Smart Mobility

Questi taxi volanti sono pronti a sbarcare sulla Senna. Sea Bubbles

La prossima primavera sbarcheranno sulla Senna i primi prototipi di “Sea Bubble”, vetture che volano sull’acqua e che potrebbero rivoluzionare il servizio dei trasporti parigina. Saranno meno cari di un taxi e attraverseranno la città in appena un quarto d’ora.

Il traffico, l’autobus che non passa e quel rompiscatole del capo al telefono. Una scena che conosciamo bene. Ma niente paura. Dalla Francia è in arrivo una novità tecnologica che promette di spazzare via in un attimo stress, traffico e inquinamento. Stiamo parlando di Sea Bubble, ossia taxi volanti che sfruttano i corsi d’acqua per muoversi nelle grandi città.

(Foto: Sea Bubbles)

Le prime vetture sembrano pronte a sbarcare sulla Senna già in primavera. Alimentati a energia solare, permetteranno di attraversare tutta Parigi in appena un quarto d’ora.

“Bolle” volanti in giro per la città

A ideare queste ““bolle con le ali”, due imprenditori, Alain Thébault e Eric Tabarly. “Usiamo lo stesso sistema che permette agli aerei di volare – spiega Thébault – l’aria che passa sopra l’ala genera portanza”. In pratica, le ali sotto la barca sollevano il veicolo, riducendo in modo significativo la resistenza e permettono alla vettura di “galleggiare” sull’acqua.

L’idea è quella di utilizzare le Sea Bubbles come servizio-taxi lungo la Senna.

Il prototipo che dovrebbe entrare in azione a breve, potrà ospitare fino a quattro passeggeri. “I corsi d’acqua imprigionati nelle diverse città sono delle evidenti opportunità”, ha spiegato Thébault. “Per questo abbiamo pensato di costruire dei taxi d’acqua”. I ricercatori stanno anche pensando a dei prototipi a guida autonoma. Al momento però le regole di navigazione sulla Senna non consentono l’utilizzo di mezzi senza pilota.

(Foto: Sea Bubbles)

Una soluzione a emissioni zero

“L’ispirazione me l’hanno data le mie figlie”, racconta Thébault. “Mi hanno detto di inventare un taxi a emissioni zero perché erano stufe di vedere l’inquinamento di Parigi, Londra e negli Stati Uniti”. In effetti, i dati ci dicono che la maggior parte delle città del mondo – ben l’80% – presenta livelli di inquinamento dell’aria nettamente superiori ai limiti posti dall’Organizzazione mondiale della Sanità. E se guardiamo la classifica delle città più trafficate, è Londra a conquistare il primato europeo. Non a caso, altre grandi città attraversate da fiumi hanno già manifestato interesse per le Sea Bubbles.

Insomma, l’idea dei taxi volanti piace.

Una soluzione che potrebbe contribuire, in un sol colpo, a ridurre il traffico, migliorare la qualità dell’aria e tagliare i consumi.

I Sea Bubbles costeranno meno di un viaggio in taxi

Inoltre, nelle intenzioni dei suoi ideatori, dovrà essere accessibile a tutti: “Attraversare Parigi sulla Sea Bubble costerà meno di un viaggio in taxi”, assicurano.

taxi sea bubbles

Il progetto ha suscitato l’interesse di aziende come Tesla, Google e Uber. Dopo un primo round di finanziamenti di 500mila euro – sostenuto anche dal fondo di BPI del Governo Francese – se ne prevede un altro entro fine agosto. Nel frattempo, la bolla taxi sarà mostrata in anteprima durante il Las Vegas Consumer Electronics Show. Appuntamento fissato per gennaio 2017.

@antcar83

Ti potrebbe interessare anche

Il primo volo mondiale (con pilota) di Volocopter

È un aeromobile “ibrido” che assomiglia ad un elicottero ed è alimentato da 18 motori. È estremamente silenzioso e si guida con un joystick. E come un drone può essere pilotato da remoto. Sarà il mezzo del futuro?

Iniziati i test (in Nevada) per Ehang 184, il drone-taxi del futuro

«Più economico di un elicottero e più confortevole di un taxi». Questa è la promessa di Ehang 184. Il passeggero dovrà solo scegliere la destinazione e avviare il pulsante di decollo e atterraggio. Al resto penserà tutto il drone (che raggiunge i 100 km/h).

La sfida di San Francisco per una mobilità urbana al 100% smart

La città della California, seconda per densità abitativa alla sola New York, punta su trasporti pubblici elettrici, condivisi e automatizzati per migliorare la vivibilità e sfruttare gli spazi cittadini al meglio

New York, la città che abbatte le disuguaglianze con la tecnologia

È la metropoli in cui tutto è possibile. E oggi, grazie ai tanti progetti di innovazione per l’ambiente, per i trasporti, per le infrastrutture e per la connettività permette ai cittadini di sentirsi in un posto sempre più smart e equo

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti