Device

La startup italiana che previene gli incendi. Come funziona FireDominator

FireDominator è un piccolo device brevettato da tre startupper vicentini impegnati in una missione: ridurre il numero di incendi casalinghi che si generano dagli elettrodomestici e mettere al sicuro la vita di moltissime famiglie.

Undicimila. Questa storia inizia con un numero preciso, e anche un po’ inquietante. Tanti sono infatti i roghi che si sviluppano in Italia, ogni singolo anno, mettendo in pericolo moltissime vite umane. Everet Duklair, startup incubata in AREA Science Park, ha deciso di lanciare un nuovo prodotto per trovare una soluzione efficace a questo problema: FireDominator, il sistema antincendio per elettrodomestici e quadri elettrici.

unspecified-1

Mettere in sicurezza gli elettrodomestici

Gli incendi causati dagli elettrodomestici di solito non fanno notizia, ma sono migliaia ogni anno. Nel 2014, in Italia, la prima causa di questi incidenti è stata determinata da “cause elettriche in genere”, ovvero impianti elettrici difettosi, cortocircuiti, blackout. Parliamo del 27% dei casi.

Cose che sembrano piccole ma che possono colpire ciascuno di noi.

L’Annuario statistico del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, il più recente dato ufficiale disponibile, ha fermato l’asticella poco al di sopra degli 11mila casi. Negli Stati Uniti, nel 2011, sono stati stimati registrati 16.400 incendi per cause elettriche – calcolando solamente aziende, edifici commerciali ed edifici pubblici – che hanno provocato danni per oltre 500 milioni di dollari. Fra il 2007 e il 2011 il 6% degli incendi per cause elettriche ha coinvolto lavatrici e asciugatrici, un altro 6% ventilatori, il 4% condizionatori e la medesima percentuale stufe elettriche, mentre il 48% si è verificato in impianti elettrici o di illuminazione.

Un mercato in ripresa

Ancora numeri. Stavolta per spiegare quanto il mercato degli elettrodomestici, particolarmente in Europa, abbia un ruolo importante nella crescita dei vari Paesi. Complessivamente, nell’Unione Europea, contribuisce al Pil per circa 54 miliardi di euro, conta 210mila occupati diretti e investe ogni anno in ricerca e sviluppo 1,5 miliardi di euro (dati Ceced Europa). Ma anche in Italia il trend è tornato positivo:  il comparto elettrodomestici è tornato a crescere nel 2015 segnando, dopo anni di crisi, un +5% nelle vendite rispetto al 2014 (dati Ceced Italia).

firedominator

L’aneddoto (e il team)

La storia di FireDominator inizia in un giorno di primavera del 2013, a Vicenza. Coinvolge la mamma di Stefano e Daniele Bonotto e un corto circuito all’interno di una lavastoviglie. I due, artendo da quell’incidente e aiutati da Guido Dall’Agnol, decidono di trovare una soluzione efficace per evitare che fenomeni simili potessero ripetersi. Una soluzione chiamata FireDominator. Si tratta di un dispositivo antincendio, di piccole dimensioni, che si “nasconde” all’interno dei circuiti elettrici dell’elettrodomestico, proteggendoli dal fuoco: «Crediamo che la tecnologia debba essere orientata al benessere ed alla sicurezza dell’uomo a costi accessibili a tutti – spiegano.

FireDominator è solo il primo prodotto di una serie di dispositivi che verranno realizzati nel campo della prevenzione degli incendi». Questi dispositivi, infatti, costano molto meno di altri sistemi attualmente in commercio e sono in grado di circoscrivere i danni di un incendio al solo componente che lo innesca.

Come Funziona FireDominator

Il dispositivo si applica su componenti elettrici per quadri industriali e civili ed elettrodomestici. Grazie alle sue caratteristiche chimico-fisiche, il dispositivo interviene direttamente all’origine del focolaio, ed è attualmente disponibile in due diverse tipologie, Compact e Case. «Ma ne abbiamo altre che sono attualmente in fase di studio».

FireDominator Compact avvolge in modo aderente il connettore volante, le zone di passaggio dei cavi che non sono stagne e permette un minimo di circolo d’aria per lo smaltimento di eventuali riscaldamenti. All’insorgere del corto circuito, la scintilla non fa in tempo a propagarsi perché il materiale brevettato che lo avvolge si attiva immediatamente percependo un’eccessiva presenza di calore. Il possibile incendio verrà spento nel giro di 15 minuti e il contenitore protetto da danni maggiori.

FireDominator Case si applica nei componenti dove sia necessaria una ventilazione. È un dispositivo dotato di piccole aperture che si chiudono automaticamente all’aumento della temperatura, causata dal principio di incendio, bloccando il circolo d’aria. In questo modo, con l’azione combinata del materiale sviluppato da Everet Duklair e la mancanza d’ossigeno, verranno salvati sia l’elettrodomestico, o il quadro elettrico, che l’ambiente in cui è collocato. Esteriormente ha l’aspetto di un contenitore elettrico standard, ma all’interno contiene i due sistemi brevettati: il primo è il già sopracitato materiale, mentre il secondo è un’apertura che, pur garantendo il circolo d’aria in condizioni di normalità, si chiude autonomamente in caso di una rilevazione di calore eccessiva.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti