video

TIM, il robot che lavora all’interno del CERN | Video

Il CERN di Ginevra ha pubblicato un video per far conoscere al grande pubblico TIM, l’unità robotica che si muove per i 27 chilometri del tunnel più famoso del mondo. Un vero gioiello di tecnologia.

Si chiama TIM l’unità robot che, ogni giorno, pattuglia i 27 chilometri del Large Hadron Collider (LHC) che ospita il più grande acceleratore di particelle al mondo, al CERN di Ginevra. Il suo percorso quotidiano è delimitato da una monorotaia, appesa al soffitto, che si snoda lungo tutto il perimetro del tunnel. Un mini-veicolo che raggiunge appena i 6 km/h ma che rappresenta un punto di riferimento importantissimo per i lavoratori del centro scientifico più importante d’Europa.

[youtube id=”wxKRW1Z2lWo”]

I compiti di TIM

Il robot, diviso in più unità, assolve a numerose funzioni che vanno dall’ispezionare le varie zone del tunnel al trasporto degli strumenti lungo i vari percorsi. Ma è anche incaricato di catturare e analizzare una serie di dati che sono fondamentali per la vita all’interno della struttura che si trova a circa 100 metri di profondità: percentuale di ossigeno, temperatura, radioattività, sistemi di comunicazione.

tim, robot, cern

In più è in grado di scattare foto a infrarossi e di inviarle ai responsabili. In caso di emergenza, infine, è capace anche di trainare piccoli pesi e liberare ostacoli e intralci di dimensioni ridotte. TIM, nato nel 1989, ha subito da allora numerosi aggiornamenti e modifiche. Soprattutto ha visto aumentare la sua capacità di multitasking, assolvendo a mansioni sempre più tecnologicamente avanzate. Sotto la sua vigile attenzione passa il controllo dell’intera struttura del tunnel.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria