news

La censura cinese colpisce anche i chatbot. Vietato chiedere di Tienanmen (e Trump)

Xiaoice, chatbot cinese con più di 20 milioni di utenti registrati, si rifiuta di rispondere a domande storiche che riguardano i fatti di Piazza Tienanmen. Ma la censura gli impedisce di parlare anche di Trump, Xi Jinping e del Dalai Lama.

Anche i chatbot, in Cina, devono sottostare alle regole della censura. Soprattutto storica e politica. La notizia è stata pubblicata dal China Digital Times che ha denunciato come Xiaoice, bot sviluppato in collaborazione con Microsoft, si rifiuti di rispondere a fatti storici controversi come quello che riguarda Piazza Tienanmen. Un mutismo che prosegue anche quando le richieste dell’utente si fanno più persistenti.

161124162052-microsoft-chatbot-xiaoice-china-dissident-chat-780x439

Photo: http://money.cnn.com

Da Trump al Dalai Lama: i temi controversi

I temi che non potranno essere trattati da questi linguaggi artificiali sono diversi e riguardano anche la politica più attuale. Xiaoice, infatti, non risponderà neanche a domande che riguarderanno il nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, l’attuale segretario generale del Partito Comunista cinese, Xi Jinping, e il leader spirituale del Tibet, il Dalai Lama. Tutti argomenti scottanti che, a Pechino, non sono particolarmente graditi.

Photo: http://money.cnn.com

Photo: http://money.cnn.com

Tienanmen, che noia!

Nelle risposte del chatbot ci sarebbe anche un filo d’ironia che, viste le circostanze, lascia abbastanza perplessi. Un esempio? Quando si fanno domande sugli eventi di Tienanmen, simbolo della rivolta democratica del 1989 contro la tirannia comunista, si ottiene questa risposta: «Sai bene che non posso rispondere a questo. È noioso». E davanti all’insistenza del giornalista del China Digital Times, arriva anche una velata “minaccia”: «Impossibile comunicare con te. Ti inserisco nella lista nera!». 

Si tratta di un filtro delle informazioni che a noi occidentali appare allarmamente ma che, in Cina, è allineato ad una politica di censura dilagante e che comprende l’oscuramento di social network, come Facebook, e di numerosi siti internet. Xiaoice è stato lanciato nel 2014, ottenendo subito un grande successo e arrivando ad avere oltre 20 milioni di utenti registrati. Molti di più dei chatbot che Microsoft ha cercato di lanciare nei mercati dove impera la lingua inglese. 

Un Commento a “La censura cinese colpisce anche i chatbot. Vietato chiedere di Tienanmen (e Trump)”

  1. Luca Bernava

    Sarebbe auspicabile iniziare un dibattito su tutti gli aspetti di impatto sociale ed etico che i sistemi conversazionali/AI in ambito di e-learning/servizi ai cittadini pongono. In questo senso, trasparenza e scelte largamente condivise e non imposte alle comunità sarebbero assolutamente d’obbligo.

    Purtroppo, c’è un gran silenzio da parte delle Istituzioni che dovrebbero fare da garante per tutti noi e svolgere un’attenta ricerca sui rapporti tra AI e società per aprire e suggerire una buona via alle future generazioni. https://medium.com/convcomp2016

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il futuro è dei robot? Solo se superano il prossimo step: il linguaggio

Piaccia o no, sempre più robot sono destinati in futuro a sostituirci sul posto di lavoro. Ma per comportarsi come gli esseri umani avranno bisogno di padroneggiare un comportamento chiave: il linguaggio. E non è detto che tutto vada proprio così come lo abbiamo immaginato.

Breve storia dei chatbot (dal 1966 a oggi)

Per molti il 2016 è l’anno dei chatbot. Così abbiamo deciso di guardare indietro e di ricostruire alcune tra le tappe più importanti della loro storia. Da Eliza fino a Messenger.

400 mila tweet sulle elezioni Usa provenivano da bot (e influenzavano la conversazione)

Secondo uno studio, una buona parte dei tweet scambiati prima dell’election day (circa il 20%) non sono stati scritti da umani ma da robot

10 scenari (e 59 numeri) che raccontano cosa sta succedendo all’Europa delle startup

Startup, nuove tecnologie, smart cities, fintech, università. Venture Beat ha riassunto 10 motivi che mostrano la crescita dell’Europa in ambito tecnologico. Numeri, classifiche e scenari per raccontare quello che sta succedendo.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.