood, il legno trasparente che rivoluzionerà l’architettura e l’ingegneria

Creato alla University of Maryland, si appresta ad essere il protagonista di una rivoluzione architettonica, urbanistica ed energetica senza precedenti

Creare un mondo 3D (e una realtà ibrida) con lo smartphone

A Trento è stato lanciato, dalla Fondazione Bruno Kessler, il progetto europeo (da 3,2 milioni euro) REPLICATE. Obiettivo: simulare effetti reali usando sofisticati modelli virtuali in 3D.

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»