Device

Un origami per lo screening dell’occhio. Low cost e open source

LVPEI-MITRA è un programma di collaborazione internazionale con una missione importante: creare e distribuire la prossima generazione di screening, strumenti diagnostici e terapeutici per la cura degli occhi. Come Folding Phoropter, un dispositivo per controllare la vista a milioni di persone che vivono in luoghi dove l’accesso alle cure mediche è ancora difficile.

Nel mondo si stima che 2,3 miliardi di persone abbiano problemi di vista. Miopia, ipermetropia, astigmatismo. Tutti difetti, dovuti alla rifrazione, che non permettono di osservare nitidamente il mondo circostante. La maggior parte di loro, per di più, vive in regioni a basso reddito e non possono avere  accesso regolare alle cure mediche. Folding Phoropter è un dispositivo, sviluppato dal, Lvpei-Mitra, che ha deciso di democratizzare l’accesso agli strumenti per lo screening dell’occhio. Con un origami, alcune lenti e un pizzico di genialità.

[youtube id=”-4aTsQA82XY”]

Tutti i vantaggi

Folding Phoropter, ribattezzato Julia, costa pochissimo ed è fatto di materiali semplici. Può essere assemblato in un minuto ed è open source. ovvero non c’è un brevetto che detiene i diritti di produzione e distribuzione. Il progetto è a disposizione di chiunque ne abbia bisogno. Per usarlo basta seguire le istruzioni del video-tutorial caricato online. Monouso e leggero, non è neanche difficile da trasportare. Gli ingegneri che lo hanno ideato hanno confessato di aver tratto ispirazione dal CardBoard di Google e alla sua facilità di costruzione.

julia-05

 

LVPEI-MITRA è un programma di collaborazione internazionale con una missione importante: creare e distribuire la prossima generazione di screening, strumenti diagnostici e terapeutici per la cura degli occhi. In tutto il mondo. Allo sviluppo di questi device contribuiscono il LV Prasad Eye Institute, l’Hyderabad e diverse aziende e startup, soprattutto indiane, del settore. Oltre a riceve supporto e consulenze dal MIT Media Lab di Boston. 

1462607069828

Premi e (altri) progetti

Il dispositivo si è classificato al secondo posto al Clearly Vision Prize, una competizione globale che premia le tecnologie che supportano le popolazioni delle zone più povere del mondo o in via di sviluppo. Tecnologie impegnate e dedicate a migliorare un mondo, quello dell’ottica, determinato da enormi squilibri geografici e sociali. Un riconoscimento che è valso ben 50mila dollari. Risorse che permetteranno sia di perfezionare il prodotto che sviluppare altre idee portate avanti dall’azienda indiana. Come Pediatic Perimeter, un dispositivo per misurare e quantificare i campi visivi e i tempi di reazione allo stimolo della luce nei bambini (di età compresa tra i 3-6 mesi), una soluzione che potrebbe facilitare la diagnosi precoce delle malattie oculari neonatali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito