Makers

Il calzino (pieno di sensori) che si indossa sopra la protesi. E fa conoscere il mondo

L’hanno creato in Austria ed è solo il primo indumento di un progetto più ampio. Parliamo di un calzino, ricco di sensori, che si indossa sopra la protesi e permette all’utente di apprendere informazioni e dati sul mondo che lo circonda.

Il futuro delle protesì è già realtà. Soprattutto grazie alle opportunità che le tecnologie, come la stampa 3D, stanno offrendo. Materiali di ultima generazione e sensori possono ormai essere collocati ovunque fornendo dati e informazioni di grande utilità. L’ultima grande barriera da superare riguarda la loro democratizzazione. Far sì che tutti, nel mondo, possano usufruirne. Per questo alcuni ricercatori austriaci hanno deciso di confezionare una serie di capi d’abbigliamento particolari per risolvere questo gap.

[youtube id=”ecy4sYZEbsU”]

Vestiti low-cost e pieni di sensori

L’idea di proCover, nata all’interno dell’Università di scienze applicate di Linz, è quella di aiutare le persone meno fortunate attraverso degli indumenti speciali, ricchi di sensori biometrici, che possano essere sistemati, anche in maniera retroattiva, sulle protesi. Pensate ad esempio ai calzini. Molti utenti li indossano, proprio sopra le protesi, in maniera naturale. E allora perché non renderli smart? Così è stato costruito un prodotto, estremamente flessibile e low-cost, fatto di un tessuto particolarmente piezoresistente, per rilevare informazioni attraverso la pressione e la posizione del piede. Senza che sia invasivo o difficile da utilizzare. 

procover

I primi test di proCover

Le prime sperimentazioni hanno dato degli ottimi risultati. Seguendo la giornata di alcuni volontari, che hanno indossato i calzini, i ricercatori hanno dimostrato che il dispositivo ha fornito una serie di informazioni utili per l’utente. Feedback che potrebbero diventare ancora più importanti seguendo un processo di personalizzazione ancora più specifico. Dall’intensità della pressione alle vibrazioni, tutto è assolutamente regolabile secondo i desideri, e il grado di fastidio, di chi li indossa. Il passo successivo? Da una parte migliorare la tecnologia per aiutare le persone in azioni quotidiane come la guida; dall’altra passare alla costituzioni di altri indumenti, come un paio di guanti, che forniscano altri dati e che permettano alle persone che hanno perso le mani di comprendere meglio com’è fatto il mondo. 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Body scanning, software, stampa 3D: è traspirante e lavabile il gesso del futuro

Secondo i creativi italiani della startup biomedica Holey entro i prossimi 10 anni negli ospedali ci saranno sezioni dedicate alla progettazione informatica dei tutori per ogni tipo di frattura.

Denise Schindler, la ciclista che andrà alle Paraolimpiadi con la prima protesi sportiva stampata in 3D

Quest’anno Denise Schindler parteciperà ai Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro 2016 con una protesi nuova di zecca. Sarà la prima atleta a usare una protesi sportiva totalmente stampata in 3D e realizzata in policarbonato.

E se la Stampa 3D fosse già superata? Ecco il futuro 4D printable

In un presente in cui il progresso corre veloce è possibile già affermare che la stampa 3D inizi a essere “obsoleta”. Il motivo? C’è un mondo in divenire, quello del 4D printable, che si fa sempre più spazio. Ecco come.

I progetti di Google per aiutare chi combatte la disabilità nel mondo

Google Impact Challenge Disabilities è uno degli ultimi progetti di Google per supportare le iniziative non profit che nel mondo si impegnano per aiutare il prossimo. E non è lo sviluppo di nuove tecnologie il problema ma l’accessibilità: portarle a tutti e ovunque.

La startup di Firenze che aiuta chi affitta camere, appartamenti e B&B. Keesy

Patrizio Donnini ha sviluppato un servizio di check-in e check-out automatizzato per chi fa home sharing. I Keesy Point, localizzati in punti strategici di arrivo come stazioni e aeroporti, sono aperti 24 ore su 24, per garantire la massima libertà di host e guest. Si parte da Firenze, poi sarà la volta di Roma, Milano e Venezia

L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Il progetto di tre lucani per valorizzare i prodotti enogastronomici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale. Si possono acquistare ingredienti singoli e anche menu. E ci sono anche i video tutorial per le ricette