Automotive

Apple abbandona (per ora) il progetto dell’automobile senza pilota

Lo dice Bloomberg ma è una notizia che circola da tempo. L’azienda di Cupertino dice addio alla Apple Car, l’automobile senza pilota che tanto era stata annunciata negli ultimi due anni. Il motivo? Dissidi interni e una volontà forte di non rinunciare alla qualità.

Apple è a un passo dal rinunciare alla sua Apple Car, il veicolo futuristico, elettrico e senza pilota, che avrebbe dovuto cambiare la mobilità del mondo. L’azienda di Cupertino non sfiderà Google e Uber in uno dei campi di battaglia più interessanti dei prossimi decenni. Le nuove indiscrezioni, sempre più concrete, arrivano da Bloomberg, ma hanno avuto una risonanza molto ampia.

[youtube id=”FNIdcXkQZXg”]

Non è un ritiro, ma solo un passo indietro

Apple non abbandonerà totalmente il mondo dell’automotive. Passerà dall’elaborazione di un prodotto concreto, la Apple Car, allo sviluppo di software sempre più complessi per le automobili a guida autonoma. Una rimodulazione del Project Titan, tanto pubblicizzato nel 2015 e mai definitivamente convincente. Al team di sviluppo, come riporta ancora Bloomberg, è stato concesso un anno di tempo per convincere la dirigenzasulla fattibilità e convenienza del prodotto. Ma i risultati non sono stati quelli attesi da Apple e gli scontri si sono moltiplicati: dal design alla strategia, dai fornitori alla leadership.

coche-apple-produccion-2020-3

Filosofia Apple: mai rinunciare alla qualità

L’Apple Car avrebbe dovuto riconoscere il suo conducente dalle impronte digitali e muoversi per le strade, senza volante e pedali, navigando con la semplice pressione di un pulsante. Un progetto difficile da realizzare senza un abbattimento di costi e alcune rinunce. Ed è questo forse il vero problema: Apple non avrebbe voluto acconsentire ad abbassare la qualità del mezzo, un marchio di fabbrica dell’azienda capitanata di Tim Cook. Un compromesso che avrebbe potuto portare ripercussioni su altri prodotti. Un rischio forse troppo grande da correre. Almeno nei prossimi anni.

phps1qaxh

Il futuro dei dipendenti

Al progetto hanno lavorato centinaia di professionisti. Molti di loro si sono già dimessi ad agosto, altri pare che vengano spinti ad andarsene. Si parla di centinaia di addetti impegnati nel progettare scocche, sospensioni e telai che hanno lavorato per l’azienda negli ultimi due anni. Tanto è durato l’impegno, in ricerche e investimenti, per progettare l’auto senza guidatore. Che, almeno per ora, non si farà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

Apple, Facebook, Google: così la Silicon Valley diventerà una nuova Versailles

Un articolo dell’Economist racconta i progetti architettonici che stanno cambiando la Silicon Valley. Rinnovabili, open space e moltissimo verde. Così presto si parlerà di nuova Versailles portando molti più turisti. Ma c’è un rischio? Forse sì.

Liam, il robot della Apple che smonta e ricicla gli smartphone

Liam è il robot della Apple che avrà un compito importantissimo: smontare i vecchi iPhone e riciclarne i pezzi. Rappresenta, una volta di più, l’impegno che l’azienda ha deciso di prendere nei confronti dell’ambiente.

7 cose che (forse) non sai sul nuovo iPhone 7

Inizia ufficialmente la vendita dei nuovi modelli di smartphone della Apple: iPhone 7 e iPhone 7 plus. Oltre alle caratteristiche abbiamo raccolto le principali curiosità che ne hanno accompagnato l’uscita.

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo