Nuovi Materiali

Questa batteria si autodistruggerà in 30 minuti. Transient Technologies

I ricercatori della Iowa State University hanno realizzato una batteria da 2,5 Volt a base di alcool polivinilico che si dissolve in acqua in 30 minuti. In futuro potrà essere utilizzata per dispositivi medici da impiantare nel corpo umano, per sensori ambientali temporanei e per dispositivi militari che non devono cadere nelle mani del nemico.

Oggetti hi-tech progettati per funzionare per un lasso di tempo limitato e poi autodistruggersi. Sembra un film di fantascienza. Si tratta invece della cosiddetta transient technology, uno dei filoni più interessanti dell’elettronica del futuro. Sono anni ormai che si cerca di sviluppare dei dispositivi elettronici in grado di dissolversi a fine vita – attraverso l’utilizzo di liquidi, luce o calore – prima che possano trasformarsi in rifiuti inquinanti. Uno dei grossi limiti finora era rappresentato però dall’alimentazione.

(Foto: Iowa State University)

Ok autodistruggersi, ma che fine fa questa batteria?

La soluzione sembra arrivare dagli Stati Uniti, dove alcuni ricercatori hanno appena presentato una speciale batteria in grado di dissolversi in acqua nel giro di trenta minuti.  Rispetto a quanto visto finora, la batteria agli ioni di litio realizzata dai ricercatori della Iowa State University è più potente – 2,5 Volt di tensione, il doppio rispetto alle più potenti batterie transienti sviluppate fino ad oggi – ma soprattutto, ha nella rapidità di autodistruzione il suo vero punto di forza. In grado di alimentare un computer per quindici minuti, si distrugge ben mille volte più velocemente rispetto ai prototipi del passato.

batteria

Il segreto sta nel materiale con cui è realizzata: avvolta in due strati di un polimero a base di alcool polivinilico, è composta da ulteriori otto strati che includono anodo, catodo e elettrolita (il tutto in un millimetro di spessore!). Quando il dispositivo viene immerso nell’acqua, il polimero si spezza e le nanoparticelle di cui è composta la batteria si disperdono nel liquido.

Questo cellulare si autodistruggerà (senza inquinare)

Insomma, come sottolineano i suoi creatori nella loro pubblicazione scientifica, questa batteria è la prima a possedere “la potenza, la stabilità e la shelf life necessarie per un utilizzo pratico”. Ecco perché, a fronte dei dati ONU che ci dicono che nel 2018 produrremo ben cinquanta milioni di tonnellate di rifiuti elettronici, la speranza è quella di poter presto contare su cellulari, tablet ed elettrodomestici capaci di terminare il loro “ciclo vitale” e distruggersi, senza inquinare l’ambiente.

(Foto: Iowa State University)

Questa tipologia di prodotti potrebbe segnare un grande cambiamento. In campo hardware infatti, le applicazioni di questa tecnologia sono infinite. Si va dalle più scontate, come l’utilizzo in campo militare, a sensori ambientali temporanei o anche, dispositivi medici da impiantare nel corpo umano in grado di “autoeliminarsi” senza provocare danni all’organismo.

Prossimi obiettivi

Secondo Reza Montazami, ingegnere a capo del progetto, ci vorrà ancora del tempo prima di ottenere un prodotto commerciabile in grado di alimentare dispositivi elettronici sofisticati. Per ottenere capacità e autonomia più elevate, sarà necessario utilizzare più strati di materiale polimerico. In questo modo, crescerà anche il tempo richiesto per l’autodistruzione. Il prossimo obiettivo sarà dunque, secondo Montazami, riuscire ad aumentare autonomia e capacità della batteria, rendendola al contempo meno complessa, migliorando le meccaniche di dissoluzione.

@antcar83

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Clear Wood, il legno trasparente che rivoluzionerà l’architettura e l’ingegneria

Creato alla University of Maryland, si appresta ad essere il protagonista di una rivoluzione architettonica, urbanistica ed energetica senza precedenti

Dall’Airloy allo Stanene: 6 nuovi materiali che cambieranno il futuro

Dallo stanene ai nanotubi in carbonio: ecco 6 materiali che cambieranno il mondo che ci circonda. Grazie alle loro qualità, come la superconduttività, la leggerezza e la resistenza, saremo in grado di costruire tecnologie sempre più innovative.

Cos’è il grafene e perché è il materiale del futuro

Il grafene è considerato il materiale del futuro e l’Italia è leader europeo nella ricerca delle sue molte applicazioni che spaziano dal settore automobilistico all’aerospaziale, dall’efficienza energetica alla medicina.

Il piccolo “origami robot” che salverà la vita ai bambini che ingeriscono le batterie

Al MIT lavorano ad un robot in grado di catturare ed espellere elementi estranei dal corpo umano, come micro oggetti ingeriti dai piccoli

Sempre più contactless e i pagamenti innovativi superano i 30 miliardi di euro

Il boom dei pagamenti contactless ne 2016 (+700% sul 2015) ha segnato una crescita positiva di tutti i “New Digital Payment”: il report dell’Osservatorio Mobile Payment&Commerce della School of Management del Politecnico di Milano

Un milione di dollari per migliorare la vita dei rifugiati: 5 progetti studenteschi in finale

Portare internet nei campi, sfruttare il biogas, fornire un sistema di trasporto ecologico, aiutare nell’apprendimento delle lingue e fornire una piattaforma per l’aiuto reciproco: sono le idee dei cinque team finalisti che si confrontano per un assegno da un milione di dollari

I 10 paladini del cibo sostenibile che si battono per un mondo migliore

Il sostegno agli agricoltori e alle comunità locali, le abitudini alimentari corrette, una produzione biologica e non intensiva: sono questi alcuni degli obiettivi delle personalità di questa lista che, con la loro attività quotidiana, vogliono preservare anche l’ambiente