video

TIM, il robot che lavora all’interno del CERN | Video

Il CERN di Ginevra ha pubblicato un video per far conoscere al grande pubblico TIM, l’unità robotica che si muove per i 27 chilometri del tunnel più famoso del mondo. Un vero gioiello di tecnologia.

Si chiama TIM l’unità robot che, ogni giorno, pattuglia i 27 chilometri del Large Hadron Collider (LHC) che ospita il più grande acceleratore di particelle al mondo, al CERN di Ginevra. Il suo percorso quotidiano è delimitato da una monorotaia, appesa al soffitto, che si snoda lungo tutto il perimetro del tunnel. Un mini-veicolo che raggiunge appena i 6 km/h ma che rappresenta un punto di riferimento importantissimo per i lavoratori del centro scientifico più importante d’Europa.

[youtube id=”wxKRW1Z2lWo”]

I compiti di TIM

Il robot, diviso in più unità, assolve a numerose funzioni che vanno dall’ispezionare le varie zone del tunnel al trasporto degli strumenti lungo i vari percorsi. Ma è anche incaricato di catturare e analizzare una serie di dati che sono fondamentali per la vita all’interno della struttura che si trova a circa 100 metri di profondità: percentuale di ossigeno, temperatura, radioattività, sistemi di comunicazione.

tim, robot, cern

In più è in grado di scattare foto a infrarossi e di inviarle ai responsabili. In caso di emergenza, infine, è capace anche di trainare piccoli pesi e liberare ostacoli e intralci di dimensioni ridotte. TIM, nato nel 1989, ha subito da allora numerosi aggiornamenti e modifiche. Soprattutto ha visto aumentare la sua capacità di multitasking, assolvendo a mansioni sempre più tecnologicamente avanzate. Sotto la sua vigile attenzione passa il controllo dell’intera struttura del tunnel.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup