Automotive

La prima consegna fatta con un camion che si guida da solo: 50 mila Budweiser, da Uber

Il tir della startup Otto, acquisita da Uber, ha effettuato la prima consegna pagata nella storia dei veicoli self-driving

Otto, il camion che si guida da solo, ha fatto la prima consegna nella storia dei self-driving truck: 50 mila lattine di birra Budweiser, che sono state trasportate da Fort Collins a Colorado Spring. Il tir, realizzato da una startup che è stata acquisita da Uber la scorsa estate per circa 680 milioni di dollari, ha percorso un tragitto di circa 200 chilometri, su un’autostrada dove c’erano altri veicoli guidati dagli uomini.

ottotruck_ta-1024x768

In realtà il camion non era proprio vuoto: a bordo c’era l’autista Walt Martin, che ha guidato manualmente Otto in partenza e arrivo, ovvero quando il camion si trovava in zone cittadine. Una volta imboccata l’Interstate 25 dove non c’erano problemi di semafori o attraversamenti pedonali, l’autista ha lasciato il posto del guidatore per rilassarsi sul retro.

[youtube id=”bK76W1kH4jA” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=bK76W1kH4jA”]

La tecnologia di Otto, infatti, è pensata apposta per le highway, cioè per le autostrade, dove non ci sono variabili come stop, bambini che corrono, ciclisti. Nel self-driving truck targato Uber viaggiano sistemi hardware e software per un valore di circa 30 mila dollari, che gli consentono di mantenere una distanza di sicurezza con le altre macchine, e perfino di cambiare corsia quando è assolutamente necessario. I camion che si guidano da soli potrebbero essere una leva per l’industria: su ruote viaggia la maggioranza delle merci degli Stati Uniti, e automatizzare questa fetta di trasporti renderebbe molto più sicure le strade.

@carlottabalena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.