Gadget

EcoHelmet, il casco di carta riciclata per il bike sharing

La designer Isis Shiffer ha inventato un casco a nido d’ape, fatto di carta riciclata e resistente all’acqua, perfetto per chi usa il bike sharing. Ha vinto il James Dyson Award 2016 e 45mila dollari che serviranno per la produzione e lo sviluppo.

EcoHelmet è il primo casco usa e getta pensato il bike sharing. Realizzato con carta riciclata è capace di resistere a piogge, anche intense, per almeno tre ore. La sua fondatrice, Isis Shiffer, sostiene che garantisce una protezione agli urti simile a quella che si avrebbe indossando un casco classico, fatto di materiali più resistenti come il polistirolo espanso. La sua struttura leggera e pieghevole, a nido d’ape, permette un trasporto molto agevole e privo di impedimenti.

[vimeo id=”175325231″]

La nascita dell’idea

Shiffer, designer industriale con esperienze negli Stati Uniti, Giappone e Gran Bretagna, racconta di aver progettato EcoHelmet quando frequentava, come studentessa, l’Imperial College of London. Più precisamente un laboratorio in particolare, il Crash Lab: «Durante quel semestre ho avuto modo di poter raccogliere e analizzare moltissimi dati grazie al loro setup per il crash test dei caschi. In quel momento ho capito che il progetto avrebbe avuto un futuro».

160906-ecohelmet-mbe-523p_2_7341093c5936de7ed732d019acd95830-nbcnews-fp-1200-800

Premi (e futuro)

Shiffer ha vinto recentemente il James Dyson Award 2016, riconoscimento internazionale che individua le migliori idee innovative nel campo del design ingegneristico. I 45mila dollari del premio serviranno per lo sviluppo ulteriore del prodotto che sarà pronto per il mercato nei primi mesi del 2017 ad un costo di circa 5 dollari.

No Commenti a “EcoHelmet, il casco di carta riciclata per il bike sharing”

  1. Giorgio Robino

    Sì, anche in italia (finalmente) tutti parlano di bots.
    Sì, troppe persone (tra gli sviluppatori e le aziende “clienti”) vedo che partono con il piede sbagliato,
    credendo che i giochi si facciano con 2 settimane di lavoro evvai.
    Pazienza, i nodi verranno al pettine quando dall’hype si passerà ai fatti.
    Ma il terreno di business-gioco è qui 😉
    Buona business-logic a tutti!

    ╔══╗
    ╚╗╔╝
    ╔╝(¯`v´¯)
    ╚══`.¸.www.convcomp2016.it – Italian chatbots-community blog. I tweet a bit about conversational computing @solyarisoftware

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Al posto del casco un airbag gonfiabile (e invisibile)

Proprio come l’airbag delle automobili, Hovding protegge collo e testa all’occorrenza. Inventato da un gruppo di studentesse svedesi (e promosso da Stanford) infatti, è un vero e proprio casco “invisibile”, che si attiva solo in caso di incidente.

Caschi in realtà aumentata. La svolta della marina americana (che copia Iron Man)

La U.S. Navy ha presentato un nuovo prototipo di casco per migliorare le prestazioni dei suoi soldati e la comunicazione con i vertici militari. Si ispira ad Iron Man, sfruttando tutte le possibilità offerte dalla realtà aumentata

Greenpeace: «Torniamo ad essere piccoli esploratori per salvare il mondo» | Video

Greenpeace ha pubblicato un bellissimo video per la campagna #SaveTheArctic. Il segreto? Tornare bambini per guardare il mondo con occhi diversi e ricordare di essere stati, una volta, dei piccoli esploratori.

Il casco smart che porta la realtà aumentata (e maggiore sicurezza) all’interno dei cantieri

Daqri Smart Helmet è un casco che promette di migliorare la vita nei cantieri aumentando sicurezza ed efficienza. Sfrutta la realtà aumentata e la tecnologia 4D ed è stato presentato al CES 2016 di Las Vegas.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup