Green Tech

Niente veleno, i topi si possono allontanare con i laser. Ricerca UK prende 1,7M da UE

L’Università di Liverpool sta mettendo a punto una tecnologia laser per aiutare gli agricoltori a salvaguardare le proprie colture da uccelli e ratti. Senza utilizzare sostanze chimiche, veleni o altre soluzioni in grado di danneggiare ambienti e catene alimentari. Ed è stata finanziata dall’Unione Europea con 1,7 milioni di euro.

Ci sono cose che con la Brexit non potranno più accadere. Tipo il finanziamento, da parte dell’Unione Europea, di alcune ricerche condotte all’interno delle università britanniche. In questi giorni, ad esempio, la commissione ha approvato uno stanziamento di oltre 1 milione e 700mila euro per una serie di ricerche che riguardano lo sviluppo di recinzioni laser in grado di allontanare topi e uccelli da alcune tipologie di colture. Salvando sia la biodiversità animale che i profitti umani.

[youtube id=”L5fkixXNDVQ”]

Agrilaser Autonomic

Questo il nome della tecnologia che il dottor Alex Mason, e il suo team della Liverpool John Moores University, sta sviluppando per evitare che la produttività risenta degli attacchi di certi animali in cerca di cibo. L’obiettivo è anche quello di evitare che gli stessi agricoltori, esasperati da una situazione che si ripete ciclicamente, usino veleno o altri prodotti chimici per farsi giustizia in modo drastico e personale.

Agrilaser è una soluzione amica dell’ambiente, non inquinante e totalmente silenziosa. Molti uccelli e roditori, infatti, sono in grado di intuire la presenza di alcune tipologie di trappole e sono sempre più capaci di evitarle. Agrilaser, invece, agisce in maniera totalmente opposta: attraverso una configurazione pre-impostata, intuisce la presenza di un elemento intruso puntando contro il laser e facendo scattare, istintivamente, il suo sistema difensivo. Anche a grande distanza. L’animale impara, con l’esperienza, a fuggire di fronte a un attacco diretto che, pur non toccandolo o ferendolo, non può che determinare la sua fuga. L’effetto è quello di salvaguardare i raccolti senza creare danni alla catena alimentare.

life_laser_fence

Come verranno utilizzati i finanziamenti

I soldi provenienti dall’Europa serviranno a compiere una nuova serie di esperimenti su tecniche ancora più innovative “che possano ampliare la scala applicativa dei laser e migliorare il loro potenziale”. Oltre che a perfezionare l’identificazione di altri tipi di animali come serpenti o roditori di piccola e media stazza. Attualmente la tecnologia funziona entro un’area di circa 2 chilometri e mezzo e può essere usata anche all’interno di perimetri cittadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Dall’Airloy allo Stanene: 6 nuovi materiali che cambieranno il futuro

Dallo stanene ai nanotubi in carbonio: ecco 6 materiali che cambieranno il mondo che ci circonda. Grazie alle loro qualità, come la superconduttività, la leggerezza e la resistenza, saremo in grado di costruire tecnologie sempre più innovative.

Holoflex, il primo smartphone olografico flessibile al mondo

Lo smartphone consente agli utenti di interagire con video in 3D e con le immagini senza alcun visore per la realtà aumentata.

Lidar, la tecnologia laser che aiuta gli archeologi a scoprire città perdute

La tecnologia laser Lidar era nata per esplorare meglio lo spazio: ora viene usata dagli archeologi per risolvere antichi enigmi su civiltà scomparse.

Patience Mthunzi, la scienziata sudafricana che vuole combattere l’HIV con i laser

È stata inserita da Forbes tra le 20 donne africane più influenti al mondo. Ora Patience Mthunzi, giovane scienziata sudafricana, è vicina al suo obiettivo: «Contrastare il virus dell’HIV con i laser»

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.