video

TIM, il robot che lavora all’interno del CERN | Video

Il CERN di Ginevra ha pubblicato un video per far conoscere al grande pubblico TIM, l’unità robotica che si muove per i 27 chilometri del tunnel più famoso del mondo. Un vero gioiello di tecnologia.

Si chiama TIM l’unità robot che, ogni giorno, pattuglia i 27 chilometri del Large Hadron Collider (LHC) che ospita il più grande acceleratore di particelle al mondo, al CERN di Ginevra. Il suo percorso quotidiano è delimitato da una monorotaia, appesa al soffitto, che si snoda lungo tutto il perimetro del tunnel. Un mini-veicolo che raggiunge appena i 6 km/h ma che rappresenta un punto di riferimento importantissimo per i lavoratori del centro scientifico più importante d’Europa.

[youtube id=”wxKRW1Z2lWo”]

I compiti di TIM

Il robot, diviso in più unità, assolve a numerose funzioni che vanno dall’ispezionare le varie zone del tunnel al trasporto degli strumenti lungo i vari percorsi. Ma è anche incaricato di catturare e analizzare una serie di dati che sono fondamentali per la vita all’interno della struttura che si trova a circa 100 metri di profondità: percentuale di ossigeno, temperatura, radioattività, sistemi di comunicazione.

tim, robot, cern

In più è in grado di scattare foto a infrarossi e di inviarle ai responsabili. In caso di emergenza, infine, è capace anche di trainare piccoli pesi e liberare ostacoli e intralci di dimensioni ridotte. TIM, nato nel 1989, ha subito da allora numerosi aggiornamenti e modifiche. Soprattutto ha visto aumentare la sua capacità di multitasking, assolvendo a mansioni sempre più tecnologicamente avanzate. Sotto la sua vigile attenzione passa il controllo dell’intera struttura del tunnel.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un box di delizie e un kit per la ricetta. L’ecommerce Caciocavallo Impiccato

Dal kit basic a quello gourmet, c’è tutto l’occorrente per preparare il caciocavallo impiccato, inclusa l’asta brevettata per tenerlo sopra una fonte di calore. Prevista a breve anche una rete di Street Food e un carrello-cucina per i ristoranti. Il progetto di Saverio Mancino nei dettagli

Allarme mondiale: il ransomware Petya dilaga bloccando trasporti, centrali elettriche e perfino Chernobyl

L’attacco, forse condotto con “Petrwap” una variante del virus Petya, già nota agli esperti, attacca le macchine Windows. Come già accaduto con Wannacry, anche in questo caso il ransomware utilizza l’exploit EternalBlue rubato alla NSA