Intelligenza Artificiale

Il sito di Google che ti insegna cos’è l’Intelligenza Artificiale (con giochi ed esperimenti)

Google ha creato una piattaforma open source dove pubblicare articoli ed esercizi per comprendere al meglio cosa sia l’ntelligenza Artificiale. Benvenuti A. I. Experiments (e buon divertimento).

L’Intelligenza Artifciale sta cambiando il mondo come lo conosciamo. Giorno dopo giorno. Ogni aspetto della nostra quotidianità ha sempre più a che fare con le macchine e con intelligenze con cui dobbiamo confrontarci. Intelligenze che ci appassionano ma che, allo stesso tempo, ci spaventano. Ed è un processo che ancora non tutti riescono a comprendere fino in fondo. Soprattutto perché riguarda tecnologie che ci sembrano distanti ed estremamente complesse. Così, per soddisfare questo desiderio di conoscenza, Google ha creato un sito dove si può entrare in confidenza con questa nuova forma di sapere.

[youtube id=”oOwfiYnRi5c”]

Benvenuti in Google A. I. Experiments

All’interno del si naviga in maniera molto semplice. Tutto appare come una sorta di vetrina al cui interno si possono scegliere le attività e gli esperimenti più congeniali ad ogni singolo utente. Tutto attraverso immagini, disegni, musica, linguaggi. Basta cliccare sulla finestra che più ispira per ritrovarsi davanti ad una serie di istruzioni volte a spiegare meccanismi, passaggi logici, nessi. Video che assomigliano a tutorial ma che sono la porta d’accesso a qualcosa di assai più complicato.

ai-experiments, google

Una piattaforma open

La conoscenza, d’altro canto, è di tutti. E Google ha deciso di sposare questa visione anche in questo caso. Il codice del sito, infatti, è aperto e disponibile per tutti. Chi ha il desiderio di contribuire a creare altri esercizi o proporre nuove idee può farlo senza limiti e in grande libertà. A. I. Experiments è una vetrina che può ampliarsi, senza limiti di spazio, per un’offerta sempre più completa e variegata. Un buon esempio di apprendimento, divulgazione e condivisione intorno a una materia con cui ciascuno di noi dovrà confrontarsi. Ogni singolo giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Dal MIT l’intelligenza artificiale per progettare i farmaci del futuro

Alàn Aspuru-Guzik, con il suo team di ricercatori del MIT, sta lavorando al software che potrebbe cambiare radicalmente la ricerca farmacologica. Grazie all’introduzione dell’intelligenza artificiale e ai test “in silico”.

DeepText, così Facebook imparerà a capire tutto quello che scriviamo

DeepText analizzerà migliaia di frasi e parole scritte dagli utenti in ben 20 lingue diverse, cercando di coglierne non solo il significato ma anche le connessioni. Più scriveremo su Facebook, più DeepText imparerà dai nostri post (e ci fornirà contenuti personalizzati)

Gli occhiali di Eyefluence ci permetteranno di usare il computer solo con gli occhi

Grazie al sistema di interazione visiva si può navigare sullo schermo e cliccare icone senza usare le mani. Ora la startup californiana punta a integrare la sua tecnologia nella realtà virtuale e aumentata

I robot ci rubano il lavoro? No, sta a noi ripensare l’occupazione

Adidas, Tesla, Apple, Samsung, Microsoft. Sempre più aziende introdurranno robot nelle loro catene di montaggio. È inevitabile ma anche una grande opportunità: quella di ripensare l’occupazione.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup