Social Innovation

La culla che calma i neonati in un minuto (e fa riposare i genitori). Snoo

Al suo sviluppo hanno contribuito un designer di fama internazionale, Yves Béhar, e alcuni ingegneri del MIT Media Lab. Assicura ai genitori un maggiore riposo con la promessa di calmare il neonato in un minuto. Tutto cercando di emulare il grembo materno.

Ci sono tecnologie che nascono con l’obiettivo di trasformare un oggetto comune in qualcosa in grado di semplificare la vita di milioni persone. Oggi vi raccontiamo un prodotto che potrebbe fare la fortuna di molti neo-genitori. Si chiama Snoo ed è una culla intelligente progettata da un designer svizzero, Yves Béhar, e alcuni ingegneri del MIT Media Lab, guidati da Dab Roy. Le promesse che vuole mantenere sono davvero importanti: meno notti insonni, meno occhiaie, più riposo per tutti. Soprattutto per il piccolo.

[youtube id=”PxTSH93ttO8″]

Come funziona Snoo

Questa culla è in grado di calmare, e far riaddormentare, i neonati nel giro di un minuto. La sua tecnologia consiste in alcuni sensori che, installati all’interno, riescono a percepire i movimenti percependo il grado di agitazione del giovane ospite. A quel punto il sistema si adopera per riprodurre le stesse sensazioni e sicurezze che il bimbo provava all’interno del grembo materno. Infonde cioè quel senso di tranquillità provata durante i 9 mesi di gestazione: dal dondolio leggero, disponibile in 4 livelli e attivato da un sistema a piastre, alla melodia profusa da alcune piccole casse.

snoo

Un tuta-coperta (per la sua sicurezza)

Il neonato, inoltre, potrà essere avvolto in una particolare coperta, comoda come una tuta, che impedisce ribaltamenti, movimenti bruschi, eventuali ferite: «È una fascia particolare, ispirata all’ambiente uterino tanto familiare a chi la indosserà». Scrivono sul sito i suoi inventori. Ogni movimento della culla potrà essere seguito e corretto tramite l’applicazione dedicata che registra tutti i movimenti e pianifica programmi definiti.

Snoo  costa poco più di 1000 euro ed è stato presentato il 22 ottobre alla conferenza dell’American Academy of Pediatrics di San Francisco. Insomma, si tratta di un dispositivo davvero intelligente che vuole combattere un dato su tutti: “Il 29% dei genitori non ricorda l’ultima volta in cui ha dormito per 8 ore”. Ora potrà sicuramente provare a farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Kinsa, il termometro smart che dice alle mamme cosa fare in caso di febbre

Grazie a un collegamento bluetooth con il tuo smartphone l’app esamina la temperatura, l’età del paziente e suggerisce un possibile protocollo da seguire fra 14 inseriti di default. Mapperà la diffusione dell’influenza negli asili e nelle scuole.

Medasense, la startup che misura il dolore dei pazienti (con un dito)

Medasense, società biomedicale guidata da una donna, ha realizzato uno strumento per monitorare il dolore di una persona in coma o sotto anestesia. Per utilizzarlo basta un dito.

NIFTY, la coppetta che salva i bambini dalla malnutrizione

NIFTY è una piccola coppetta che consente alla mamma di liberare il latte in un recipiente che poi si adatta alla bocca del bambino. Basta un dollaro per costruirla e salvare la vita a tutti quei bambini a rischio malnutrizione.

Momo, il robodomestico low-cost (tutto italiano) dotato di “buon senso”

Aiutare l’evoluzione umana con i “robodomestici”. Ecco la mission di Momo e di Morpheos, la startup siciliana lanciata da Digital Magics. Qui l’intervista a Edoardo Scarso, uno dei fondatori.

Missione VITA, Paolo Nespoli torna nello spazio

L’astronauta italiano sarà per la terza volta in orbita attorno alla Terra, per la seconda volta ospite della Stazione Spaziale Internazionale. Il suo compito a bordo della ISS sarà svolgere esperimenti di fisiologia e biochimica per studiare il comportamento della vita nello spazio

Google, Facebook e marketing digitale: così il turismo in Portogallo fa numeri e dà lavoro

Visibilità nelle ricerche online e offerte personalizzate. Ecco come il Paese lusitano ha fatto delle proprie bellezze un business, con un fatturato 2016 di 11 miliardi (e 40 mila posti di lavoro in oltre 4 mila aziende)

Questa startup di Wylab trova borse di studio per atleti | Usa College Sport

Selezionare borse di studio per atleti nelle università statunitensi, questa la mission del progetto di Deljan Bregasi: «Abbiamo relazioni con 2000 diverse università e possiamo comunicare con migliaia di allenatori di 14 sport diversi»

Come rapire Martina, 5 anni, usando i dati su Facebook. Il video da 200mila visualizzazioni in 24 ore

Matteo Flora ha dimostrato com’è possibile che un profilo Facebook creato dai genitori a una bambina possa rivelare dati preziosi utilizzabili come un’arma da un rapitore. Il video è diventato virale in poche ore