Smart Mobility

30 milioni di euro per rendere “smart” il Grande Raccordo Anulare

È stato pubblicato il bando di Anas per la rete Wi-Fi, le isole di produzione di energia pulita e il nuovo sistema di comunicazione con gli automobilisti. Così il Grande Raccordo Anulare diventerà una “smart road”

Il Grande Raccordo Anulare di Roma e l’autostrada Roma-Fiumicino diventano smart road. Cosa significa? Bisogna penare un po’ per capirlo. Ma neanche troppo. In linea di massima Anas ha deciso di equipaggiare le strade più importanti di una rete di ultima generazione che possa tornare utile sia per la gestione e il controllo delle operazioni e del traffico sia per gli automobilisti. Che consenta dunque di raccogliere informazioni in tempo reale sulle condizioni ambientali e del traffico, elaborarle e distribuire in tempo reale agli utenti. Ma non solo.

Roma, 13 luglio Disagi e code sul Grande raccordo anulare di Roma. Fin dalla mattinata la circolazione sul Gra è molto rallentata a causa di una clamorosa protesta degli autotrasportatori aderenti al sindacato Trasportounito-Fiap. - Roma, 13 luglio Disagi e code sul Grande raccordo anulare di Roma. Fin dalla mattinata la circolazione sul Gra è molto rallentata a causa di una clamorosa protesta degli autotrasportatori aderenti al sindacato Trasportounito-Fiap. - Fotografo: mario proto

La gara per il Gra

Questo racconta il bando di gara pubblicato ieri da Anas sulla Gazzetta Ufficiale. La gara d’appalto è da 30 milioni di euro. Si aggiunge ai lavori, in via di completamento, legati al rifacimento di parti di pavimentazione e dell’illuminazione dell’anello viario che circonda la Capitale. Bisognerà mettere in piedi un network Wi-Fi on motion che sarà in grado di coprire e agganciare i veicoli anche a velocità sostenute. Il conducente potrà essere così informato sulle condizioni del Raccordo, da sempre incubo specialmente di chi è costretto a percorrerlo negli orari di punta, a quanto pare attraverso un’applicazione installata sullo smartphone o sul sistema di infotainment del proprio mezzo. Incidenti, percorsi alternativi provocati da cantieri o chiusure improvvise per maltempo ed emergenze. Sembra che l’Anas voglia farsi la sua Google Mappe dedicata esclusivamente alla rete stradale che gestisce.

L’Sos cambia volto

Tramite la copertura Wi-Fi e l’applicazione dovrà essere possibile anche la comunicazione diretta fra guidatore e sala operativa. Per evitare di scendere dal veicolo in caso di avaria. In questo caso si manderebbero in pensione le tradizionali colonnine di allarme. In generale, dettagli a parte, l’idea è dunque fare il Gra 2.0, predisponendolo agli standard di comunicazione presenti e futuri. E anche a quelli ambientali, visto che questo sistema dovrà autoalimentarsi grazie a delle “green island”, aree di produzione di energia verde (solare, eolica o di altro tipo) da collocare ogni 20/30 chilometri. E da sfruttare anche per installare le stazioni di ricarica per i veicoli elettrici.

gra

Il programma del Ministero

Un simile bando – il primo di questo genere e per un valore di 20 milioni di euro, meno di quello per il Gra e l’A91 – era stato pubblicato alcuni mesi fa, destinato alla Salerno-Reggio Calabria. “Il nostro obiettivo è di fornire a chi si mette in viaggio numerose informazioni sulle condizioni ambientali e di traffico – aveva spiegato prima dell’estate Gianni Vittorio Armani, presidente di Anas – grazie a tecnologie avanzate che consentiranno una migliore connessione tra chi percorre l’autostrada e gli operatori Anas. I lavori di Smart Road sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria sono i primi interventi di questo tipo sulla rete Anas e abbiamo in programma di estenderli a tutto il territorio nazionale, investendo ulteriormente sulle nuove tecnologie. Entro la fine dell’anno 2016, infatti, verranno bandite gare con procedure di accordi quadro per un valore di 60 milioni di euro al fine di rendere ‘Smart’ ulteriori 1.500 km di strade e autostrade”.

presentazione-smart-road

Insomma, da una parte sensori per il monitoraggio e aggancio del veicolo fra un “access point” all’altro, dall’altra distribuzione di quelle informazioni agli utenti. Questa serie di investimenti rientra a sua volta nel piano nazionale presentato a fine giugno dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Nel corso dei lavori si poserà anche la fibra ottica, una mossa legata al piano per la banda ultralarga del governo. Il bando per il Gra è su stradeanas.it e la scadenza per la domanda di partecipazione è fissata alle 12 del 15 dicembre.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti